Ats Brianza attiva l'assistenza domiciliare specifica per l'emergenza Covid

Potranno beneficiare del servizio i positivi al virus dimessi dall'ospedale, quelli già a casa per l'isolamento e con sintomi riconducibili all'infezione

Ats Brianza ha attivato il percorso di presa in carico in cure domiciliare Adi in ambito Covid ai sensi dgr 2906 e 2986/2020.

Di cosa si tratta? L'Adi Covid è un profilo di cure domiciliari, gratuito, destinato ai pazienti Covid positivi o a pazienti sintomatici sospetti Covid positivi, che necessitano di osservazione e assistenza a bassa intensità e che si trovino in una situazione di fragilità/ non autosufficienza, anche parziale.

Il percorso è dedicato a persone, residenti o domiciliati sul territorio del'Ats Brianza che per condizioni clinico assistenziali, collegate a infezione da virus Covid-19, necessitano di osservazione e assistenza a bassa intensità e si trovino in una situazione di fragilità/non autosufficienza, anche parziale, e richiedono interventi di supervisione e monitoraggio che garantiscano loro il rientro in sicurezza a domicilio, dopo ricovero ospedaliero, o il mantenimento a domicilio.

Le persone eleggibili al profilo devono presentare stabilità clinica, assenza di gravi compromissioni sociali, condizioni abitative che permettano una corretta e sicura assistenza, e una rete familiare di supporto con care giver principale in grado di gestire, previo adeguato addestramento, la gestione dell’isolamento e prevenzione al contagio.

Le tipologie di persone contemplate

  • Covid positivi dimessi da strutture ospedaliere e dal PS verso il domicilio
  • Covid positivi già a proprio domicilio per il periodo di isolamento domiciliare obbligatorio
  • Con sintomatologia clinica suggestiva per Covid cui non è stato effettuato, in applicazione delle indicazioni regionali e nazionali, il tampone

Coronavirus, appello dell'Ats: «Riportate in farmacia le bombole d'ossigeno vuote»

L'attivazione del profilo Adi Covid segue le stesse modalità previste per la cosidetta ADI ordinaria: su richiesta del Medico di Medicina Generale o Pediatra di Famiglia oppure da parte del medico di reparto, nel caso del paziente in dimissione protetta, o su segnalazione della Centrale Operativa ATS.

A oggi, a poco più di una settimana di attivazione del nuovo servizio, che coinvolge 12 erogatori accreditati per l'Adi che hanno offerto la disponibilità a erogare questo impegnativo percorso di cura, sono state prese in carico 455 persone con una media giornaliera di circa 65 assistiti al giorno.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Casazza: «Quest'azione affianca l'attività dei medici dell'Usca»

«Quest'azione - spiega il direttore  generale Silvano Casazza - si affianca e integra l'attività dei medici che compongono il team dell'Usca (Unità di speciale di continuità assistenziale), servizio attivato in questi giorni per assistere a domicilio i pazienti con sintomatologia riconducibile al Covid, e per supportare il grande lavoro  che tutti i nostri operatori sanitari, a vario titolo, stanno svolgendo insieme ai medici di Medicina generale, i medici di Continuità assistenziale e i pediatri di Libera sScelta per contrastare, insieme, quest'emergenza».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Allo stadio "Rigamonti-Ceppi" l'ultimo saluto alla giovane Chiara Papini. Ai domiciliari l'investitore

  • Transumanza a Lecco: il maxi gregge ha completato il suo viaggio verso la Valsassina

  • Scontro fra moto a Mandello, conseguenze gravi per tre persone

  • Settecento persone per l'ultimo saluto a Chiara al "Rigamonti-Ceppi": «Siete ragazzi speciali, ricordatelo»

  • Aria di lago e montagna: Stefan De Vrij e la compagna Doina a spasso sul Monte Barro

  • Coronavirus, il punto: nel Lecchese è il primo giorno con zero tamponi positivi

Torna su
LeccoToday è in caricamento