Sala al Barro, il presidente Negri: "Creato un importante danno economico, valuteremo il da farsi"

Il numero uno del Gruppo Sportivo espone il suo pensiero dopo la sentenza emessa dal giudice Mirko Lombardi nella giornata di mercoledì. Convocato per venerdì il consiglio direttivo d'urgenza

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di LeccoToday

Come a tutti noto, siamo stati chiamati in giudizio per rispondere dei “rumori” che, con la nostra attività sportiva, avremmo causato alle Famiglie Recalcati.

Nella mia qualità di Presidente del Gruppo Sportivo Sala al Barro vi comunico che è stata emessa nei giorni scorsi la sentenza, che non ha fortunatamente danneggiato l’attività calcistica del nostro Settore Giovanile. Infatti, il Giudice ha riconosciuto l’importanza del centro sportivo per il territorio, ed ha cercato di contemperare le nostre esigenze con quelle dei signori Recalcati.

In questo modo, gli orari di apertura dal 10 settembre al 21 giugno di ogni anno, permetteranno lo svolgimento regolare di tutti gli allenamenti e delle partite di campionato, in quanto l’apertura del centro sportivo sarà dalle ore 14 alle ore 21.30/22.30, a seconda dei giorni.

L’unica limitazione è quella domenicale, dove purtroppo dovremo giocare dalle ore 10 alle 13.30: questa penalizzazione ci vedrà costretti a gestire al meglio gli spazi.

Purtroppo siamo stati particolarmente penalizzati in tutte quelle attività ricreative, ludiche e di aggregazione per le quali il nostro Gruppo sportivo ha sempre dato un importante valore aggiunto al territorio, che con suoi tanti ed eccezionali volontari ha sempre cercato di creare un momento di svago e di amicizia per le famiglie, che vorrei ringraziare pubblicamente per la vicinanza e l’affetto che ci hanno dimostrato in questo periodo particolarmente difficile.

Questa attività, che ci permetteva di raccogliere fondi per finanziare le attività del centro e la sua manutenzione, è venuta a mancare, e creerà sicuramente un importante danno economico al nostro Gruppo.

Ho già provveduto a convocare d’urgenza il Direttivo dell’Associazione e nei prossimi giorni valuteremo il da farsi, notificando al Comune di Galbiate quelle che saranno le nostre esigenze per garantire le attività future e per garantire una continuità del servizio, essenziale soprattutto per i nostri bambini e poi per le loro famiglie.

Alessandro Negri
Presidente GS Sala al Barro

Torna su
LeccoToday è in caricamento