Valmadrera, approvato il Bilancio di previsione. Rusconi: «Solo a settembre saremo in grado di capirne di più»

Il documento è stato stilato tra dicembre e gennaio e discusso in Commissione prima della pandemia di Coronavirus che, inevitabilmente, inciderà in maniera profonda sui conti delle Amministrazioni. Ammonta a 5.725.935,82 euro il fondo di cassa finale presunto

Antonio Rusconi, sindaco di Valmadrera, durante il Consiglio di lunedì sera

Durante la lunga sessione del Consiglio comunale di Valmadrera andata in scena lunedì 21 aprile punto fondalmentale all'ordine del giorno era il nono. L'"Approvazione nota di aggiornamento del Documento Unico di Programmazione (D.U.P.) 2020-2022 e del Bilancio di previsione per gli esercizi finanziari 2020-2022" è stata anticipata dalla sintesi del sindaco Antonio Rusconi, che ha poi diffuso la relazione illustrata: ammonta a 5.725.935,82 euro il fondo di cassa finale presunto. Il documento approvato è stato redatto tra dicembre 2019 e gennaio 2020, dopodichè avevano fatto seguito l’approvazione della Giunta Comunale (4 marzo), il deposito della la proposta di bilancio (9 marzo) e la discussione in Commissione Bilancio (19 marzo). «Forse solo a settembre saremo in grado di capire quali entrate in meno decideremo di avere o avremo come tariffe, quali posticiperemo o rateizzeremo», ha spiegato il primo cittadino; entrambi i Gruppi di minoranza (Lega e Ascolto Valmadrera) hanno dato voto contrario al documento.

Valmadrera: quattro milioni e mezzo per le opere pubbliche, tutti gli interventi messi a bilancio

La seduta, in apertura, è stata segnata dal ricordo di Pamela Cazzaniga, consigliere recentemente scomparsa per un virus tropicale e sostituita con atto formale da Piera Crippa, del fratello del consigliere Domenico Mazzitelli, di Maria, mamma del sindaco Rusconi, e di Dodo Ferretti, ex assessore presso il Comune di Malgrate.

Durante la relazione al bilancio il Sindaco ha inoltre ricordato l’arch. Carlo Colombo di Galbiate, recentemente scomparso,  che ha spesso collaborato con il Comune di Valmadrera e del quale  ha sottolineato la professionalità, la competenza e la dimensione umana.

"Purtroppo dobbiamo dare inizio a questo consiglio comunale che, con la sua anomalia di svolgimento, ci ricorda l'impossibilità di ritrovarci insieme, di un confronto che, oltre che politico sia anche umano e ci ricorda soprattutto la stagione di sofferenza e di dolore che tante famiglie del nostro Paese, soprattutto della Lombardia , ma anche della nostra comunità di Valmadrera stanno vivendo. Questo dolore e queste scomparse hanno lambito e talora colpito direttamente anche questo Consiglio comunale.

Per questo il primo ricordo, che significa etimologicamente riportare al cuore, e che tra l’altro poi obbligherà  a introdurre il primo punto all’ordine del giorno, è la scomparsa avvenuta nella serata tra sabato 28 e domenica 29 marzo della nostra Consigliere comunale Pamela Cazzaniga.

Pamela ci ha insegnato in questi pochi mesi la passione e la gioia  con cui si può cercare di assaporare il meglio dalla vita, nonostante la sfortuna, i limiti più gravi, ci ha testimoniato che per chi cade ci può essere sempre una seconda chance.

Ricordiamo il suo entusiasmo, ma soprattutto in questo Consiglio comunale, la sua serietà e responsabilità come Presidente della Commissione Servizi alla persona, nell’interessarsi dei ragazzi del CDD, nel predisporre e consegnare all’Ass. Anghileri  una prima bozza di piano di interventi necessari sulla viabilità di Valmadrera per le persone disabili.

Ho preso l’impegno con la mamma Luisella, appena le circostanze lo permetteranno e con tutte le persone che vorranno essere coinvolte, di trovare e concordare con lei le modalità per ricordare la testimonianza di Pamela affinché possa essere una guida per i giovani che si trovano in difficoltà.

