Allarme microplastiche nel lago, appello ai sindaci: «Controlli e prevenzione»

Densità media di 157mila particelle per chilometro quadrato. Il Movimento 5 Stelle di Mandello del Lario denuncia la situazione critica e chiede misure più severe per i trasgressori

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di LeccoToday

A seguito dell'allarme lanciato da Legambiente, relativo al Lago di Como minacciato dalla presenza di microplastiche, gli attivisti del Movimento 5 Stelle di Mandello del Lario sono preoccupati dall'inquinamento di microparticelle di plastica, come evidenziato dai rilievi effettuati dalla Goletta dei Laghi.

Il nostro Lago presenta una densità media di 157mila particelle di microplastiche per chilometro quadrato, con un picco di oltre 500mila particelle nel secondo transetto collocato più a Nord, in corrispondenza del restringimento tra Dervio (Lc) e Santa Maria Rezzonico (Co).

Vista anche la stagione estiva, con numerose presenze turistiche, facciamo appello ai sindaci di Abbadia, Mandello del Lario, Lierna, Varenna, Bellano, Dervio e Colico (Riviera orientale del Lago) affinché vengano intensificati i controlli e prese severe misure di prevenzione, e sanzioni pecuniarie nei confronti di coloro che abbandonano rifiuti, causando fenomeni di inquinamento che hanno reso drammatiche le condizioni biologiche del nostro Lago. Invitiamo i sindaci, e le autorità preposte a maggiori controlli, e alla sensibilizzazione di tutti i cittadini affinchè tutti sappiano che siamo già oltre i limiti della drammaticità.

Per il Gruppo attivisti 5 Stelle Mandello del Lario, Aldo Gallo

Torna su
LeccoToday è in caricamento