Galbiate: Bernard Dematteis re del Monte Barro. Infranti i record

Il fortissimo atleta piemontese ha preceduto Fabio Bazzana ed Elia Balestra. Al femminile vittoria per Samantha Galassi

Bernard De Matteis sulla vetta del Monte Barro

E' Bernard De Matteis (Corrintime) il re del Monte Barro. Il fenomeno piemontese, campione europeo di corsa in montagna nel 2013, si è imposto nella Monte Barro Running (15,5km, 850d+) in 1h14'2", staccando in maniera netta il recente vincitore del Valcava Vertical Fabio Bazzana (Valetudo - Serim, 1h17'05") ed Elia Balestra (Atletica Valle Brembana, 1h17'17").

Monte Barro Running 2018: la classifica assoluta e quella per categorie

Demolito il precedente record di gara, così come accaduto per quello femminile: chiudendo la sua gara in 1h32'43", Samantha Galassi (Recastello Radici Group) ha conquistato vittoria e firma sul minor tempo per completare il percorso, lasciando lontane Anna Caglio (Polisportiva Besanese, 1h38'04") e Chiara Fumagalli (I Bocia, 1h38'53").

Circa cinquecento le persone che hanno preso parte alla nona settima edizione della competizione galbiatese, preceduta dalla quarta della Monte Barro Junior.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gessate saluta Elena e Diego, privati della loro vita dalla follia omicida del padre: «Ciao nanetti»

  • Valmadrera, tragedia sul Sentiero delle Vasche: ritrovato un corpo senza vita

  • Mandello piange Marco Maggioni, scomparso a 55 anni

  • Multa fino a 1.500 euro per chi pesca un siluro e non lo ammazza

  • Ritrovata e affidata alla famiglia la minorenne scomparsa da Rogeno

  • Mandello, transenne e code intorno alle aree a lago off limits

Torna su
LeccoToday è in caricamento