Devo purtroppo aggiungere a questo primo grave lutto, la partecipazione al dolore del Consigliere Domenico Mazzitelli per la scomparsa del fratello Franco, che peraltro molti conoscono per essere cresciuto a Valmadrera, e il mio ringraziamento personale per la vicinanza da parte di tutti i gruppi consiliari per la perdita della mamma Maria.

Un ultimo ricordo, amico e riconoscente per l’ex Vicesindaco di Malgrate con il compianto Gianni Rota, Dodo Ferretti, impegnato sia nel Consorzio Rio Torto che in quello Impianti Sportivi, del quale abbiamo apprezzato la concretezza, la laboriosità e la collaborazione.

Infine, scusandomi se ho sicuramente dimenticato qualcuno, a nome di tutto il Consiglio comunale vorrei rivolgere un pensiero a tutte le famiglie che in questi due mesi hanno perso una persona cara  e purtroppo non hanno potuto avere un saluto, un conforto da parte di amici e parenti, alle famiglie che sono preoccupate  perché hanno  una persona ricoverata in ospedale per il COVID-19 e, ancora , a tutte le persone che aspettano con ansia la fine del periodo di sorveglianza o l'esito del tampone.

Un grazie sentito, profondo, vivo a tutti i volontari, qualcuno è presente anche in questo Consiglio, alle associazioni che hanno collaborato e collaborano con il Comune, permettendo una serie di servizi nell’emergenza, affinchè nessuno in questa comunità possa sentirsi solo".

La legge di bilancio 2020 - legge n. 160/2019 - pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 304 del 30.12.2019 ha introdotto alcune novità per gli Enti Locali così sintetizzate di seguito.

Entrate:

La finanziaria attua in primo luogo l’unificazione dell’IMU-TASI, cioè l’assorbimento della TASI nell’IMU che dal 2020 si chiamerà “NUOVA IMU”, a parità di pressione fiscale complessiva. La legge prevede che per l’anno 2020 le delibere concernenti le aliquote e il regolamento d’imposta possano essere approvate oltre il termine previsto per l’approvazione del bilancio di previsione e comunque non oltre il 30 giugno 2020, ferma restando la loro validità con riferimento all’intero anno 2020.

Relativamente alla TARI, il D.L. 17.3.2020 n. 18 – cosiddetto “Decreto Cura Italia” - con l’art. 107, commi 4 e 5 ha modificato la modalità della tariffazione riferita al servizio gestione rifiuti.

In particolare è stato stabilito il differimento del termine per la determinazione delle tariffe della TARI dal 30 aprile al 30 giugno 2020.

In quella sede i Comuni hanno facoltà di approvare le tariffe secondo le modalità del metodo tariffario rifiuti (MTR) allegato alla delibera ARERA n. 443/2019 oppure di approvare le tariffe della TARI, adottata per il 2019, anche per il 2020.

Nel secondo caso, entro il 31 dicembre 2020, il Comune dovrà provvedere all’approvazione del piano economico finanziario del servizio rifiuti per il 2020 applicando il MTR di ARERA e l’eventuale conguaglio tra i costi risultanti dal PEF per il 2020 ed i costi determinati per l’anno 2019 potrà essere ripartito in tre anni, a decorrere dal 2021.

Sul fronte degli investimenti viene consolidato per gli anni 2020/2024 il contributo annuo di € 90.000,00 del Ministero dell’Interno da destinare alla realizzazione di investimenti per opere pubbliche in materia di efficientamento energetico e sviluppo territoriale.
Ulteriori nuove entrate statali, a favore dei Comuni non sono previste, e anche il fondo solidarietà comunale per Valmadrera, risulta inferiore rispetto a quello del 2019. Sul sito del Ministero il dato, non ancora definitivo, è pari a circa € 804.000,00, contro € 825.000,00 del 2019. Resta sempre valida per i Comuni la leva impositiva su tariffe e aliquote per “racimolare” entrate correnti.

Spese correnti:

  • aumento della percentuale di accantonamento del fondo credito di dubbia esigibilità dall’85% al 95% delle entrate di dubbia esazione;

  • rinvio al 2021 del nuovo fondo di accantonamento a carico degli Enti Locali per il mancato rispetto dei tempi di pagamento – fondo garanzia debiti commerciali;

  • rinvio al 2021 del canone unico TOSAP e imposta pubblicità.

