Acclamato nel direttivo dell'associazione in memoria del compianto papà

La storia: Marco Gelli, 46 anni, diventa consigliere del Bike Team Formaggilandia2, società di cui il padre Vico, anima del ciclismo lecchese, è stato simbolo per anni

Marco Gelli con il padre Vico, scomparso lo scorso marzo

Il ciclismo è uno degli sport più nobili e romantici, lo è da sempre. E spesso le sue storie travalicano lo sport, abbracciando altri aspetti importanti della vita.

L'ennesimo esempio di quanto sosteniamo arriva da Malgrate, dalla società Bike Team Formaggilandia2. Marco Gelli, 46 anni, è stato eletto all'unanimità consigliere del sodalizio, a sei mesi dalla scomparsa del papà Vico, portato via lo scorso marzo dal Covid-19 ma indimenticata anima dell'associazione malgratese nonché del comitato di Lecco della Federazione italiana Ciclismo.

Addio a Vico Gelli, anima dell'associazionismo e del mondo del ciclismo lecchese

Un passaggio di consegne ideale, non scontato, fortemente voluto da tutti. «Vico Gelli è stato un grande appassionato di ciclismo e da anni collaborava attivamente sia con noi formaggini che con la Federazione Ciclistica Italiana, di cui era consigliere per la provincia di Lecco - dichiara il presidente del Bike Team Formaggilandia2 Roberto Maggioni - mi è sembrato naturale proporre il ruolo a suo figlio, l'unico in grado di riempire il vuoto che ha lasciato Vico in tutti noi appassionati».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Amo la bicicletta, mi darò da fare»

La proposta del presidente ha trovato ampio riscontro tra i tesserati, tanto che Gelli è stato eletto per acclamazione all'unanimità, senza bisogno di votazione. «Il presidente Maggioni mi ha chiesto se ero interessato a occupare il posto lasciato vuoto da mio padre e ho subito accettato - sono le parole di Marco - Come dirigente sono sicuramente acerbo, ma amo la bicicletta e sono sicuro che, grazie all'entusiasmo del presidente, sarà facile prenderne la scia. Il faro c’è, bisogna solo impegnarsi e darsi da fare».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un lockdown "morbido" tra dieci giorni e l'ipotesi coprifuoco alle 21 in tutta Italia

  • Oggiono: incidente in via per Molteno, giovane finisce in ospedale in gravi condizioni

  • Covid-19, i numeri del "Manzoni": occupato l'ottanta per cento dei posti nei reparti ad-hoc. Piena la terapia intensiva

  • Ferrovie, sulla Milano-Lecco debutta il treno Caravaggio: «Investimento triennale da un miliardo e mezzo»

  • Ordinanza regionale sotto accusa, Gattinoni: «Ci era stata consegnata una bozza diversa per la Dad»

  • Ospedale di Lecco, «in caso di necessità pronti ad accogliere 200 pazienti covid»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccoToday è in caricamento