Celebrazioni dell'Avis Mandello nella suggestiva cornice di Santa Maria

Giornata di ritrovo per i volontari dell'associazione con celebrazione in ricordo degli avisini defunti

Il manifesto dell'Avis al santuario di Santa Maria sulle alture sopra Mandello.

Una messa celebrata dal vicario don Andrea Mombelli, ai 661 metri di altitudine sopra l'abitato di Mandello del Lario nella chiesa di Santa Maria, ha rinnovato l'annuale ricordo degli avisini defunti. La celebrazione di domenica è stato un appuntamento tradizionale che si ripete ogni anno e chiama a raccolta iscritti e simpatizzanti legati al sodalizio impegnato a promuovere la donazione di sangue.

Festa e premiazione con i donatori dell'Avis di Calolziocorte

Durante la ricorrenza di domenica c'è stato spazio anche per un momento ludico e pasto in compagnia. Il tutto nel suggestivo complesso religioso di Santa Maria sopra Olcio, costruito sull'antica strada che collegava il versante mandellese con quello di Esino passando per la Bocchetta di Prada. La sua presenza era già nota in epoca medioevale, quando i monaci Benedettini mettevano a disposizione dei viandanti l'annesso ospizio.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Latitante da 15 anni, preso a Milano il re dei documenti nato nel Lecchese

  • "Black Ink": riciclaggio e bancarotta, truffa da trentacinque milioni. In dodici finiscono nei guai

  • Statale 36: brutto incidente prima della "San Martino", serie le condizioni di un'automobilista

  • Si perdono in dieci nei boschi sopra Maggianico: salvati dai pompieri

  • Torna il maltempo: nel Lecchese scattano ben tre allerte

  • Il "Guardian": microplastiche, il Lario è il lago più inquinato d'Europa

Torna su
LeccoToday è in caricamento