Valmadrera. «Aria condizionata "a metà", perchè?»: la Lega chiede lumi sull'Opera Pia

Tra le interrogazioni che verranno discusse nel Consiglio comunale di lunedì sera c'è anche quella relativa alla situazione della struttura di via Manzoni

La facciata esterna dell'Opera Pia Magistris di Valmadrera

Dopo le accuse lanciate dalla Lega verso l'Amministrazione Rusconi, il primo cittadino di Valmadrera avrà modo di rispondere ufficialmente sulla questione relativa all'aria condizionata dell'Opera Pia Magistris. A sollecitare il sindaco è lo stesso gruppo consigliare di minoranza, che ha depositato un'interrogazione urgente con risposta "in merito alle problematiche riscontrate" nella struttura: «Gli anziani ospitati hanno diritto - si legge -, e questo dovrebbe essere scontato, ad un soggiorno piacevole, oltre che da un punto di vista umano, anche da un punto di vista ambientale. Al contrario di quanto dichiarato dal sig. Sindaco a mezzo stampa, porre l’attenzione su questa problematica non può assolutamente essere considerato strumentale e politico, ma si tratta di un intervento di buonsenso e di rispetto nei confronti sia di coloro che soggiornano che di coloro che lavorano nella struttura, ritenendo che gli anziani rappresentano un enorme valore per la nostra società e per questo hanno diritto al nostro più profondo rispetto».

Valmadrera, la Lega attacca: «Follie estive all'Opera Pia Magistris»

«Rusconi, dichiarazioni irrispettose verso i parenti degli ospiti»

La Lega rincara la dose: «Riteniamo irrispettosa nei confronti delle famiglie valmadreresi che hanno un parente ospite all’Opera Pia l’affermazione a mezzo stampa del sig. Sindaco “Se questo signore - ha proseguito il primo cittadino - non è soddisfatto dei costi della struttura, può chiedere il trasferimento dell'anziana parente altrove”, visto che non è semplice ed è un sacrificio per molte famiglie affrontare una spesa di oltre 1.800 mensili per pagare la retta dovuta. Abbiamo riscontrato che la struttura è dotata di impianto di aria condizionata soltanto al primo piano e parte del terzo, mentre gli altri: piano terra, secondo e più di metà del terzo piano, al contrario di quanto dichiarato dal sig. Sindaco a mezzo stampa,  ne sono sprovvisti, con la conseguenza che nelle ore più calde della giornata gli ospiti nel limite del possibile ci risulta vengano “ammassati” al primo piano e nei corridoi del terzo (dove l’aria condizionata c’è…)».

La richiesta è chiara: «Vogliamo conoscere le motivazioni per le quali in tutti questi anni l’amministrazione comunale di Valmadrera non è intervenuta, dotando tutta la struttura di impianto di aria condizionata, se dopo la risonanza mediatica finalmente ha deciso di intervenire in modo risolutivo e con che tempistiche. Soprattutto le persone più deboli e gli anziani, ancor di più se con gravi malattie in fase acuta o malattie cronico degenerative, come problemi cardiaci, diabete, insufficienza respiratoria o renale, malattia di Parkinson, o gravi malattie mentali, malattia di Alzheimer e altre forme di demenza, nonché in situazioni di non autosufficienza o confinate a letto, hanno la necessita’ di vivere in condizioni climatiche adeguate, in quanto durante le ondate di calore, quando le temperature permangono alte in modo anomalo per più giorni consecutivi, si possono verificare anche eventi fatali».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Esselunga fa felici due lecchesi: due Mini in regalo, i numeri vincenti

  • Individuato l'uomo che punta i pedoni con l'auto come in un "folle gioco"

  • Ladri in azione in Valle San Martino: spaccato un muro a picconate per rubare anche dalla cassaforte

  • Best Bakery ancora sul lago: in gara "MDM", lo scettro del lago va sul ramo occidentale

  • Statale 36: incidente poco fuori dall'Attraversamento, traffico bloccato verso Lecco

  • Domenica di cadute in montagna: elisoccorso in volo quattro volte

Torna su
LeccoToday è in caricamento