«Forno inceneritore e teleriscaldamento: si alla chiarezza, no all'ambiguità»

Ascolto Valmadrera attacca la Lega: «"No forno"? Porta dei vantaggi in campagna elettorale»

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di LeccoToday

Per onestà verso i nostri concittadini valmadreresi ci sentiamo in dovere di ribadire, ancora una volta la nostra posizione sul forno inceneritore e sul progetto di teleriscaldamento.

Noi di “Ascolto Valmadrera”, fin dalla costituzione del gruppo abbiamo espresso con chiarezza e senza ambiguità i nostri obiettivi: spegnimento del forno nel 2024, recesso dalla convenzione per il teleriscaldamento in quanto riteniamo quest’ultimo un’escamotage per continuare a bruciare in una valle in cui la conformazione orografica non aiuta certo la dispersione degli inquinanti.

Siamo convinti che da oggi al 2024 ci sia il tempo necessario per mettere in atto politiche virtuose nella gestione dei rifiuti per minimizzare il rifiuto residuale prodotto dai cittadini.

Su una materia così importante - uno degli aspetti più significativi che unisce il nostro gruppo civico è la tutela della salute – la Lega, ultima in ordine di tempo a scendere in campo nella competizione elettorale, ha dato vita ad una specie di “assalto alla diligenza”.

Scoprendo, invero un po’ in ritardo, una improvvisa vocazione anti-forno, la Lega si è "convertita” strada facendo - rinnegando precedenti prese di posizione e entrando in contraddizione con sè stessa – semplicemente perchè ha capito che dal “no forno” poteva trarne vantaggi elettorali.

Ma l’ambiguità dei leghisti nostrani non finisce qui: nel nuovo Consiglio di Amministrazione di Silea, infatti, è entrato proprio un rappresentante della Lega, i cui vertici provinciali, per niente imbarazzati, si sono affrettati (e affannati) a dire che in tal modo potranno cambiare finalmente le cose.

La realtà è un’altra. E’ stato detto, a proposito dei nominati, che si è trattato di una scelta che tiene conto delle “diverse sensibilità”: noi diciamo, invece, che si tratta semplicemente di una operazione il cui scopo è accattivarsi il consenso degli eventuali oppositori, Lega compresa.

Ascolto Valmadrera

Nuovo CdA di Silea, la Lega: «Coerenti con le linee del passato»

Torna su
LeccoToday è in caricamento