menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il sentiero alla Bonacina, com'era e com'è ora dopo la piena del Caldone

Il sentiero alla Bonacina, com'era e com'è ora dopo la piena del Caldone

Sentiero invaso da sassi e terra lasciati dalla piena del Caldone, «ancora nessun intervento»

Il sentiero, che salendo conduce alle Pozze di Bonacina, è molto battuto non solo dagli escursionisti ma anche dai residenti che possiedono terreni. «Il Comune non lo considera una priorità»

Sentiero invaso dai sassi in Via Sant'Egidio a Lecco. Il maltempo dei giorni scorsi, che ha causato lo straripamento del torrente Caldone, ha portato infatti una grande quantità di materiale lungo il percorso.

Il sentiero, che salendo conduce alle Pozze di Bonacina e in cima al Passo del lupo, è molto battuto non solo dagli escursionisti ma anche dai residenti che possiedono i terreni nella zona, ora impossibilitati a raggiungerli per il mancato intervento di manutenzione seguito all'esondazione del Caldone.

Giovane scivola in un canale di scolo alle pozze di Bonacina: la soccorrono i pompieri

«Abbiamo più volte segnalato il problema in Comune in questi giorni, ma per tutta risposta ci è stato detto che non è una priorità in quanto strada secondaria» segnalano i residenti, con ogni probabilità costretti a sopportare ulteriormente il disagio per la sistemazione del tratto di strada.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Cos'è il lasciapassare per uscire dalla Lombardia e spostarsi tra regioni

Attualità

Le 10 meraviglie architettoniche da scoprire nel Lecchese

Attualità

Si prenota per il vaccino anti-Covid, poi rinuncia: «Ho paura»

Attualità

Tir bloccato in via Parini: rallentamenti nel centro di Lecco

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento