rotate-mobile
Mercoledì, 1 Dicembre 2021
Animali

La pulizia delle parti sensibili del cane: come prendersi cura di zampe, occhi e orecchie

Ogni cane ama farsi accarezzare, ma occuparsi della pulizia di alcune parti del suo corpo non è affatto semplice

Il cane ha un ruolo sempre più importante all’interno della comunità: dopo essere entrato nelle nostre case, ha conquistato tantissimi cuori fino a diventare il nostro migliore amico.

Questo rapporto si è rafforzato nel corso degli anni perché riesce sempre a stupirci. Capita spesso di rimanere senza parole davanti alla sensibilità che ha nel capire un nostro stato d’animo e di prodigarsi per darci conforto. Questo avviene perché i cani hanno comportamenti che istintivamente riescono ad entrare in connessione con i nostri.

Il cane diventa quindi il nostro punto di riferimento, abbiamo voglia di trascorrere del tempo in sua compagnia, di prendere in mano guinzaglio e pettorina e uscire alla scoperta della natura che ci circonda oppure semplicemente di organizzare giochi per farlo divertire e divertirci.

Stare all’aperto ha i suoi vantaggi, ci permette di rimanere in forma ed è importante per assecondare la natura del peloso che non perderà occasione di annusare tutto quello che lo circonda, correndo o rotolandosi nel prato.

L'approccio cognitivo-relazionale ci insegna che Il cane deve essere lasciato libero di esprimere totalmente sé stesso, ma tra una corsa e un salto può succedere che si sporchi con qualcosa che ha un odore poco piacevole. Anche se il peloso deve essere lavato il meno possibile, questo è proprio il caso di procedere con un bel bagno.

Lavare il cane non è un’attività da prendere sotto gamba e bisogna fare attenzione soprattutto quando ci approcciamo agli occhi, alle orecchie e alle zampe. Per scoprire come farlo nel modo corretto rispettando al tempo stesso la natura del peloso, possiamo farci aiutare dagli amici di Rolling Dogs.

Testa e zampe sono punti sensibili per il cane

IMG_5942-2

I cani sono animali espansivi, coccoloni, che amano farsi accarezzare, ma non dobbiamo dimenticare che ci sono determinati punti del corpo particolarmente sensibili e che vanno manipolati con le dovute accortezze.

Bocca, naso, occhi e ogni elemento presente sulla testa, sono molto delicati per il cane, dunque devono essere toccati con le dovute accortezze. Lo stesso vale per le zampe, questo perché sono parti del corpo che l’animale considera personali e quindi riuscire anche soltanto a sfiorarli può diventare complicato.

Come manipolare i punti sensibili del cane

IMG_6104-2

Può capitare di dover pulire le orecchie, le zampe o qualsiasi punto sensibile del cane, ma non sempre siamo in grado di farlo nel modo corretto.

A volte, pensando di agire nel loro interesse, li manipoliamo nel modo sbagliato e li forziamo contro la loro volontà. Il peloso infastidito può reagire contro di noi in modo poco piacevole.

Per evitare di far stare male il quattro zampe, dobbiamo avere molta pazienza e approcciarci con calma. La cosa più importante è conquistare la fiducia di Fido attraverso gesti graduali e quotidiani. Se inseriamo nella routine giornaliera, con estrema delicatezza, il contatto delle parti sensibili, il pet inizierà ad abituarsi.

Oltre ad agire con calma, dobbiamo imparare anche quando è il momento di approcciarci al quattro zampe. Non è importante se il cane è adulto o cucciolo, o se ci troviamo a casa o all’aperto, quello che non dobbiamo mai dimenticare è che il peloso deve essere manipolato solo quando è rilassato.

Al contrario, cercare di toccare un cane quando è attivo, suscita nel peloso uno stato emozionale che si traduce in disagio e che inibisce il pet ancora prima di iniziare. Quindi assolutamente non bisogna braccarlo o costringerlo a farsi controllare contro la sua volontà.

Invece, un buon momento è quando siamo insieme sul divano e lo coccoliamo: in quel momento il peloso è in uno stato di naturale rilassatezza e quindi è meno sensibile ai tocchi, ma più predisposto a questo tipo di contatto. Inoltre, durante le coccole il cane si è già abituato alle nostre mani e quindi raggiungere le parti più sensibili diventa più semplice.

Anche se si trova a proprio agio, comunque, dobbiamo ricordare di utilizzare poca forza nei gesti, applicando tocchi superficiali per breve tempo.

Dedicando tutti i giorni pochi minuti a questo tipo di manipolazione, il cane la accetterà sempre di più e noi potremo aumentare gradualmente il tempo e l’intensità dell’interazione.

Questo tipo di approccio quotidiano non solo ci consentirà di tenere sotto controllo la pulizia di orecchie, occhi e zampe, ma aumenterà la fiducia del peloso nei nostri confronti e rinforzerà il nostro rapporto.

Come pulire orecchie, occhi e zampe del cane

IMG_3761-2

Una volta che il cane si sarà abituato alla manipolazione dei punti sensibili possiamo iniziare ad introdurre gradualmente degli oggetti come asciugamani, cotton fioc o carta assorbente che ci permetteranno di pulire meglio gli occhi, il naso o le zampe del cane.

Per imparare a farlo nel modo corretto, possiamo guardare il video e seguire le indicazioni di Ilari Facchinetti e Matteo Baldi di Rolling Dogs.

Prenderci cura della sua igiene e nello stesso tempo farlo sentire a suo agio è semplice. Continuate a seguirci e scoprirete tutti i consigli che hanno in serbo i responsabili di Rolling Dogs.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La pulizia delle parti sensibili del cane: come prendersi cura di zampe, occhi e orecchie

LeccoToday è in caricamento