rotate-mobile
Attualità Barzanò

Il comune della Brianza che si colora con il festival della fiber art a uncinetto e maglia

Per tre giorni il centro di Barzanò sarà "stravolto" e trasformato in un'unica grande mostra collettiva

Si chiama Yarn Bombing Barzanò, il festival della fiber art a uncinetto e maglia che per tre giorni colorerà il comune della Brianza lecchese. L'iniziativa, organizzata dalla commissione cultura del Comune di Barzanò in collaborazione con la Pro loco, torna infatti per la sua terza edizione in programma da venerdì 7 a domenica 9 giugno, in occasione della Giornata mondiale del lavoro a maglia in pubblico, che quest’anno è stata proclamata per sabato 8 giugno.

Da venerdì a domenica l’intero centro del paese sarà stravolto e trasformato in un'unica grande mostra collettiva, in cui il pubblico si potrà immergere, interagire con le opere, vivere lo spazio urbano in un modo completamente nuovo e inedito. Una visione ormai nota a chi ha partecipato alle due precedenti edizioni, calandosi all’interno di un progetto capace di essere trasversale a ogni categoria, e di valorizzare ogni livello di manualità e talento.

Le iscrizioni sono aperte a tutti: le tempistiche

Le iscrizioni sono aperte a tutti: dagli artisti tessili, fino agli appassionati di ogni età e provenienza, gruppi, associazioni, collettivi. Ognuno può realizzare da una a più opere o installazioni, senza limiti di dimensione, prenotando uno spazio in cui lavorare su misura, oppure mettendolo a disposizione dell’organizzazione per valutare la migliore collocazione, lungo il circuito circolare, che coinvolge il centro paese, studiato per favorire la fruizione di ogni pezzo esposto.

Alcuni lavori realizzati nelle edizioni passate.

Prevista, tra le opere, una installazione collettiva di meduse

È possibile partecipare con lavori di qualunque tema, colore, dimensione. Ma anche collaborare a due grandi installazioni collettive. La prima composta esclusivamente di meduse: anche in questo caso di ogni colore e dimensione, realizzate seguendo un proprio stile e modello, anche riciclando avanzi di filati o vecchi centrini. La seconda ha invece come tema il mare. Anche in questo caso, possono essere realizzati pezzi da appoggio o da sospensione, con tutti i soggetti che popolano l’ambiente marino: pesci e altri animali, stelle e coralli.

Due zone saranno inoltre dedicate in esclusiva a lavori con fiori o con animali. I lavori, se spediti o se da inserire nelle installazioni collettive, devono essere consegnati o recapitati entro fine maggio. Per chi invece installerà in autonomia i propri lavori, l’appuntamento è tra giovedì 6 giugno al pomeriggio e venerdì 7 alla mattina.

Anche un market artigianale per hobbisti o associazioni

Domenica 9 giugno, dalle 8 alle 18, è previsto un market artigianale riservato a hobbisti o associazioni, con produzioni esclusivamente tematiche: uncinetto, maglia, filati e tessuto. La partecipazione è gratuita, come a tutte le attività della manifestazione.

Per informazioni, o per iscriversi al festival e al market è a disposizione la mail yb.barzano@gmail.com indicando, per le iscrizioni allo yarn bombing, nome del partecipante o del gruppo, dimensione indicativa dell’opera (o delle opere), eventuale luogo in cui si vuole esporre, scegliendo sul blog https://yarnbombingbarzano.blogspot.com/. Per il market, deve essere indicato il tipo di articoli e produzioni.

Una via del paese addobbata con i lavori realizzati nelle passate edizioni.

La prenotazione consente di visualizzare i luoghi senza fare una sopralluogo di persona per chi non risiede a Barzanò, e soprattutto non creare accavallamenti degli spazi. Chi non vuole prenotare uno spazio, potrà semplicemente inviare il lavoro, oppure chiedere all’organizzazione dove installarlo. Sui profili social del festival - instagram e facebook - e sul sito internet, sono presenti le immagini della scorsa edizione, il regolamento, il percorso e tutti gli aggiornamenti.

Lo Yarn bombing, la cui traduzione significa “bombardamento di filati”, è un’arte da strada che consiste nella realizzazione e allestimento all’aperto di opere e installazioni di ogni dimensione, realizzate a maglia o a uncinetto, oppure con composizioni di filati, che occupano tutti gli spazi urbani e che addobbano, con idee fortemente creative e di forte impatto estetico, gli elementi di arredo urbano presenti in luoghi pubblici. Possono inoltre essere coinvolti spazi privati come pareti di edifici, cancellate o balconi, elementi di ogni genere. Alle precedenti edizioni hanno partecipato oltre 300 opere e artisti, provenienti da tutta Italia numerosi Paesi del mondo, oltre a tante realtà di Barzanò, tra cui scuole e associazioni, o gruppi di appassionati che si erano creati spontaneamente per realizzare progetti yarn bombing.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il comune della Brianza che si colora con il festival della fiber art a uncinetto e maglia

LeccoToday è in caricamento