Sempre più guanti e mascherine abbandonati, rifiuti selvaggi ai tempi del Covid

Segnalati, anche sui social, diversi casi di dispositivi di protezione individuali lasciati lungo le strade e nel verde. La testimonianza da Calolzio: «Stanco di vedere sporcizia nel giardino vicino a casa»

Anche nel territorio lecchese è allarme mascherine e guanti abbandonati. Nei giorni dell'emergenza Coronavirus c'è ancora chi si dimentica dell'ambiente e del decoro pubblico. Da più parti - sia sui social che da testimoniane dirette - rimbalzano segnalazioni di abbandono selvaggio di diversi dispositivi di protezione individuale. Un problema che è bene sottolineare anche in vista della cosiddetta Fase 2 ormai al via, nella quale l'utilizzo di mascherine e guanti sarà ancora più frequente con l'uscita di casa di più persone rispetto all'attuale lockdown. L'ultimo caso in ordine di tempo è stato segnalato oggi a Calolziocorte, in un'area verde nella frazione di Sala.

«Servono inoltre più cestini e contenitori appropriati»

«Abito di fronte a questa schifezza - racconta senza mezzi termini un calolziese mostrando (anche sul gruppo Facebook cittadino) le foto dei rifiuti abbandonati nei pressi della propria abitazione - In questo momento di emergenza Covid 19, nella quale le autorità parlano tanto di igiene, in questa aiuola ci sono un centinaio di guanti usati dai clienti del supermercato vicino. E poi ancora un rapace morto, erba alta mezzo metro, la siepe che occupa mezzo marciapiede compromettendo la distanza di un metro tra le persone. Le autorità competenti, pubbliche o private, devono contribuire alla soluzione di questo problema dei guanti che il vento porta ovunque, installando cesti più ampi di quelli esistenti (nel mio giardino e dintorni ne raccolgo una cinquantina ogni settimana, adesso sono stanco). Spero che questo civile annuncio venga ascoltato e risolto da chi di dovere, grazie». Un appello dunque non solo a una maggiore civiltà, ma anche alla predisposizione di contenitori di rifiuti più appropriati.

Violazioni del Dpcm: altre 32 persone pesone sanzionate ne Lecchese, da inizio lockdown sono oltre 1.700

Sul tema è interventuo anche Luca Caremi, assessore alla Polizia locale di Calolziocorte. «Domani Silea passerà a pulire l'aiuola, mi segnalano che ci sono anche dei clienti della banca a cui "cadono" i guanti nel cortile e poi finiscono li - dichiara Caremi - Il primo gesto di rispetto dell'ambiente e del territorio deve partire dai cittadini, se non è possibile gettare i guanti nel cestino (perchè magari è pieno) si possono portare a casa o smaltire da un'altra parte».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Anche a Mandello c'è chi ha postato sui social immagini eloquenti di mascherine abbandonate, anche nelle vie del centro. «L'inciviltà è sinonimo di ignoranza e maleducazione - si sfoga una residente - Quello che chi abbandona i rifiuti non capisce è che il paese che sporcano è lo stesso in cui vivono. E di gente, in giro, ce n'è ancora poca...»

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gessate saluta Elena e Diego, privati della loro vita dalla follia omicida del padre: «Ciao nanetti»

  • Tragedia di Margno, proseguono le indagini: rinvenuti due cellulari. Oggi le autopsie

  • Tragedia di Margno: sabato i funerali dei piccoli Elena e Diego, poi quelli di Mario Bressi

  • Abbadia: violento scontro all'incrocio tra auto e moto, centauro in ospedale

  • Tutti pazzi per le pozze, a Calolzio il sindaco in versione vigile per aiutare a snellire il traffico

  • Modifiche alla viabilità: la panoramica degli interventi in città

Torna su
LeccoToday è in caricamento