Nuclei di polizia ambientale, il Comune di Lecco chiede una proroga alla Regione

Lo scorso aprile l'invito era giunto dal Pirellone. Francesca Bonacina: «Impossibile partire ora per carenza di personale, lavoriamo a un progetto per il prossimo futuro»

Foto di repertorio

Sicurezza urbana e ambientale, Regione Lombardia invita i capoluoghi a istituire nuclei speciali di vigilanza. Lecco non è fra i Comuni che hanno aderito, come ha spiegato l'assessore lombardo alla Sicurezza Riccardo De Corato martedì in aula consigliare, ma potrebbe entrarvi nel prossimo futuro, come chiarito da Palazzo Bovara.

La tematica, importante, nasce in particolare come risposta all'emergenza roghi nelle discariche. Tra le città capoluogo dalle quali non è giunta risposta positiva c'è anche Milano. «A oggi hanno espresso la volontà di massima di aderire i Comuni di Como, Cremona, Lodi, Mantova, Pavia e Varese», ha detto  De Corato, che spiega anche come alcune Amministrazioni comunali (Lecco, Monza e Sondrio) «hanno motivato l'impossibilità ad aderire per carenza di personale. Gli altri comuni capoluogo, benché sollecitati - specifica l'assessore - non hanno ancora dato riscontro».

Nuovo regolamento per la gestione dei rifiuti urbani: arrivano le fototrappole

L'assessore della Giunta Fontana ha ricordato poi come la Regione, per l'attuazione di questo accordo, concorra «riconoscendo agli enti un contributo relativo agli interventi di sicurezza urbana e ambientale di circa 1,8 milioni per il triennio 2019-2021». Tra l'altro De Corato ha ribadito che è già in vigore una legge regionale che prevede l'istituzione di "nuclei di Polizia locale" ad hoc e "definisce le modalità di organizzazione e attivazione degli stessi. «Il mio auspicio - ha concluso - è che si possa fare in fretta, anche alla luce degli ultimi episodi di cronaca».

«Necessario raccogliere istanze del territorio»

Sollecitata sul tema, l'assessore alla Sicurezza del Comune di Lecco, Francesca Bonacina, conferma il contatto con l'ente regionale. «Si tratta dell'attuazione di una legge che esiste da tempo - spiega - C'è stato un incontro lo scorso aprile nel quale la Regione ha chiesto alle Amministrazioni comunali di aderire a una sorta di accordo quadro, all'interno del quale c'è una declinazione operativa. I capoluoghi sono chiamati a essere capofila, raccogliendo istanze sovraterritoriali e costituendo questi nuclei di polizia locale».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Critiche per il cumulo di rifiuti in via Da Vinci. «Pessimo biglietto da visita per Lecco città turistica»

Un percorso molto impegnativo, quello suggerito da De Corato, al quale Lecco per ora ha dovuto dire no. «Avremmo dovuto presentare progetti specifici entro il 30 giugno 2019 e non avremmo avuto tempo fisico, anche per la carenza di organico di Polizia locale e la contemporanea assenza del comandante. Ora che la situazione è in fase di definizione da questo punto di vista - prosegue l'assessore Bonacina - abbiamo chiesto una proroga a Regione Lombardia per poter lavorare con calma a un progetto più ampio».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gessate saluta Elena e Diego, privati della loro vita dalla follia omicida del padre: «Ciao nanetti»

  • Tragedia di Margno: sabato i funerali dei piccoli Elena e Diego, poi quelli di Mario Bressi

  • Tragedia di Margno, proseguono le indagini: rinvenuti due cellulari. Oggi le autopsie

  • Margno: l'autopsia conferma la prima ipotesi, i gemelli sono stati strangolati

  • Mandello: caos ai Giardini, il sindaco chiude la zona a lago

  • Multa fino a 1.500 euro per chi pesca un siluro e non lo ammazza

Torna su
LeccoToday è in caricamento