Valmadrera, tuttavia, pur tenendo conto del difficile contesto normativo in cui operare, ad invarianza di entrate correnti, cioè aliquote e tariffe mantenute come nel 2019, è riuscita, razionalizzando ulteriormente le spese che saranno, anche quest’anno, oggetto di costante monitoraggio, a mantenere per il 2020 tutti i servizi al cittadino senza operare tagli importanti in alcun settore.

Pertanto la parte corrente del bilancio 2020 rimane pressoché in linea con l’assestato 2019.

Relativamente al personale dipendente, si evidenzia che con Delibera di Giunta Comunale n. 36 del 4.3.2020 si è provveduto a rideterminare la dotazione organica ed a

programmare il fabbisogno triennale del personale 2020/2022.

La normativa vigente consente di utilizzare per il triennio 2020/2022 il 100% della spesa del personale cessato nell’anno 2019 ed i resti disponibili delle facoltà assunzionali riferite al triennio 2016/2018.

In tal modo si è previsto a partire dall’anno 2020 la copertura dei seguenti profili professionali:

  • nr. 1 categoria D - istruttore direttivo amministrativo - socio assistenziale

  • nr. 1 categoria D - istruttore direttivo tecnico

  • nr. 1 categoria D - istruttore direttivo tecnico p.t. 50%

  • nr. 2 categoria C - agente di polizia locale

  • nr. 1 categoria C - istruttore amministrativo - contabile

Spesa in conto capitale:

Anche per l’esercizio 2020 restano confermate, ai fini del pareggio di bilancio, equilibri, applicazione avanzo e fondo pluriennale vincolato, le importanti novità introdotte dalla finanziaria 2019.

Gli investimenti 2020 in corso di realizzazione, cioè quelle opere finanziate in esercizi precedenti da fondo pluriennale vincolato, ancora da ultimare, ammontano ad € 3.074.554,36 e sono elencate nell’allegato DUP – Nota di aggiornamento pag. 18.

I nuovi investimenti del triennio 2020/2022 sono invece elencati a pag. 77 della Nota di aggiornamento DUP e saranno realizzati qualora si accerteranno i titoli abilitativi di entrata che li finanziano, tranne i lavori relativi a “Incarico e messa sicurezza Palazzo comunale” per € 30.000,00 e l’“Intervento normalizzazione antincendio scuola media” per € 60.000,00, già finanziati dal Ministero dell’Interno con apposito decreto.

Ampia la relazione relativa al Bilancio 2020, consultabile integralmente qui:

RELAZIONE 2020 - Bilancio Valmadrera

Valmadrera, Bilancio di previsione 2020: la sintesi del Sindaco Rusconi

"Questo bilancio preventivo è stato predisposto dagli uffici competenti della Ragioneria nei mesi di dicembre e gennaio, in contemporanea con l’approvazione della legge di stabilità e sempre con la prospettiva triennale. Ha avuto il parere dei diversi responsabili di Area. È stato infine inviato al Revisore dei conti, il quale, dopo aver chiesto alcuni giorni per l’analisi, ha espresso il proprio parere favorevole. Questo percorso è stato analogo a quello della maggior parte dei Comuni della nostra Provincia. Dopo l’approvazione della Giunta Comunale in data 4 marzo, la proposta di bilancio è stata depositata in data 9 marzo e discussa in Commissione Bilancio il giorno 19 marzo.

Come tutti voi certamente sapete il 21 febbraio a Codogno vi sono stati i primi due casi della cosiddetta infezione da COVID 19 e, a partire dai primi di marzo, soprattutto in Lombardia, i dati del fenomeno hanno avuto una brusca drammatica accelerazione.

Riaprire il bilancio, oltre a mettere in difficoltà rispetto alla data limite prorogata del 31 maggio, avrebbe voluto dire continuare a spendere per capitoli in dodicesimi, quindi con ulteriori difficoltà rispetto all’ emergenza, senza alcun dato certo su quali minori entrate prevedere (ad esempio: il Centro Sportivo, ormai chiuso da fine febbraio, riaprirà a maggio, a fine agosto per la ripresa dei campionati, a ottobre ?....nessuno è in grado oggi di dare risposte certe).

