menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Assemblea +Europa Lario: nuovo vertice, rinnovato l'impegno

«Coglieremo tutte quelle occasioni di iniziativa politica, anche elettorali, che possano evolversi nel senso del rafforzamento dell’alleanza strategica dei laici, riformatori, europeisti, liberali ed anche verdi»

Sì è tenuta online l’Assemblea di +Europa Lario, rinviata di diversi mesi a causa della pandemia. Nelle relazioni degli esponenti al termine del loro mandato si è evidenziata la necessità di continuare la politica che per molto tempo solo +Europa ha sostenuto, «contro il populismo irresponsabile di “destra” e di “sinistra”».

L’Assemblea rileva come «le forze riformatrici, laiche, europeiste e liberali sono minoritarie quanto a peso e consistenza politica, può tuttavia aprire per esse scenari nuovi, specialmente dopo l’insediamento del governo Draghi, scenari nei quali in prospettiva potrebbero affermarsi come l’unica vera alternativa al confronto tra una sinistra di stampo venezuelano e una destra di stampo orbaniano».

Il coordinatore neoeletto Francesco Cima Vivarelli, di Como, dichiara: «Coglieremo tutte quelle occasioni di iniziativa politica, anche elettorali, che possano evolversi nel senso del rafforzamento dell’alleanza strategica dei laici, riformatori, europeisti, liberali ed anche verdi per affermare sul territorio questa politica di cui + Europa è il perno, un fermento di novità e un punto di riferimento».

«Continueremo nelle due provincie il percorso iniziato nell’autunno scorso a Lecco insieme ad Azione, Appello per Lecco e Alleanza Civica - dichiara il neo tesoriere Matteo Redaelli di Cantù - in supporto di liste autenticamente civiche e innovatrici».

«Abbiamo in programma anche di discutere serenamente e ampiamente delle crepe apertesi nella sanità lombarda - aggiunge Domenico Saggese, di Olginate, presidente appena eletto -, e non abbiamo dimenticato Trenord e il suo pessimo servizio, che ha ricevuto per Natale 2019 in regalo un rinnovo contrattuale senza appalto».

«+Europa Lario ha tenuto il primo congresso a distanza introducendo il metodo innovativo del voto on line. Questo tipo di avanguardia è la stessa a cui guardiamo sempre nella ricerca del buon governo, tanto a livello nazionale, dato il nostro passaggio dall’opposizione al Conte 1 e 2 all’essere in maggioranza nel governo Draghi, quanto a livello locale con la ricerca di personalità riformatrici civiche e competenti. Auguro alle nuove cariche elette buon lavoro, la strada per sconfiggere i populismi e i sovranismi è ancora lunga», conclude Luca Perego, coordinatore uscente di +Europa Lario, coordinatore di +Europa Lombardia.

Gli eletti:

  • Francesco Cima Vivarelli, 55 anni, comasco, avvocato, era militante nel PR già negli anni '80;
  • Matteo Redaelli, 40 anni, canturino, ingenere, impiegato presso Leonardo Elicotteri, è appassionato di politica e membro di +Europa dalla sua nascita;
  • Domenico Saggese, 56 anni, olginatese, programmatore, ha fatto volontariato per anni nel settore della disabilità, ha aderito a +Europa dal suo nascere.
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Cos'è il lasciapassare per uscire dalla Lombardia e spostarsi tra regioni

Attualità

Le 10 meraviglie architettoniche da scoprire nel Lecchese

Attualità

Si prenota per il vaccino anti-Covid, poi rinuncia: «Ho paura»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento