Luca e Sedeky, l'amicizia diventa "buona prassi" e vale un riconoscimento

Delegazione della Cisl in visita alla Nostra famiglia di mandello per premiare l'assessore Picariello e un ragazzo ruandese fuggito dagli orrori della guerra

«È capitato quasi per caso, quindici anni fa. Sono contento di questo riconoscimento perché finalmente si va a parlare degli ultimi. In controtendenza al risalto a fatti eclatanti, al tralasciare queste storie che fanno meno rumore ma ti prendono il cuore. Per me è stata una crescita, nel mio lavoro alla Cisl e nella carica amministrativa che ricopro. Con lui siamo cresciuti da ragazzi a uomini, superando le piccole e grandi difficoltà del quotidiano».

Parla cosi Luca Picariello, operatore al Patronato Inas Cisl di Lecco e a Mandello del Lario dove abita, assessore in carica a Servizi sociali e Cultura. La "molla" di tutto questo, che ha portato al premio come simbolo di buona prassi nell'ambito del bando "Flavio Coconari" promosso dalla Cisl Nazionale, risponde al nome di Sedeky. Un ragazzo ruandese, oggi trentatreenne, giunto in Italia all'età di sette anni, fuggito da una guerra e dagli orrori da essa generati. Ai conflitti della terra africana si aggiungono i problemi legati alla disabilità motoria e intellettiva.

Ewan McGregor torna guzzista: testimonial della V85 TT

Luca Picariello è sempre stato in mezzo alla gente con i giovani negli oratori, con loro si è sempre rapportato da animatore. Mano nella mano con Sedeky oggi a rappresentare tutte le giornate trascorse insieme, all'interno della struttura Nostra Famiglia di Mandello del Lario e all'esterno, dove il ruandese è ospitato e svolge attività ludiche, dal suonare la batteria a quelle più impegnative legate al mondo dell'informatica.

Un rapporto  che è cresciuto col tempo e si è radicato sempre di più. Nel complesso mandellese dedicato al Fondatore don Luigi Monza, mercoledì 19 giugno al pomeriggio erano presenti i dirigenti nazionali e locali del sindacato Cisl, una delegazione composta dal segretario confederale Giorgio Graziani, da Silvia Stefanovic, da Rita Pavan segretaria generale per Monza Brianza Lecco con Mario Todeschini e Mirco Scaccabarozzi. Inoltre Paola Gilardoni della segreteria regionale e Norberto Pandolfi del patronato Inas e Franca Bodega della Federazione pensionati territoriale.

Il conferimento a luglio a Roma

Da parte della Nostra Famiglia, ad accogliere l'ufficializzazione del conferimento - che si terrà a Roma dal 9 all'11 luglio - il dottor Maurizio Sala responsabile amministrativo con Carla Andreotti e il personale addetto alla Residenza sanitaria disabili. «Superare le barriere, qualunque esse siano, è possibile e la storia di Luca e Sedeky ne è la dimostrazione» ha spiegato Giorgio Graziani. “«Quello di Roma sarà un riconoscimento che vuole premiare la possibilità di andare oltre i presunti ostacoli legati alla disabilità e alla diversità di culture» ha sottolineato Rita Pavan.

La Nostra Famiglia mandellese di via Nazario Sauro a Mandello accoglie sedici ospiti tra cui Sedeky e la connazionale Bea.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Moregallo: ritrovato il corpo senza vita dell'arrampicatore Matteo Sponza

  • Regione Lombardia riconosce cinque nuove attività storiche in provincia di Lecco

  • Scomparso 32enne: ricerche in corso sul Monte Moregallo

  • Schianto in via Mazzini a Calolzio, motociclista soccorso d'urgenza

  • Incidenti sulla SS36 nella serata di domenica: coinvolte quattro persone

  • Statale 36: doppio incidente, traffico in tilt anche lungo la Provinciale 72

Torna su
LeccoToday è in caricamento