Rifiuti sparsi per strada durante la raccolta, De Capitani attacca l'azienda che si occupa del servizio

Sfogo del sindaco di Pescate: «Silea intervenga contro i disservizi. Intanto multeremo chi ha sbagliato, nel nostro paese non tolleriamo situazioni simili»

Dante De Capitani, sindaco di Pescate.

Dura presa di posizione del sindaco di Pescate Dante De Capitani nei confronti di Silea, l'azienda che si occupa della raccolta rifiuti nel territorio lecchese e anche nel Comune da lui amministrato. Ecco la nota che il primo cittadino ha inviato oggi agli organi d'informazione lamentando alcuni disservizi.

«Dopo aver visto rifiuti di plastica, quali bottiglie di latte, di acqua e imballaggi alimentari sparsi per strada ieri mattina venerdi 29 novembre, in prossimità dei civici 154 e 174 di via Roma nella mattinata di raccolta del sacco viola, ho deciso che la mia sopportazione, che notoriamente non è  di livello alto, era giunta al massimo.
Per cui lunedì partirà una lettera di avvio di procedura di contestazione  a Silea Spa, titolare del servizio raccolta rifiuti, con tanto di ammenda per questo ed altri disservizi. Mi hanno anche  fatto fare brutta figura davanti alle migliaia di automobilisti che ogni mattina transitano sulle nostre strade, abituati a ben altri panorami. Anche mercoledi  scorso si sono verificati disservizi nella  raccolta rifiuti  in via 25 Aprile con il vetro non ritirato, senza considerare che nei giorni scorsi avevo mandato ai vertici di Silea una lettera di reclamo per non aver ritirato l'umido in via Baggioli e via Sant'Alessandro. E senza contare tutte le sanzioni che ho già comminato in passato ai singoli automezzi di raccolta rifiuti per sversamento di cartacce  sul territorio comunale. Sappiamo che non è Silea ad effettuare direttamente il servizio ma si affida ad altre ditte, ma noi il contratto l'abbiamo fatto con Silea che deve scegliere società di raccolta rifiuti  che siano in grado di gestire bene il servizio, soprattutto a Pescate. Qui devono capire che Pescate non è un comune che tollera i disservizi come gli altri.
Qui a Pescate chi sporca paga e paga salato, perche i miei stradini si dannano l'anima davanti a tutti per tener perfettamente pulito il paese,  e questi  disservizi sono veri e propri sgarbi a me, perche lo sanno tutti che alla pulizia ci tengo.
Come ci tengo che si ritirino puntualmente tutti i sacchi dei rifiuti,  anche nelle vie piu strette del paese e non solo sulla provinciale dove é più  comodo. Il valore della sanzione? Lo comunichero' solo a loro, ma non saranno le solite poche centinaia di euro che solitamente commino. Stavolta mi sono proprio incazzato, finora sono stato anche troppo tollerante».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lecco celebra il patrono San Nicolò

  • Ristoratori egiziani donano l'incasso all'ospedale di Lecco: «Il nostro grazie alla vostra sanità»

  • Tragico incidente sull'A9: morto Claudio Zara, Direttore Sanitario di Synlab San Nicolò Como e Lecco

  • Gli occhi della Prefettura sul "Cermenati": messi i sigilli con "un'antimafia" al bar del centro

  • Bimba nasce prematura in casa, intervento dei soccorsi a Vendrogno

  • Nuovo digitale terreste 2020: cosa cambia per gli utenti

Torna su
LeccoToday è in caricamento