Coronavirus, Borrelli sposta la fine della quarantena: «Credo che staremo a casa anche il primo maggio»

Lo dice il capo della Protezione Civile: «Mi auguro vivamente che ci potremo trovare in una situazione migliore rispetto a quella di oggi, ferme restando le cautele che conosciamo». E sulla plausibile proroga delle misure fino al 16 maggio: «Dipende dai dati»

Angelo Borrelli, capo della Protezione Civile ANSA

«A casa anche il primo maggio? Credo proprio di sì». Sono le parole di Angelo Borrelli ai microfoni di Radio Anch'io su RadioUno. Prima Pasqua e Pasquetta. Poi, il 1 maggio. Si allungano, di nuovo, le previsioni per un'ipotetica fine della "quarantena" in Italia, alle prese con l'emergenza coronavirus. L'ultima prospettiva, comunque già in qualche modo attesa, è stata tracciata dal capo della Protezione Civile.

Le misure restrittive, vista la situazione, sono destinate a rimanere in vigore? «Purtroppo sì, dobbiamo stare in casa ancora per molte settimane, credo anche il primo maggio. Dovremo essere rigorosissimi e credo cambierà il nostro approccio ai contatti umani e interpersonali, dovremo mantenere le distanze».

«Gli esperti analizzano quelle che sono le curve di evoluzione dell'epidemia ma sono i fatti che contano, i dati che arrivano dalle regioni: io mi attengo a quelli e ci dicono che diminuisce il numero dei nuovi ricoverati e di quelli che entrano in terapia intensiva, aumenta il numero dei guariti e aumenta in modo contenuto il numero dei positivi e cala sensibilmente rispetto ai giorni scorsi quello dei deceduti. Siamo in una situazione stazionaria, i medici negli ospedali possono tirare il fiato», ha aggiunto Borrelli.

«Cogliamo i frutti dei comportamenti passati»

Secondo il capo della Protezione Civile, «i contagi restano perché sono frutto dei comportamenti passati, di due settimane fa. L'accesso agli ospedali e alle terapie intensive non sta crescendo. I numeri parlano chiaro, cresce anche il numero dei positivi che sono a casa, in terapia intensiva ci si arriva facendo un percorso che parte da un ricovero con sintomi e questi numeri diminuiscono. E questo significa che si sta fronteggiando la malattia. Non mi risultano situazioni dove gli ospedali non riescono a garantire il ricovero in terapia intensiva».

Alcune zone del Paese non sono state colpite in maniera veemente. «Il Sud regge - ha detto Borrelli - ma bisogna assolutamente essere prudenti, evitare di uscire di casa e seguire alla lettera le indicazioni che sono state date. Il problema delle mascherine è globale, la domanda a livello mondiale è 30, 50 volte il fabbisogno ordinario. Abbiamo una situazione in cui in Italia non esistono imprese per la produzione. Ora si sta facendo una riconversione, l'obiettivo prioritario è diventare autonomi e autosufficienti per la produzione di mascherine. Nel frattempo andremo avanti con le importazioni, con accordi e con il grande lavoro fatto anche a livello di governo».

Capitolo test sierologici, questo il parere di Borrelli: «Chi sta governando l'emergenza dal punto di vista tecnico-scientifico dovrà indicare la direzione. Stanno discutendo in queste ore, stanno lavorando su questo».

Borrelli: "Plausibile proroga delle misure fino al 16 maggio, dipende dai dati"

La necessità di non abbandonare le misure di contenimento del contagio è stata sottolineata una volta di più stamattina da Borrelli, che intervenuto a "Circo Massimo", su Radio Capital, ha anticipato che tali misure potrebbero essere prorogate fino al 16 maggio. Alla domanda di Massimo Giannini («Quando comincerà quella che il premier Conte ha definito la "fase 2" dell'emergenza coronavirus? La data del 16 maggio individuata in uno studio dell'Eief (Einaudi Institute for Economics and Finance, ndr) è plausibile?»), Borrelli ha risposto: «Se l'andamento non cambia, potrebbe essere, come potrebbe essere prima o dopo. Dipende dai dati. La situazione ora è stazionaria, dobbiamo vedere quando questa situazione inizia a decrescere. Non vorrei dare delle date, però», ha concluso Borrelli, «da qui al 16 maggio potremmo avere dati ulteriormente positivi che consigliano di riprendere le attività e cominciare quindi la fase 2».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Italiani a casa fino al primo maggio? «C'è un ponte, ci sarà bel tempo e la voglia di uscire, ma i dati sui contagi da Covid-19 non sono ancora in discesa. Il virus sembra rallentare, ma non possiamo abbassare la guardia. Insomma, non mi stupisce la dichiarazione di Borrelli». A dirlo all'Adnkronos Salute è il virologo dell'Università di Milano Fabrizio Preglisco. «L'obiettivo - ricorda Pregliasco - è quello di evitare lo spettro di una seconda ondata di casi».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dove gustare un buon aperitivo a Lecco

  • Retata antidroga nei boschi a lato della Statale: recuperati soldi e dosi di stupefacenti

  • Carabinieri in forze ed elicottero nei cieli di Calolzio, serrate ricerche per trovare il presunto omicida di Olginate

  • Domani a Olginate i funerali del 47enne ucciso a colpi di pistola

  • Elezioni: affluenza Amministrative oltre il 50%, Referendum al 42% | La nostra diretta

  • Aggressione di Belledo: contestato il tentato omicidio ai giovani, confermati gli arresti domiciliari

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccoToday è in caricamento