Lista civica a Mandello, «vogliamo migliorare la qualità della vita nel nostro comune»

Verso le Amministrative. Gallo, Angeli e Iovine: «Non siamo sponsorizzati da partiti, ci rivolgiamo a tutti e in particolare agli elettori del centrodestra»

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di LeccoToday

Stiano Sereni i rappresentanti dei partiti politici che a Mandello del Lario, alle prossime elezioni amministrative sosterranno la candidatura di Fasoli. La nostra lista civica, a cui vogliamo dare vita, non è sponsorizzata da nessuno, per il momento siamo solo cittadini accomunati da un solo interesse: migliorare la qualità della vita nel nostro comune, respirare Aria Pulita, affrontare i problemi di mobilità ordinaria e straordinaria, riqualificare l'illuminazione pubblica, dare maggiore decoro al Cimitero di Mandello e soprattutto difendere il nostro paese dallo scempio urbanistico messo in atto dal duo delle rotonde: Fasoli, Tagliaferri. 

Hanno soppresso una delle più importanti piazze, si accingono a realizzare uno svincoletto mulattiera, nella sola direzione di Sondrio, sanno bene che quest'opera non avrà vita lunga. Mandello è un comune che dà tanto allo Stato, in termini fiscali, se si decide di realizzare opere di una certa rilevanza, queste devono essere degne e necessarie; un comune vicino al nostro, Dervio, un quinto della popolazione di Mandello ha ottenuto un svincolo fatto con tutti i crismi e criteri di sicurezza, e costato ad Anas ben dieci volte tanto la cifra di quello che vogliono spendere per il nostro. 

Ufficiale a Mandello: Riccardo Fasoli candidato sindaco anche nel 2020

No! Cari segretari e rappresentanti dei partiti e movimenti politici, noi siamo semplicemente dei cittadini che hanno intenzione di formare una lista civica che si rivolge a tutti e che in particolar modo chiede sostegno agli elettori simpatizzanti del centrodestra, a coloro che oggi hanno perso la fiducia nei confronti del sindaco Fasoli e di questo Consiglio comunale, dimostratosi "sordo e muto" distante dai problemi dei cittadini, incapace di discutere di temi importanti che hanno provocato tantissimi disagi alla cittadinanza. I partiti non sono e non possono essere padroni degli elettori, lasciate che essi vi giudichino per le vostre azioni e disattenzioni di questo ultimo quinquennio. Come già detto da altri, in questo periodo i Lupi si svestono dal loro mantello d'Agnello.

Aldo Gallo
Flavio Angeli
Beppe Iovine

Torna su
LeccoToday è in caricamento