L'impresa di Andrea Oriana: a nuoto, senza sosta, da Lecco a Colico

L'ex detentore del record dei 200 delfino è partito sabato mattina dal capoluogo ed è giunto, scortato dal Caimano Leo Callone, nel centro altolariano alle 22, completando un percorso di 38 chilometri: «La sfida è il punto più alto di rapportarsi a se stesso»

Andrea Oriana prima della partenza

Andrea Oriana ha compiuto la sua impresa: nuotare da un vertice all'altro del ramo lecchese del lago, da Lecco a Colico, 38 chilometri in acque libere senza mai fermarsi.

L'impresa è stata realizzata dal campione di nuoto e olimpionico (già detentore del record dei 200 delfino), nonché apprezzato allenatore, sabato 27 giugno, seguito da amici e dal suo staff, che ha immortalato la traversata e aggiornato gli appassionati con numerose dirette Facebook.

Oriana, non nuovo a imprese di questo genere, ha scelto di completare il lago in lunghezza senza sosta e senza muta, perché, ha spiegato, «la sfida è il punto più alto di rapportarsi a se stesso, il punto più intimo e veritiero di ogni persona. E quando sei in sfida, riesci a toccare vette fisiche ed emozionali che ignoravi di avere».

Il mare ferma Andrea Oriana: traversata della Manica rinviata al 2020

Il 47enne lecchese ha così sfidato le correnti, l'acqua fredda in alcuni punti del Lario, la fatica: «Quando nuoti - scriveva alla vigilia della partenza - arriva un istante che ti senti parte del fluido, un brivido che sa di acqua nell'acqua».

C'è anche un fine nobile a motivare i 38 chilometri non-stop: l'omaggio a Nicola Callone, figlio di Leo, il "Caimano del Lario", scomparso vent'anni fa in un tragico incidente, e alle vittime del Covid-19.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Oriana, che ha ringraziato Fabio Milani e lo staff di Pratogrande per averlo sostenuto, è partito da Lecco intorno alle 11 di sabato ed è giunto a Colico dopo le 21, nel buio della sera di fine giugno tra gli applausi di un nutrito gruppo di spettatori ad accoglierlo e "scortato" proprio da Callone nella parte finale. In attesa della prossima sfida da affrontare.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Valmadrera, tragedia sul Sentiero delle Vasche: ritrovato un corpo senza vita

  • Mandello piange Marco Maggioni, scomparso a 55 anni

  • Multa fino a 1.500 euro per chi pesca un siluro e non lo ammazza

  • Ritrovata e affidata alla famiglia la minorenne scomparsa da Rogeno

  • Nudi in spiaggia ad Abbadia, in sei multati dai carabinieri

  • Ragazzi senza patentino scappano dopo l'incidente: oltre 5.000 euro di multa

Torna su
LeccoToday è in caricamento