rotate-mobile
Giovedì, 26 Maggio 2022
Attualità Brianza / Largo Mandic, 1

Benvenuto Egor, nato a Merate dopo la fuga dalle bombe in Ucraina

La gioia del personale dell'ospedale Mandic che ha assistito Alina. Per Asst Lecco si tratta del secondo parto di una mamma scappata dalla guerra

La gioia di un'altra nascita contro l'orrore di una guerra. Fiocco azzurro nel reparto di Ostetricia e Ginecologia dell’ospedale “San Leopoldo Mandic” di Merate - diretto da Gregorio Del Boca - dove ieri pomeriggio è venuto alla luce il piccolo Egor. Sua mamma, Alina Davydovych, era partita dalla città di residenza, Chernigov, con il suo primogenito di soli 8 anni accompagnata da altre donne con altri bambini in fuga dalla guerra. Dopo tre giorni estenuanti di viaggio in pullman è arrivata a Cernusco Lombardone dove è stata ospitata da una famiglia di conoscenti.

Alina e il suo bimbo saranno ora accolti da una famiglia brianzola

Egor è nato a termine (39+1 settimane - 3.570 chilogrammi) alle ore 15.33 del 28 marzo. Si tratta del secondo bambino dell'Ucraina nato in una struttura ospedaliera di Asst Lecco dopo Yana, partorita nei giorni scorsi al Manzoni, nella città capoluogo. "Si tratta di un altro lieto evento, questa volta al Mandic di Merate, che illumina questi giorni funestati dalla guerra - commenta Paolo Favini, Direttore generale di Asst Lecco - Benvenuta in Italia a mamma Alina e benvenuto al mondo al piccolo Egor”.

Ucraina 3-2

"Siamo riusciti ad attivare un’ottima relazione con la signora Alina, nonostante non parli italiano né inglese - racconta Marinella Miselli, ostetrica del Mandic di Merate (nella foto sopra) - Alina è stata molto collaborativa e ci è apparsa tranquilla, forse anche perché era al suo secondo parto".

Ucraina 2-2-2

Accanto a lei la collega Betti Pirola con la ginecologa Anna Biffi e il primario Gregorio Del Boca. "Inutile dire che è stata una nascita particolarmente emozionante per tutti noi - aggiunge Miselli - Come sempre stiamo facendo del nostro meglio per far sentire la mamma con il suo bambino a casa. Alina dovrebbe essere dimessa giovedì, dopodomani, e verrà ospitata con il suo piccolo da una famiglia di Cernusco Lombardone”. (Nelle foto, due colleghe del nido)

Ucraina 4-2

In fuga dall'Ucraina sotto le bombe; "Grazie per aver accolto me e i miei bimbi"

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Benvenuto Egor, nato a Merate dopo la fuga dalle bombe in Ucraina

LeccoToday è in caricamento