rotate-mobile
Attualità

Inseparabili anche dopo la morte: sì ai cimiteri per gli animali da compagnia

Il via libera da Regione Lombardia, potranno essere realizzati anche i crematori. La relatrice Claudia Carzeri: "Atto di civiltà"

Inseparabili anche dopo la morte: via libera dalla Regione Lombardia alla realizzazione dei cimiteri per gli animali da compagnia. E potranno essere realizzati anche i crematori. La Commissione consiliare Sanità, presieduta da Emanuele Monti (Lega), ha approvato oggi a larga maggioranza (solo due astensioni: Azione e M5S) il progetto di legge che disciplina la realizzazione, localizzazione e gestione dei cimiteri per animali d'affezione. Una novità che interessa dunque anche il territorio lecchese.

Il documento, di cui Claudia Carzeri (FI) è relatrice e promotrice insieme a Consiglieri di diversi gruppi di maggioranza e del gruppo Misto, intende stabilire una normativa uniforme e completa circa la realizzazione di tali aree, assicurando la continuità del rapporto affettivo tra i proprietari e i loro animali deceduti, nonché garantire la tutela dell'igiene pubblica, dell'ambiente e della salute.

“La mia proposta - ha spiegato Claudia Carzeri - nasce dal fatto che, nelle case italiane, la presenza di animali d’affezione è sempre maggiore: pensiamo, infatti, che circa il 39% dei nostri connazionali, una cifra pari a circa 20,3 milioni di persone, possiede almeno un cane o un gatto in famiglia. Inoltre, come la pandemia ha dimostrato, gli animali domestici rivestono spesso un ruolo essenziale anche nella cura di disturbi specifici: un esempio è sicuramente quello della pet therapy, ormai sempre più diffusa e che tocca ambiti sempre maggiori".

La storia degli scoiattolini salvati dal Cras "Stella del Nord"

"Gli animali d’affezione sono, quindi, veri e propri membri della famiglia e, in quanto tali, meritano di avere un luogo decoroso nel quale commemorare la loro scomparsa. Una società civilmente evoluta, infatti - aggiunge Carzeri - non può non favorire una corretta convivenza tra le persone e gli animali non solo durante la loro vita, ma anche dopo la loro dipartita". Il progetto di legge regola, in maniera chiara e completa, sia la localizzazione dei cimiteri che la loro gestione, prevedendo altresì la disciplina relativa al trasporto delle spoglie e al loro seppellimento.

Nei cimiteri per animali da compagnia si possono sia deporre le urne cinerarie sia inumare le carcasse, posando anche cippi e targhe funerarie. La costruzione e l’ampliamento dei cimiteri per animali da compagnia sono soggetti al rilascio dei necessari titoli edilizi da parte del Comune competente per territorio, che si avvale dell’Agenzia di Tutela della Salute per la verifica degli aspetti igienico sanitari. I cimiteri per animali da compagnia possono essere realizzati e gestiti sia da enti pubblici che da soggetti privati. Prevista la realizzazione di crematori, anche all’esterno dei cimiteri, previa autorizzazione del Comune nell’ambito della pianificazione urbanistica, in conformità alle norme regionali, comprese quelle recenti di rigenerazione urbana.

La Giunta regionale, entro 180 giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge, definisce con Regolamento regionale le modalità attuative. Il progetto di legge, costituito da 14 articoli, è privo di norma finanziaria, in quanto non prevede stanziamenti dal bilancio regionale. Sarà discusso dall’Assemblea lombarda nella seduta di martedì 18 ottobre.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Inseparabili anche dopo la morte: sì ai cimiteri per gli animali da compagnia

LeccoToday è in caricamento