Abiti troppo succinti, mamma e figlia non entrano in Tribunale

Il regolamento vieta gli "shorts" per motivi di decoro, così la guardia giurata ha bloccato le due donne all'ingresso perchè eccessivamente scoperte. Non sarebbe il primo episodio

Dura lex, sed lex. Il celebre detto latino in materia di diritto ben si applica al caso accaduto nei giorni scorsi in Tribunale a Lecco, dove una madre e una figlia non sono state fatte entrare perchè indossavano abiti troppo succinti. Un regolamento interno a Palazzo di Giustizia del luglio 2015 dispone infatti l'utilizzo di indumenti - e più in generale la tenuta di un tono e di un comportamento - rispettosi del decoro, dato l'importante ruolo istituzionale e pubblico del Tribunale stesso.

Fiammata da quadro elettrico, ustionati due operai del Tribunale

Complici le giornate di caldo torrido, la quarantenne e la ragazza si sono presentate in una tenuta più consona al lungolago piuttosto che a un Palazzo di Giustizia. All'ingresso le guardie giurate di turno hanno quindi chiesto loro di non entrare e di tornare in un'altra occasione con vestiti più appropriati al luogo, e quindi più coperte. Un episodio indubbiamente curioso che a Lecco avrebbe più di un precedente.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La terra trema: in serata terremoto rilevato nel territorio di Ello

  • Bollo auto: ecco cosa cambia nel 2020

  • Barzio: tragedia sullo Zucco Angelone, arrampicatore cade durante la scalata e perde la vita

  • Offerte di lavoro, Sport Specialist assume personale nel Lecchese: come candidarsi

  • Satech si amplia con una nuova sede e trenta assunzioni per il 2020

  • Tragedia a Osnago: attraversa i binari e muore sotto il treno

Torna su
LeccoToday è in caricamento