rotate-mobile
Annunci Varenna

I valori del XXV Aprile e i Sentieri della memoria

Celebrazioni anche nei comuni del lago dove si trovano luoghi simbolo della Resistenza

I rappresentanti della sezione Lario Orientale dell’Anpi hanno partecipato alle principali celebrazioni organizzate con i sindaci del territorio, per festeggiare il 79° compleanno dell’Italia libera e democratica. Stefano Sacco a Mandello del Lario e gli oratori Roberto Citterio a Fiumelatte di Varenna ed a Bellano, Angelo De Battista a Colico e Pierfranco Mastalli a Dervio. L'occasione è stata importante anche per riscoprire alcuni di quei sentieri della memoria che scorrono sulle alture del ramo lecchese del lago, luoghi simbolo della Resistenza.

"Oltre a ricordare i singoli accadimenti storici di ciascuna località, come Anpi abbiamo voluto anche ribadire che celebrare il 25 aprile è anche un momento del presente, in cui cerchiamo, tra i lasciti della Resistenza, la bussola che ci indichi la strada in un mondo complesso e difficile - spiegano i portavoce dell'Anpi - Quella bussola è la Costituzione Repubblicana, frutto della Resistenza: oggi, purtroppo, vediamo messo in discussione l’impianto della nostra Legge fondamentale che ha dato vita alla Repubblica, una e indivisibile, fondata sul lavoro (art.1) e sulla pari dignità sociale delle persone, che la Repubblica stessa si impegna a garantire (art.3)".

"Dobbiamo sempre attuare e non indebolire la nostra Costituzione. Anche perché, tra i suoi valori c’è quello che oggi è il più necessario: il valore della pace. Oggi purtroppo il mondo è funestato da molte guerre e due sono sulla porta di casa, in Ucraina e in Palestina. Da sempre l’Anpi è in prima fila a condannare la guerra e a chiedere la pace. Una scelta che non deve stupire, perché se è vero che la Resistenza è stata anche armata, è altrettanto vero che la guerra non l’hanno proclamata i partigiani ma c’era già, scatenata dal nazismo e dal fascismo e che la libertà e la pace sono state le principali aspirazioni degli uomini e delle donne della Resistenza".

"In questo 25 aprile l’Anpi fa un appello: non cediamo a chi ci dice che la guerra è inevitabile, ma facciamo rivivere la speranza in un mondo migliore, unito nella ricerca di una buona convivenza tra i popoli, fondata anche sull’equa distribuzione delle risorse. La piena attuazione della Costituzione è il vero programma di rinascita dell’Italia: a tal fine chiudiamo con una citazione del monologo di Antonio Scurati censurato dalla Rai 'Finché quella parola - antifascismo - non sarà pronunciata da chi ci governa, lo spettro del fascismo continuerà ad infestante la casa della democrazia italiana".

XXV Aprile Fiumelatte.

XXV Aprile Fiumelatte. (2)

XXV Aprile Sangrato.

Itinerari della Memoria.

Mandello XXV Aprile.

Mandello XXV Aprile. (2)-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I valori del XXV Aprile e i Sentieri della memoria

LeccoToday è in caricamento