Attualità Via Lago Vecchio

Riqualificare una vasta area naturale sull'Adda, il progetto green dell'azienda Ita

L'intervento, che guarda alla difesa dell'ambiente e al welfare, interessa ben 25.000 metri quadrati nel Parco al confine tra Calolzio e Brivio

Giovanni Battista e Andrea Beri.

Crescere economicamente coniugando sostenibilità, ambiente e legame con il proprio territorio. Questa la direttrice lungo la quale sta viaggiando I.T.A. (Industria Trafilati Acciai) Spa, azienda con sede a Calolziocorte specializzata nella produzione di fili trafilati di alta qualità. 

Fondata nel 1956 dalla famiglia Beri, Ita Spa fa parte oggi del brand Steelgroup, occupa quasi 130 persone e in concomitanza con un intervento di ampliamento del proprio spazio produttivo ha deciso di promuovere anche un progetto ecologico dal nome emblematico "We draw a green future". Si tratta di un intervento di riqualificazione delle aree verdi in località Foppe Palude mirato a far rinascere un ampio spazio di area naturale al confine tra Calolzio e Brivio.

"We draw a green future"

Marco Piazza, