Venerdì, 19 Luglio 2024
Il passo

La Lombardia festeggia per l'Autonomia differenziata: “È eccezionale”

Arrivato l'ultimo “sì”: “La regione diventa più forte”

La Lombardia festeggia per l'Autonomia differenziata. “A dirlo mi tremano le gambe per l'emozione”: l'annuncio è stato dato dal ministro per gli Affari regionali e le autonomie Roberto Calderoli. La Camera ha approvato il ddl sull'autonomia differenziata. Il testo è stato votato con 172 favorevoli, 99 contrari e un astenuto. L'ok dal Senato era già stato dato a gennaio, ora il provvedimento diventa legge. 

“L'approvazione di oggi - spiega Calderoli - è il coronamento di anni e anni di battaglie politiche della Lega, all'interno delle istituzioni e nelle piazze insieme ai militanti, con un voto che scrive una pagina di storia per tutto il Paese. Da questo momento in avanti c'è un iter tracciato e ben definito, che permetterà alle regioni di valorizzare le proprie eccellenze e garantire servizi sempre migliori ai cittadini, nel segno della responsabilità e della trasparenza”, scrive il ministro. 

Anche il governatore della Lombardia, Attilio Fontana, ha commentato il risultato con gioia: “Una notizia eccezionale per la Lombardia e per i lombardi che, sette anni fa, con un referendum, avevano espresso in maniera chiara e netta la volontà di andare in quella direzione. Con l’autonomia avremo più competenze in diverse materie e potremo confermare la nostra capacità amministrativa rendendo ancora più forte la nostra regione - scrive sui social il presidente della Regione -. Ringrazio tutti coloro che hanno creduto in questo progetto e in particolar modo il ministro Calderoli che ha dato un impulso deciso per raggiungere questo traguardo. Con l’autonomia la Lombardia sarà libera di correre ancora più velocemente”. 

Lo scopo della legge è quello di decentralizzare. Le regioni a statuto ordinario che lo chiederanno potranno avere autonomie di gestione su un massimo di 23 materie tra cui sanità, istruzione, energia e sicurezza sul lavoro. 

La Lega lecchese: “Realizzato un sogno”

“19 giugno ore 7.40: si realizza un sogno lungo 40 anni! 40 anni di battaglie, manifestazioni, petizioni, gazebo e referendum portati avanti dalla Lega, da Umberto Bossi, da Roberto Maroni, da Matteo Salvini, dalle da decine di migliaia di militanti e sostenitori. Oggi finalmente l’autonomia è realtà ed è legge. Ci abbiamo sempre creduto e non abbiamo mai smesso di lottare. Un grazie di cuore a tutti coloro che hanno reso possibile che la data di oggi sia una data storica per il Paese. Viva l'autonomia e viva la Lega!”, esulta Daniele Butti, segretario provinciale della Lega lecchese.

“È una giornata storica e bellissima. Il Parlamento ha dato corpo alla volontà di milioni di lombardi e di veneti che con il referendum del 2017 hanno chiaramente espresso in maniera democratica la volontà un autogoverno regionale più forte”: così il sottosegretario lecchese alla Presidenza della Regione Lombardia con delega all’Autonomia e ai Rapporti con il Consiglio regionale Mauro Piazza, in forza alla Lega, ha commentato l’approvazione del ddl sull’Autonomia approvato in via definitiva dalla Camera dei deputati.

Foto per CS autonomia 2 piazza calderoli-2

L’esponente della Giunta lombarda ha ricordato l’impegno profuso in questa direzione dall’ex governatore lombardo Roberto Maroni, scomparso nel novembre del 2022. “Il nostro pensiero – ha ricordato Piazza – va a Roberto Maroni, che con la consultazione popolare di otto anni fa ha tracciato il percorso di questa riforma, che oggi si realizza grazie all’infaticabile lavoro di un altro lombardo, il ministro degli Affari regionali e Autonomie Roberto Calderoli, si realizza concretamente aprendo una nuova stagione per il nostro Paese.

Mentre Camera e Senato discutevano il Disegno di Legge, Regione Lombardia in parallelo per essere subito pronta ad attivare l’autonomia. “Dopo un lungo lavoro di un anno, sotto la regia del Presidente Attilio Fontana, e con la collaborazione di tutte le direzioni regionali della Giunta Lombarda – fa sapere il sottosegretario Piazza - una volta che sarà pubblicata in Gazzetta ufficiale la legge, siamo pronti ad attivarci nel negoziato con il governo centrale sfruttando anche la Preintesa del 28 febbraio 2018, che era stato un primo passo per il riconoscimento di maggiore autonomia alla Regione Lombardia”.

Cosa cambia con l'Autonomia differenziata

Piazza fa sapere quali sono le materie per le quali Regione Lombardia è pronta a chiedere maggiori forme di autonomia: Commercio con l’estero, Previdenza complementare e integrativa, Professioni, Protezione civile, Rapporti internazionali e con l’UE, Coordinamento con la finanza pubblica e del sistema tributario, Tutela della salute, Tutela dell’ambiente e dell’ecosistema.

Sei di queste otto materie, fa notare l’esponente di Palazzo Lombardia, “sono materie non LEP, che possono essere immediatamente oggetto della ripresa del negoziato con il Governo. Per le ultime due – ha osservato Piazza - vi sono già importanti determinazioni nella normativa statale in tema di livelli essenziali delle prestazioni, in particolare per la Tutela della salute materia per la quale i livelli essenziali sono previsti dai c.d. LEA (di cui al Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 12 gennaio 2017), Tutela dell’ambiente e dell’ecosistema materia per la quale la legge 132/2016 ha previsto i c.d. livelli essenziali delle prestazioni tecniche ambientali – LEPTA”.

Foto per CS autonomia mauro piazza-2

Ci muoveremo in questa cornice, ha assicurato Piazza, “avendo ben salda l’idea che con l’autonomia regionale non ci sarà una nuova forma di centralismo. Al contrario – sottolinea - vi sarà un nuovo protagonismo per tutti gli enti locali, nel quale Regione Lombardia si renderà regista di un processo progressivo caratterizzato da gradualità per promuovere lo sviluppo economico e coesione per rimuovere gli squilibri economici e sociali e per favorire l'effettivo esercizio dei diritti della persona”.

“Ringrazio il vicepremier Matteo Salvini che da sempre ha creduto in questo progetto e per aver sostenuto questo percorso, al Parlamentare e Coordinatore della Lega Fabrizio Cecchetti e a tutta Lega lombarda che da 40 anni è al lavoro per ottenere questo importante risultato” ha concluso Piazza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Lombardia festeggia per l'Autonomia differenziata: “È eccezionale”
LeccoToday è in caricamento