Bambini maleducati in pizzeria. Il ristoratore ai genitori: «Educateli o statevene a casa»

Un messaggio diretto e provocatorio, tra lo scherzoso e il seccato, quello del giovane ristoratore Gabriele Berbenni sulla porta del suo locale "Bagà - la pizza digeribile” a Villa di Tirano

Gabriele Berbenni insieme alla fidanzata.

«I bambini lasciati incustoditi a correre in giro per il locale che urlano, o in piedi su panche e sedie, disturbano gli altri clienti. Pertanto ci riserviamo il diritto di prenderli in cucina a lavare i piatti con tanto di nastro adesivo sulla bocca». È così che recita il cartello apposto dal giovane ristoratore Gabriele Berbenni sulla porta della sua pizzeria "Bagà - la pizza digeribile” a Villa di Tirano, nella vicina provincia di Sondrio.

La notizia su Sondrio Today

Un messaggio diretto e provocatorio, tra lo scherzoso ed il seccato, rivolto ai genitori di quei bambini che disturbano la quiete nel locale e che mettono a repentaglio il servizio del personale.

«I clienti che vengono nel nostro locale hanno il piacere di passare il loro pranzo/cena in assoluta tranquillità, senza sottofondi di bambini maleducati che strillano» ha sottolineato Berbenni.

Poi si rivolge direttamente ai genitori dei bambini maleducati, dando loro alcuni "consigli pratici" nel caso non riuscissero a controllare i propri figli: «Potete venire a Bagà senza bambini, educare i vostri figli, cambiare pizzeria o starvene a casa vostra» ha affermato il pizzaiolo senza troppi giri di parole.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Una scelta coraggiosa che riapre il dibattito sul giusto comportamento da tenere nei luoghi pubblici

Una comunicazione esasperata ed amara, tanto da essere firmata dall'"Uomo nero", che riporta sulla scena del dibattito pubblico l'annoso tema dell'educazione e del giusto comportamento nei luoghi pubblici. Una scelta che sta facendo molto discutere e ad ogni modo coraggiosa quella del ristoratore capace di correre il rischio di perdere clientela pur di avere serenità nel proprio locale e poter offrire momenti di pace agli altri avventori.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni Comunali di Lecco: si va al ballottaggio, a inizio ottobre il nuovo sindaco della città

  • Elezioni, Amministrative di Lecco: iniziato lo spoglio. Exit poll: Ciresa tra il 49 e il 53%

  • Dove gustare un buon aperitivo a Lecco

  • Omicidio di Olginate: dopo otto giorni, Stefano Valsecchi si è costituito

  • Entrano in una scuola, interrompono la lezione e sbeffeggiano l'insegnante: denunciati due diciottenni

  • Carabinieri in forze ed elicottero nei cieli di Calolzio, serrate ricerche per trovare il presunto omicida di Olginate

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccoToday è in caricamento