Doppietta azzurra a Bormio, «grande spot per i Giochi del 2026»

Paris e Innerhofer dominano la discesa libera di Coppa del mondo sullo Stelvio. Un grande successo organizzativo e di pubblico. Fontana e Rossi: «La Lombardia è pronta»

Innerhofer, Paris e Feuz sul podio di Bormio

"Italjet" da sogno sulla pista di Bormio. Sulla mitica pista Stelvio, ghiacciata come in rare occasioni, Dominik Paris ha colto il decimo successo in carriera in Coppa del mondo, anticipando di 36 centesimi il compagno di squadra Christof Innerhofer. A completare il podio Beat Feuz.

Il grande successo di pubblico, oltre che dal punto di vista tecnico, ha inorgoglito i rappresentanti istituzionali del territorio. «Sul podio di Bormio oltre a Paris e Innerhofer, salgono anche la Valtellina e i valtellinesi. L'organizzazione è stata all'altezza di un'Olimpiade a conferma che la Lombardia ha tutte le carte in regola per puntare alle Olimpiadi invernali del 2026». Lo ha detto il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, complimentandosi con gli atleti azzurri protagonisti assoluti della discesa libera di Coppa del mondo che si è svolta venerdì mattina a Bormio.

«È il lancio della candidatura italiana a sede dei Giochi»

«La discesa libera e il superG (in programma sabato, ndr) di Bormio assumono un rilievo che va oltre l'evento agonistico - ha spiegato il sottosegretario regionali ai Grandi eventi sportivi Antonio Rossi - Sono infatti i primi grandi appuntamenti sportivi da considerarsi come lancio della candidatura italiana a sede dei Giochi olimpici invernali del 2026. Il fatto poi che la gara di oggi veda sui gradini piů alti del podio due italiani ci riempie di orgoglio e ci fa ragionare con ancor piů ottimismo».

«La Valtellina si presenta di fronte agli atleti e al grande pubblico internazionale con l'ambizione e la prospettiva di conquistare, con la candidatura "Milano-Cortina 2026", le Olimpiadi del 2026. Un banco di prova, quello di Bormio, che sta dimostrando come la Lombardia possa contare su strutture
eccezionali e su un'organizzazione di ottimo livello».

Rossi Bormio 2018-2

Sertori e Cambiaghi: «Sport forma di promozione efficace»

Sulla due giorni del circo bianco a Bormio è giunto anche il commento dell'assessore regionale agli Enti locali, Montagna e Piccoli comuni Massimo Sertori. «Lo sport, con i valori che rappresenta e le emozioni che è in grado di suscitare, si conferma una delle forme di promozione più efficaci, grazie alle sue capacità di esaltare i territori e far conoscere l'offerta turistica, da quella ricettiva a quella
gastronomica. La Coppa del Mondo - ha concluso Massimo Sertori - è certamente una vetrina internazionale per un territorio unico e che merita di essere valorizzato in ogni occasione così come il grande lavoro che i valtellinesi hanno fatto in questi mesi per far sì che tutto fosse perfetto».

«È una grande giornata di festa grazie alla straordinaria prestazione dei nostri "jet" azzurri che ci hanno fatto vivere emozioni uniche - ha aggiunto l'assessore allo Sport e Giovani, Martina Cambiaghi - Un trionfo che è anche un ottimo viatico per la candidatura olimpica di Milano e Cortina 2026».

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    «Se non ci paghi, ti picchiamo e ti roviniamo»: arrestati prostituta e il presunto marito

  • Notizie

    Depuratore di Lecco: interventi per 1,2 milioni di euro. «Qualità dell'acqua migliorata»

  • Notizie

    Treni: «con il cambio di orario puntualità salita oltre l'82%»

  • Cronaca

    Scarico a lago non autorizzato, 6.000 euro di multa al Comune di Olginate

I più letti della settimana

  • Le cinque camminate sul lago più belle nel Lecchese

  • Bosisio Parini: donna trovata morta in via Vittorio Veneto

  • Ribaltamento all'interno dell'attraversamento: chiusa la galleria in direzione Milano

  • Frustato perchè non abbastanza produttivo: giovane lavoratore si licenzia e denuncia il caso

  • Incendio in una ditta in Via Arlenico, in azione i Vigili del fuoco

  • «Padelli, sono lecchese come te. Mi dai la maglia?». E il portiere risponde presente

Torna su
LeccoToday è in caricamento