← Tutte le segnalazioni

Eventi

"L'ESPERIENZA DEL PERCORSO DI ARTETERAPIA IDEATO E CONDOTTO DALL’ARTISTA E ARTETERAPEUTA MALGRATESE LUISA COLOMBO AL CARCERE DI BOLLATE,  DIVENTA UN LIBRO" 23 luglio 2015, Sala Aldo Moro, Camera dei Deputati, Roma.

"L'ESPERIENZA DEL PERCORSO DI ARTETERAPIA IDEATO E CONDOTTO DALL'ARTISTA E ARTETERAPEUTA MALGRATESE LUISA COLOMBO AL CARCERE DI BOLLATE, DIVENTA UN LIBRO"
23 luglio 2015, Sala Aldo Moro, Camera dei Deputati, Roma.

Giovedì 23 luglio, presso la Sala Aldo Moro della Camera dei Deputati, in Roma, nel corso del convegno "Quarant'anni dall'approvazione della legge di riforma penitenziaria" dove si è discusso della detenzione in carcere in generale e, nello specifico, del progetto "Arteterapia in carcere", è stato presentato il libro "I COLORI DELLA LIBERTA'", volume editato dalla Camera dei Deputati, e scritto a quattro mani dall'On Dambruoso e da Luisa Colombo.

Il Libro raccoglie le testimonianze dei detenuti maturate nell'ambito del percorso "OLTRELESBARRE, Arteterapia in carcere", ideato e condotto dall'artista e arteterapeuta malgratese Luisa Colombo e promosso e sostenuto dal Questore della Camera On Stefano Dambruoso, magistrato di fama internazionale, riconosciuto per le sue massime competenze in tema di terrorismo internazionale. Il progetto, tutt'ora in essere presso la Seconda Casa di reclusione di Milano- Bollate, grazie al finanziamento del Centro Studi Culturale Parlamento della Legalità di Milano, nella persona del Presidente, Dott. Umberto De Matteis, , ha da subito avuto l'obiettivo di favorire il recupero ed il reinserimento nella società civile dei detenuti fruitori del progetto, attraverso un percorso di arteterapia sviluppatosi presso il Secondo reparto del carcere, i cui risultati ottenuti, inaspettati ed eclatanti, sono stati tali che la Camera dei Deputati ha ritenuto utile editare questo volume come strumento di riflessione e riabilitazione, riconoscendo a questo progetto un alto contenuto di valori, educativi, riparatori e riabilitativi.

La presentazione, avvenuta durante la conferenza in occasione del 40° anniversario della riforma penitenziaria, ha offerto spunti di riflessione grazie alle parole dei relatori che hanno partecipato a questo evento, aperto e condotto dall'On Dambruoso, padrone di casa e sostenitore di questo progetto, al quale hanno fatto seguito i discorsi dell'On. Andrea Orlando, Ministro della Giustizia, del dott. Santi Consolo, Capo del Dipartimento di Amministrazione Penitenziaria, dell'On. Donatella Ferranti, Presidente della Commissione Giustizia alla Camera dei Deputati e del dott. Massimo Parisi, direttore della Casa di reclusione di Milano-Bollate, i quali hanno elogiato l'operato dell'Arteterapeuta Luisa colombo, per i risultati ottenuti sia a livello artistico ma soprattutto a livello umano. Alla presentazione hanno partecipato, cinque detenuti, tra i tanti che hanno fruito del progetto , dopo aver ricevuto l'autorizzazione dal DAP ed a proprie spese , per portare la propria testimoniare sull'importanza dell'iniziativa.

Al termine della conferenza, alla quale erano presenti diverse autorità tra cui il Generale Tullio del Sette, Comandante generale dell'Arma dei carabinieri, il Questore Dambruoso ha invitato l'ideatrice del progetto, l'artista Luisa Colombo, a condividere con i presenti i momenti principali e più importanti che hanno permesso a questo progetto di assumere l'importanza che gli è stata pubblicamente riconosciuta e che sono ampiamente riportati nel volume, grazie anche al contributo scritto personalmente dai detenuti.

A tutti i presenti è stato poi comunicato dal Questore che dal primo al 15 ottobre p.v., nella cornice della splendida Villa Reale di Monza, si terrà una mostra di numerose opere che i detenuti hanno creato durante le ore del laboratorio di arteterapia e in occasione della quale sarà ripresentato al pubblico il volume "I COLORI DELLA LIBERTA'".

"Quella alla Camera dei Deputati ", spiega Luisa Colombo, "è stata un'esperienza unica ed ora si torna alla quotidianità con una marcia in più e con la carica giusta per affrontare i nuovi progetti già in cantiere. Questa esperienza mi ha spesso portato a rimettermi in discussione professionalmente ma soprattutto umanamente, permettendomi di confrontarmi con una realtà difficile da comprendere se non la si vive in prima persona. E' doveroso, da parte mia, ringraziare chi mi ha supportato in tutti questi mesi di lavoro faticoso, rendendo possibile la realizzazione del progetto "Oltrelesbarre Arteterapiaincarcere " prima e della pubblicazione del libro dopo. Il mio ringraziamento va al Dott Vito Potenza, che tenendosi sempre dietro le quinte, ha fatto da regista ad ogni più piccolo sviluppo del progetto, seguendo personalmente e scrupolosamente ogni step di tutto questo percorso da quando era un'idea, alle prime fasi del suo sviluppo sino ad ora; all'On Stefano Dambruoso che, nonostante gli importanti impegni istituzionali, ha sempre, trovato il tempo di far sentire a tutto il gruppo di Arteterapia la sua presenza e il suo sostegno costante, supportato dal prezioso aiuto dei suoi assistenti, Luca Maggioni e Daniela Morini. Un ringraziamento particolare va alla all'Associazione Centro Studi Culturale Parlamento della Legalità di Milano, nella persona del Presidente Umberto De Matteis, che ha finanziato per intero e continua a farlo, questo progetto all'interno del carcere. Doveroso è il ringraziamento a tutti gli organi della II Casa di Reclusione di Milano Bollate per la costante collaborazione, in modo particolare alle educatrici di reparto e agli assistenti della Polizia Penitenziaria del Secondo reparto che hanno appoggiato e supportato ogni più piccolo progetto sviluppatosi all'interno del reparto e soprattutto grazie ai ragazzi del mio gruppo che hanno affrontato con costanza e impegno questo progetto e hanno accolto l'invito del Questore di essere presenti alla presentazione del libro per portare la loro testimonianza."

L'evento è visibile in streaming sulla webtv della Camera dei Deputati al seguente indirizzo: http://webtv.camera.it/home

Segnalazioni popolari

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Segnalazioni popolari

Torna su
LeccoToday è in caricamento