Abbiamo dunque seguito il percorso di tutti gli altri Comuni, consapevoli che subito dopo questo provvedimento, se approvato, noi come Consiglio Comunale andremo a verificare una prima variazione per i contributi già ricevuti dallo Stato, per la donazione alla Fondazione Comunitaria di Lecco per gli interventi straordinari negli Ospedali di Lecco e Merate, ma forse solo a settembre saremo in grado di capire quali entrate in meno decideremo di avere o avremo come tariffe, quali posticiperemo o rateizzeremo.

Vorrei tornare a un dato positivo di questi quasi due mesi: rispetto alla Raccolta Fondi della Fondazione Comunitaria del Lecchese a sostegno dei presidi ospedalieri di Lecco e Merate per l’emergenza Covid 19, le associazioni di Valmadrera, opportunamente sollecitate dall’Amministrazione Comunale, hanno donato - e solo per quanto ci risulta - circa 15.000 euro.

E un altro aspetto che sarebbe stato impossibile senza l’ausilio di centinaia di volontari, tra cui molti giovani, la Croce Rossa, gli Scout - CNGEI, l’Associazione il Tempo di dare, il Gruppo di Protezione Civile, il Centro Farmaceutico Missionario ... ovvero la realizzazione di una serie di iniziative e progetti che il Comune di Valmadrera ha offerto in questa fase di emergenza e in gran parte sta offrendo tuttora, tenendo presente che le situazioni di emergenza che si presentavano erano molto diverse tra di loro:

  • Costituzione COC (Centro Operativo Comunale), con decreto sindacale n. 5 del 9.3.2020, a seguito dell’individuazione della prima persona positiva in un Comune confinante, così composto: 

Antonio Rusconi - Sindaco
Francesco Barbuto - ROC
Marco Nava - Tecnico Comunale
Cristian Francese - Comandante Polizia Locale
Luca Stanzione - Coordinatore Gruppo Comunale Protezione Civile
Nicolò Farinato - Carabinieri
Marcella Rusconi - Responsabile Assistenza Popolare
Filippo Perego - Rapporti con i media
Bruno Fiorentino - Responsabile sanitario
Alex Talamona - Responsabile radiocomunicazione

  • Servizio di supporto (spesa, acquisto farmaci) a favore delle persone anziane
  • Consegna e ritiro biancheria per ricoverati presso l’Ospedale di Lecco
  • Assistenza telefonica informativa sul Coronavirus (Dr.ssa Fiorella Merlini )
  • Gestione rifiuti per soggetti positivi al tampone o in quarantena obbligatoria
  • Telefonia sociale Auser Filo d'argento
  • Richiesta buono spesa per situazione di difficoltà economica
  • Servizio di sostegno e supporto psicologico alla cittadinanza
  • Richiesta Mascherine (per casi di assoluta necessità ed urgenza)
  • Distribuzione di mascherine a tutte le famiglie (2 per componente del nucleo familiare)
  • Videoletture su Facebook, Instagram e YouTube a cura della Biblioteca Civica
  • Spesa solidale con la collaborazione del Gruppo Scout
  • Pulizia e decoro dei Cimiteri in occasione delle festività Pasquali e benedizione nella solennità.

Un capitolo a parte merita la situazione della nostra RSA “Opera Pia Magistris” anche per le preoccupazioni comparse sulla stampa. Sono preoccupazioni che condividiamo con quanto nei giorni scorsi hanno dichiarato i responsabili di Airoldi e Muzzi, Casa del Cieco, Villa Serena, con cui siamo a stretto contatto e condividiamo le scelte, i livelli sanitari e le più idonee misure di prevenzione. Abbiamo insieme continuato a chiedere un monitoraggio che preveda quanto prima una campagna generale tamponi, che oggi non viene effettuata né sugli ospiti né sul personale se non all’ atto del ricovero. Questo dato che continuiamo a richiedere permetterebbe di tranquillizzare i parenti, (problema che ho condiviso personalmente), che, causa le dovute ristrettezze non possono visitare dall’inizio dell’emergenza i propri cari. Dunque deve essere chiaro che attualmente Ats effettua i tamponi solo verso i pazienti o gli operatori ricoverati presso i presidi ospedalieri territoriali, perché con evidenti sintomi, mentre non viene effettuato su altre persone che avevano sicuramente altre patologie prevalenti.

