menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Covid, troppi rischi: la Starlight Valmadrera rinuncia alla Serie B

La società, interpellando giocatrici e dirigenza, ha deciso di non iscriversi al campionato. Il presidente Pino Scelfo: «Dobbiamo giocare a basket in maniera tranquilla e divertente»

Una decisione sofferta, che scuote l'ambiente, ma chiara e significativa. La Starlight Valmadrera rinuncia al prossimo campionato di Serie B femminile, conquistato un anno fa sul campo grazie alla promozione dalla C.

A partire dal 1° febbraio, rispettando tutte le normative covid, anche le formazioni cestistiche del campionato cadetto riprenderanno gli allenamenti in maniera costante e continua. Senza dubbio una bella notizia. Si parla anche di un ritorno all'attività agonistica, visto che da marzo potrebbero ripartire i vari campionati a squadre. Una prospettiva che la società del presidente Pino Scelfo non vuole prendere in considerazione.

La Starlight Valmadrera promossa dalla Serie C

«Indubbiamente è una bella notizia - commenta Scelfo - Ma il sottoscritto, giustamente, deve ascoltare anche il proprio direttivo e anche le ragazze della prima squadra. C'è stata una riunione tramite piattaforma con la prima squadra e le giovanili per analizzare la situazione. In settimana sono giunte le risposte personali (singolarmente) della serie B, il direttivo si è riunito in consiglio straordinario per valutare le risposte date e giungere a una decisione: è emerso che il direttivo non è propenso a portare avanti una stagione a rischio, a singhiozzo, incerta. Prendersi a carico una situazione di emergenza sanitaria di questa entità, che potrebbe avere altri risvolti, diventa difficile da gestire. In primis per la sicurezza delle persone e delle atlete. Ci sono delle situazioni molto particolari, e umane, all'interno del roster. Ragazze che stanno vivendo in casa, in prima persona, la grave situazione del covid. Dobbiamo giocare a basket in maniera tranquilla e divertente. Bisogna giocare a basket con il giusto spirito agonistico. La stessa società ha pieno rispetto delle persone che fanno parte all'interno della Starlight, pertanto a malincuore si è deciso di non prendere parte al campionato».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La nuova truffa corre su WhatsApp: casi anche nel Lecchese

social

"Lol chi ride è fuori": il programma è già diventato un tormentone

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento