Nuova Legge rigenerazione urbana, Piazza (FI): «Opportunità e incentivi per il recupero delle aree dismesse»

Provvedimento approvato dal Consiglio regionale. «Il singolo proprietario potrà ora contare su un'alleanza tra enti per promuovere bonifiche di territorio»

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di LeccoToday

Ieri il Consiglio regionale lombardo ha approvato una nuova legge che mette in campo incentivi e meccanismi di semplificazione per favorire il recupero di immobili abbandonati e per prevenire il degrado urbano.

«È una legge liberale e di grande attualità, che pone al centro dell'iniziativa il singolo proprietario che potrà ora contare su un'alleanza tra enti per promuovere bonifiche di territorio, anche in quelle aree oggi di difficile intervento a causa di costi e regole impraticabili» dichiara il consigliere regionale di Forza Italia Mauro Piazza.

Recupero di infrastrutture dismesse, la Provincia rilancia "Riusi"

«La vera sfida che affrontiamo con coraggio - prosegue - è il recupero degli immobili dismessi e in disuso che si persegue al fine di promuovere e incentivare attività che porteranno al miglioramento generale dei centri urbani, comprendendo aspetti di carattere sociale, economico, urbanistico ed edilizio, che siano funzionali al rilancio dei territori».

«Le modalità di intervento prevedono condizioni inequivocabili e valide su tutto il territorio regionale - continua l’azzurro - in particolare nella classificazione e individuazione degli immobili che possono essere recuperati e valorizzati, con l’applicazione delle disposizioni di legge anche attraverso le incentivazioni economiche di esenzione fiscale. Tra gli incentivi, previsti uno sconto fino al 60% sugli oneri di urbanizzazione e la possibilità di incrementi delle volumetrie fino al 20%, a fronte di tutta una serie di prescrizioni che comporteranno, in sostanza, il miglioramento delle condizioni degli edifici innanzitutto dal punto di vista energetico e della sicurezza» conclude Piazza.

Torna su
LeccoToday è in caricamento