Solo nell’ultima settimana, a Valmadrera, come in altre strutture, si è dato inizio da parte di Ats a un primo esame con tamponi solo sugli ospiti che su precisazione relazione del responsabile medico fossero definiti “sintomatici”
Siamo consapevoli delle difficoltà in una struttura dedicata a persone con molte fragilità, siamo consapevoli delle preoccupazioni dei parenti, ma di condividere con Ats e le altre Case di Riposo ogni giorno le migliori risposte possibili. Permettetemi un grazie a tutto il personale e in particolare ai due responsabili, Giovanni Fumagalli e Marcella Rusconi. Sono a disposizione dei parenti, anche per aver condiviso personalmente questo percorso, e posso assicurare il massimo dell’impegno di tutta la struttura.

La gestione della R.S.A. “Opera Pia Magistris” nel periodo di emergenza COVID comporta la graduale rimodulazione dell’impianto organizzativo ed operativo dei diversi servizi erogati in struttura al fine di consentire, a fianco delle ordinarie attività a standard, delle più idonee misure di prevenzione della diffusione del contagio.

Le aree di intervento sono:

  • Livello direttivo, la direzione amministrativa e sanitaria devono provvedere alla revisione delle ordinarie procedure e dei piani di lavoro oltre che alla definizione di protocolli specifici in conformità alle disposizioni normative emanate dagli organi preposti. Inoltre, in collaborazione con il Servizio di Prevenzione e Protezione ed il Medico Competente, devono valutare la corretta dotazione di DPI in funzione delle specifiche della struttura, della tipologia degli ospiti presenti nonché dei profili di rischio propri del singolo servizio;
  • Livello sanitario, i servizi di assistenza medica ed infermieristica sono impegnati nel monitoraggio attivo dell’insorgenza negli ospiti di febbre e altri segni e sintomi di infezione respiratoria acuta o di insufficienza respiratoria;
  • Livello assistenziale, i servizi di assistenza diretta all’ospite, educativo e di fisioterapia, devono essere organizzati con lo scopo di mantenere l’ordinaria assistenza agli ospiti, implementando gli interventi necessari a gestire le difficoltà generate dal periodo di divieto di accesso in struttura da parte di familiari e visitatori favorendo i contatti telefonici e di videochiamata. L’organizzazione delle attività animative e riabilitative deve prevedere interventi individuali o di piccolo gruppo in modo da evitare gli assembramenti e ridurre il più possibile i contatti tra ospiti;
  • Livello alberghiero, nella riorganizzazione del servizio di pulizia, deve essere previsto, oltre al normale piano di lavoro, l’introduzione di ulteriori interventi di sanificazione delle superfici verticali ed orizzontali dell’intera struttura con particolare attenzione ai percorsi e alle aree di maggior transito (corridoi, ascensori, scale, studio medico/infermeria, bagni attrezzati), mediante l’utilizzo di ipoclorito di sodio (0.1% - 0.5%) ed etanolo (62-71%).

Le azioni sopra definite, in funzione dei diversi scenari che dovranno essere attivati e della durata del periodo definito di “emergenza” comporteranno la messa a disposizione di risorse economiche straordinarie.
Si evidenzia che la DGR XI/2906 dell’8.3.2020 dispone per le RSA, dal 9.3.2020 e fino all’adozione di nuovo e specifico provvedimento della Giunta regionale, il blocco dell’accettazione di pazienti provenienti dal territorio. Quindi, nel periodo di vigenza del suddetto provvedimento, eventuali posti letto resisi disponibili, non potranno essere assegnati a nuovi utenti con la conseguente diminuzione delle entrate previste.
Naturalmente, dalla fine di febbraio sono stati sospesi tutti i lavori pubblici in corso per ridurre al minimo i contatti.

Siamo consapevoli che il bilancio di quest’anno, e anche quello del prossimo, dovrà convivere con le continue modifiche e scelte che saranno conseguenti a questa malattia, mai sperimentata e di cui non siamo in grado ancora di comprendere fino in fondo il livello di gravità e ci condizionerà almeno nel medio periodo.

