Valmadrera, stasera il Consiglio comunale. Nogara annuncia il "no" al bilancio 2018

Tra i temi all'ordine del giorno anche quello relativo all'approvazione dell'importante documento

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di LeccoToday

In riferimento alla ricezione della convocazione del prossimo consiglio comunale per il giorno 14 c.m. sono innanzitutto a comunicare che non potrò essere presente perché per la stessa data è stato convocato da tempo un cda di Ferrovie dello Stato Italiane, del quale faccio parte, come del resto immaginabile, essendo di dominio pubblico la scadenza del 15 ottobre per poter presentare ai commissari di Alitalia un’offerta definitiva di acquisto per l’operazione di salvataggio e rilancio della società. Esprimo inoltre profondo rammarico per il fatto che non vi sia assolutamente la volontà da parte del Sindaco di convocare il consiglio comunale, come del Presidente della commissione bilancio la rispettiva commissione, in una data condivisa da parte di tutti i gruppi consiliari.

L’approvazione del bilancio consolidato in discussione è un momento importante per la vita del consiglio comunale, perché è occasione per tornare nel merito del bilancio del nostro ente oltre ad esprimere delle valutazioni sulle nostre partecipazioni in Silea e Lario Reti, oltre alle indirette Seruso e SEAM Servizi in liquidazione. Certo togliendomi la possibilità di partecipare avrete un consiglio un po’ più breve probabilmente, discussioni liquidate in modo un po’ più rapido e forse anche toni un po’ meno accesi, ma questo non toglie la maggioranza dalle proprie responsabilità ed in particolare dalle proprie responsabilità chi questo bilancio lo voterà e ancor di più chi ha contribuito alla sua formazione amministrando Valmadrera anche negli anni passati, e quindi del Sindaco Rusconi primo fra tutti. Le motivazioni per la bocciatura e non condivisione di questo bilancio che è formato dal bilancio dell’ente e dalle partecipazioni, ed il primo resta comunque parte fondamentale, sono sotto gli occhi di tutti, ed anche gli amministratori di questo comune potrebbero capirlo se soltanto prendessero la sana abitudine di girare a piedi per le vie della Città, comprese le vie più dimenticate, e di parlare con la gente.

Questo bilancio non lo bocciamo noi, l’ha bocciato prima di noi il 63,90% dei valmadreresi lo scorso 26 maggio! Valmadrera potrebbe essere molto molto più bella e al servizio del cittadino, soprattutto di quelli più fragili, delle imprese, dei commercianti, delle associazioni, dei turisti, eppure oggi Valmadrera non è certo percepita, sia internamente che esternamente, come Città bella e vivibile, neppure all’abbattimento delle barriere architettoniche è stata data attenzione...e non basta lavarsi la coscienza nominando un consigliere delegato a questo, le barriere architettoniche al contrario sono un problema serio e vanno abbattute, punto! E la colpa di tutto questo è unicamente delle amministrazioni cieche che negli ultimi anni si sono susseguite, tutte di stampo di sinistra ovviamente.
Opere e servizi importanti per il nostro territorio vengono erogati inoltre dalle partecipate, protagoniste del bilancio consolidato, ma troppo spesso a noi resta oscuro il confine di dove finisca il compito del comune e inizi quello della partecipata (già oggetto di discussione in un recente consiglio), e la cosa ci preoccupa, perché per una corretta redazione dei singoli bilanci le poste debbono essere estremamente chiare e trasparenti, ad ogni servizio deve corrispondere una contropartita giustificata ed oggettiva, e gli interventi devono essere dettagliatamente previsti dai contratti di servizio esistenti e dai contratti per i singoli interventi programmati.

Non può esistere discrezionalità, perché dove c’è discrezionalità si nasconde qualcosa di torbido e un’ingiustizia per un altro comune socio, visto che la torta da dividere è una e andrebbe divisa in proporzione alle singole quote. Una gestione discrezionale è preoccupante, noi non amiamo le gestioni finanziarie “allegre”, ma amiamo la trasparenza, l’uguaglianza e le regole precise. Un altro aspetto che ci preoccupa sono le sponsorizzazioni, per le quali procederemo con uno specifico approfondimento, perché anche queste dovrebbero rispettare dei parametri prestabiliti ben precisi, e preferibilmente con l’indizione di bandi per permettere a tutti i soci di potervi accedere allo stesso modo e non soltanto a dei soci “amici” privilegiati: è già così? Abbiamo seri dubbi, ma lo verificheremo, come verificheremo l’effettiva erogazione da parte delle partecipate al comune di Valmadrera di tutti i servizi previsti e dovuti. 

Auspichiamo inoltre che le partecipate proseguano la propria attività senza creare utili inopportuni, per distribuirli poi ai comuni soci, rilevandosi di fatto le loro tariffe e le bollette delle tassazioni occulte dei comuni stessi, ma abbassino una buona volta il costo dei servizi per pesare meno sulle tasche dei cittadini già troppo tartassati! La programmazione degli utili dev’essere finalizzata per opportuni accantonamenti per riserve e investimenti, ma non bisogna creare utili da ridistribuire! Certo possono far comodo ai comuni, ma farebbero molto più comodo ai cittadini se restassero nelle proprie tasche!...

La Lega boccia quindi il passato e spera nel futuro, anche se abbiamo parecchi dubbi sul fatto che possa cambiare qualcosa con l’amministrazione attuale...noi bocciando questo bilancio consolidato restiamo comunque a disposizione dell’amministrazione per il bene dei valmadreresi, anche se è difficile collaborare con un’amministrazione che non rispetta le regole e i regolamenti ma pretende che lo facciano gli altri ed in particolare i cittadini...che le tasse le pagano, ma per vivere in una Città migliore! 

Flavio Nogara
Consigliere comunale di Valmadrera 
Lega per Salvini Premier

Torna su
LeccoToday è in caricamento