Venerdì, 17 Settembre 2021
Attualità

Disturbi del comportamento alimentare, Baffi: «Recepite in Commissione Sanità le mie proposte al progetto di legge»

Il consigliere regionale spiega le proposte approvate: «Coinvolgimento della medicina del territorio, monitoraggio dei dati epidemiologici e continuità nel percorso di cura»

Il consigliere regionale Patrizia Baffi

«Coinvolgimento della medicina del territorio, monitoraggio dei dati epidemiologici e continuità nel percorso di cura, sono alcune delle proposte che ho presentato oggi in Commissione Sanità in occasione della votazione degli emendamenti al progetto di legge n. 128 "Disposizioni per la prevenzione e la cura dei Disturbi della Nutrizione e dell'Alimentazione e il sostegno ai pazienti e alle loro famiglie" e che sono state recepite nella proposta che arriverà presto in aula per l'approvazione della nuova legge regionale» dichiara il consigliere regionale del Gruppo misto Patrizia Baffi a latere dei lavori della Commissione.

«Ho sottoscritto questo Pdl convintamente, in quanto credo che ce ne sia una forte necessità e le numerose audizioni che sono state promosse nelle scorse settimane con i portatori di interesse lo hanno confermato, mettendo in luce sia i punti di forza del testo che gli aspetti migliorabili, che ho cercato di tradurre in proposte costruttive. Nel mio intervento di presentazione degli emendamenti che ho depositato per la seduta odierna, ho voluto sottolineare l'importanza del coinvolgimento dei Medici di famiglia e dei Pediatri di Libera Scelta, prime sentinelle sul territorio, nella Cabina di Regia per la prevenzione e la cura dei disturbi della nutrizione e dell'alimentazione istituita dalla Giunta Regionale - prosegue Patrizia Baffi - in quanto ritengo che la medicina del territorio sia una componente fondamentale per migliorare la presa in carico precoce dei pazienti e che deve quindi poter apportare, anche all’interno di un eventuale tavolo tecnico operativo, il proprio contributo».

Baffi (Italia Viva): «Le misure a oggi adottate per sopperire alla carenza di medici di famiglia sono inadeguate»

«Ho inoltre chiesto di prevedere tra le funzioni attribuite alla Cabina di Regia, l'attività di monitoraggio dei dati epidemiologici per consentire di valutare l'efficacia clinica ed economica del sistema con la finalità di renderlo più performante - sottolinea il consigliere regionale - e di garantire soprattutto continuità nel percorso di cura, affidando alla Giunta regionale il compito di definire percorsi per la transizione, concordata tra relative equipe, dai servizi per i minori ai servizi per gli adulti. I disturbi del comportamento alimentare hanno esordi sempre più precoci, richiedono tempi lunghi di riabilitazione, un periodo che spesso abbraccia l'età infantile, preadolescenziale, adolescenziale e adulta: la previsione di percorsi che assicurino il passaggio graduale dai sistemi della Neuropsichiatria Infantile ai Centri per gli adulti, come richiesto da più parti nel corso delle audizioni, risulta quindi indispensabile per garantire la dovuta efficacia e continuità di cura».

La clausola valutativa

«Ho proposto infine anche l'introduzione della clausola valutativa, strumento indispensabile per il Consiglio regionale ai fini della valutazione, nel corso degli anni, dell'efficacia del testo normativo» evidenzia Patrizia Baffi. «Il nuovo articolo prevede in particolare una relazione biennale che andrà a documentare e descrivere le azioni attivate da Regione Lombardia per il riconoscimento precoce dei disturbi del comportamento alimentare, lo stato di avanzamento sulla previsione nelle Asst di interventi ambulatoriali, le attività formative promosse da Regione Lombardia e le iniziative di sensibilizzazione e informazione promosse sul territorio regionale, oltre ad eventuali criticità riscontrate nell’attuazione della legge. Sono molto soddisfatta per l'approvazione del testo al cui interno sono stati recepiti anche i miei contributi e per l'incremento delle risorse stanziate, che oggi sono state portate a 1,5 milioni di euro. Ora non resta che attendere la discussione in aula calendarizzata per il prossimo 16 febbraio» conclude.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Disturbi del comportamento alimentare, Baffi: «Recepite in Commissione Sanità le mie proposte al progetto di legge»

LeccoToday è in caricamento