Opere pubbliche, strade e sicurezza degli edifici: in arrivo fondi per i Comuni sotto i 20mila abitanti

L'annuncio dei senatori leghisti Faggi e Arrigoni: «Il Governo ha stanziato 400 milioni di Euro che saranno suddivisi tra tutti i "piccoli" enti locali italiani. Un aiuto concreto ai territori»

I senatori Antonella Faggi e Paolo Arrigoni insieme al sindaco di Calolziocorte Marco Ghezzi.

«Grazie alla Manovra il Governo ha stanziato 400 milioni di Euro per i comuni sotto i 20.000 abitanti. Si tratta di importanti risorse destinate alla sicurezza degli edifici e alle opere pubbliche». Lo comunicano il senatore della Lega Paolo Arrigoni, Questore a Palazzo Madama, che in questi giorni sta seguendo i lavori della Commissione Bilancio, e la senatrice Antonella Faggi che in una nota esprimono grande soddisfazione per un provvedimento mirato a far ripartire gli investimenti sui territori, con il solo vincolo per le Amministrazioni locali di iniziare l’esecuzione dei lavori verso la metà del 2019.

Arrigoni: «Il Governo ha sbloccato le risorse a favore degli enti locali»

«Sino in arrivo 400 milioni di euro di contributi che saranno suddivisi tra tutti i comuni italiani sotto i 20mila abitanti - spiegano Paolo Arrigoni e Antonella Faggi - Le risorse potranno essere investite per la messa in sicurezza di scuole, strade, edifici pubblici e del patrimonio comunale, per nuovi lavori pubblici o per la manutenzione straordinaria. Parliamo di cifre importanti per un bilancio comunale, che vanno da 40.000 euro per i comuni con popolazione inferiore ai 2mila abitanti a 50.000 euro per quelli tra i 2mila e i 5mila, per arrivare fino ai 70.000 euro destinati a quelli tra 5mila e 10mila e 100.000 euro per gli enti tra i 10mila e i 20mila abitanti. Dopo aver liberato, con il Decreto Milleproroghe, quasi due miliardi di euro per dare ai Comuni la possibilità di utilizzare gli avanzi di amministrazione, la Legge di Bilancio mette quindi a disposizione nuovi fondi per gli investimenti da parte degli enti locali - aggiungono i due senatori del carroccio, ex  sindaci di Calolziocorte e di Lecco - Il Governo dimostra ancora una volta di voler ascoltare la voce dei tanti eccellenti sindaci e amministratori che lavorano sui territori, e possiamo finalmente dire che è finita l’epoca dei tagli indiscriminati il cui peso è stato scaricato soprattutto sulle spalle dei piccoli e medi comuni italiani».

Tanti leghisti dal Lecchese a Roma per applaudire Salvini

Potrebbe interessarti

  • Come pulire il lavello in acciaio: rimedi naturali

  • Aree verdi nel Lecchese: 5 mete ideali per stare a contatto con la natura

  • Le proprietà della ciliegia e tutti i suoi benefici

  • Mirtillo nero: proprietà e benefici

I più letti della settimana

  • Troppi batteri nell'acqua del lago e motivi di sicurezza: vietato fare il bagno in tre spiagge del Lecchese

  • Assorbenti, coppette mestruali e sex toys: ecco il primo negozio dedicato alla vagina

  • Giù la serranda per l'ultima volta: Lecco perde anche Teorema Giocattoli

  • Strappa la collana a una donna, tre passanti lo inseguono e recuperano il bottino

  • Dervio. Accusa malore mentre è in auto: grave uomo anziano

  • Quattro giorni con gli alpini per i ragazzi della Valle San Martino

Torna su
LeccoToday è in caricamento