Coronavirus, la movida costa cara: per gli aperitivi "fuori legge" multe fino a 3mila euro

Il governatore lombardo Attilio Fontana alza la soglia di attenzione e minaccia provvedimenti immediati

Via Roma, cuore di Lecco BONACINA/LECCOTODAY

Aperitivo sì, aperitivo no. L'happy hour continua a essere uno dei temi caldi, caldissimi della fase 2 dell'emergenza Coronavirus. Regione Lombardia e comune hanno riaperto bar e ristoranti nei giorni scorsi e hanno dato l'opportunità ai locali di espandersi all'esterno senza pagare tasse proprio per cercare di rimettere in moto "l'economia dell'aperitivo". Però, c'è un però. I primi giorni della "nuova normalità" hanno mostrato che a Lecco il rito dell'happy hour non è affatto passato di moda: vari bar della città, sia in centro che in periferia, sono tornati ad accogliere un gran numero di persone. E inevitabilmente, e non per colpa dei titolari dei locali, mantenere il distanziamento sociale e tenere sempre la mascherina indossata - che in regione è obbligatorio - diventa un po' più complicato.

«Purtroppo - ha tuonato mercoledì mattina il governatore Attilo Fontana - ci sono ancora piccole sacche, ci sono alcune attività sulle quali non riusciamo ad avere una convinzione sufficiente: troppi apericena, troppi bar sommersi di persone e questo non va assolutamente bene». Il rischio, evidente, è quello di un ritorno al passato in tema di restrizioni: «È chiaro che, se la cosa dovesse continuare, saremo costretti a chiudere quelle attività - ha sottolineato il numero uno del Pirellone -. Noi abbiamo dato la possibilità di riaprire bar e ristoranti, a condizione che si rispettino certe regole. Se queste regole non vengono rispettate e la gente si ammassa in un bar è chiaro che purtroppo non potremo continuare a lasciare quella libertà», ha ribadito. 

In serata una mano a Fontana potrebbe essere arrivata dal ministro dell'Interno, Luciana Lamorgese, e dal capo della polizia, Franco Gabrielli, che hanno deciso di iniziare a controllare bar e locali dalle 18 in poi, proprio dall'orario dell'aperitivo. L'obiettivo, chiarissimo, è evitare assembramenti e gruppi di persone che stazionano in strada o ai tavolini a bere, magari troppo vicini tra loro. Così, poliziotti, carabinieri, finanziari e ghisa - come aveva chiesto l'assessore lombardo alla sicurezza, Riccardo De Corato - saranno chiamati a controllare tutte le aree più frequentate per verificare che le prescrizioni siano rispettate. 

Nella circolare inviata dal numero uno della polizia a tutti i questori d'Italia si chiede infatti, tra le altre cose, proprio di assicurare «il rispetto del divieto di assembramento». «Alla luce del graduale riavvio delle attività economiche e di un progressivo riassetto della vita sociale - si legge - si richiama l'attenzione sulla necessità di orientare il massimo impegno verso l'attività di controllo del territorio per prevenire e contrastare ogni tentativo di ripresa dell'operatività delle organizzazioni criminali, nonché della criminalità diffusa». E quindi, ecco il passaggio, allo stesso tempo i questori dovranno assicurare «il rispetto del divieto di assembramenti e di aggregazioni di persone e l'osservanza delle misure del distanziamento sociale».

Per i cittadini che si lasciano prendere la mano dalla movida le multe vanno da 400 a 3mila euro. Per i negozianti che colpevolmente permettono assembramenti nei propri locali, invece, c'è addirittura la possibilità della sospensione della licenza. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Viveva legata a un calorifero: le guardie ecozoofile salvano il pitbull Maya

  • Covid-19, la Asst Lecco fa chiarezza: al momento terapie intensive vuote

  • Covid-19, nuova ordinanza regionale: nuove regole per bar e ristoranti, "stop" alle competizioni dilettantistiche da contatto

  • Il governatore Fontana firma l'ordinanza: stop a movida e allo sport dilettantistico

  • Covid-19, i numeri del "Manzoni": occupato l'ottanta per cento dei posti nei reparti ad-hoc. Piena la terapia intensiva

  • Offerte di lavoro, Sport Specialist assume personale nel Lecchese: come candidarsi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccoToday è in caricamento