Non si tratta in questo caso di appelli all’unità retorici, ma sarà fondamentale un clima di collaborazione fattiva con le autorità regionali e statali, al di là delle eventuali appartenenze politiche diverse, perché si tratta di ricostruire un Paese, un territorio, una comunità.
Penso che potremo avere un quadro un po’ più chiaro solo tra qualche mese e dopo le decisioni definitive di norme e contributi a livello regionale e nazionale e permettetemi, in una realtà altamente produttiva come quella di Valmadrera, di manifestare le mie preoccupazioni più sentite per le 700 attività produttive della nostra Valmadrera, per quello che potrà succedere “dopo”, per quali contributi, aiuti, opportunità anche l’Amministrazione Comunale potrà offrire per rilanciare ad esempio gli esercizi commerciali.

Penso che i consigli non mancheranno, come non sono mancati in questo periodo, e saranno importanti perché il lavoro sarà la grande scommessa, quando ci auguriamo l’epidemia da Covid19 sarà superata o almeno notevolmente ridotta.
Sarà un modo per convivere con i problemi, per cercare insieme di risolverli: durante questa prima fase violenta dell’epidemia con molti episodi di volontariato abbiamo dimostrato di essere comunità. Con anche qualche sacrificio, dobbiamo avere la consapevolezza che la strada è ancora lunga, che nessuno si salva da solo e che abbiamo però le risorse, la volontà e la forza per poterci rialzare".

Valmadrera: il Bilancio di previsione 2020 in cifre

PARTE ENTRATA

CASSA anno di riferimento del bilancio 2020

Previsioni 2020

Fondo di cassa presunto inizio esercizio

10.410.695,45

Fondo pluriennale vincolato di parte corrente

142.102,56

Fondo pluriennale vincolato di parte capitale

3.074.554,36

TITOLO 1 - Entrate di natura tributaria, contributiva e perequativa

4.882.075,77

4.823.604,00

TITOLO 2 - Trasferimenti correnti

1.271.150,61

1.292.727,00

TITOLO 3 - Extratributarie

3.227.857.91

3.309.530.00

TITOLO 4 - Entrate in conto capitale

744.535,98

467.000,00

TITOLO 5 - Entrate per riduzione di attività finanziarie

0.00

0.00

TITOLO 6 - Accensioni di prestiti

0.00

0.00

TITOLO 7 - Anticipazioni da istituto tesoriere

0.00

0.00

TITOLO 9 - Entrate per conto terzi e partite di giro

1.197.593,65

1.442.000,00

Avanzo di Amministrazione

Totale Generale parte entrata

21.733.909,37

14.551.517,92

PARTE SPESA

CASSA anno di riferimento del bilancio 2020

Previsioni 2020

TITOLO 1 - Spese correnti

10.764.030,90

9.194.533,56

TITOLO 2 - Spese in conto capitale

3.545.878,68

3.751.384,36

TITOLO 3 - Spese per incremento attività finanziarie

TITOLO 4 - Spese per rimborso prestiti

163.600,00

163.600,00

TITOLO 5 - Chiusura anticipazioni da istituto cassiere

TITOLO 7 - Servizi per conto terzi e partite di giro

1.534.463,97

1.442.000,00

disavanzo di amministrazione

Totale Generale parte spesa

16.007.973,55

14.551.517,92

Fondo di cassa finale presunto

5.725.935,82

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Allegati

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni Comunali di Lecco: si va al ballottaggio, a inizio ottobre il nuovo sindaco della città

  • Elezioni, Amministrative di Lecco: iniziato lo spoglio. Exit poll: Ciresa tra il 49 e il 53%

  • Omicidio di Olginate: dopo otto giorni, Stefano Valsecchi si è costituito

  • Entrano in una scuola, interrompono la lezione e sbeffeggiano l'insegnante: denunciati due diciottenni

  • Giornata flagellata dal maltempo: una quarantina di interventi nel territorio

  • Elezioni Comunali di Mandello: Riccardo Fasoli si conferma sindaco

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccoToday è in caricamento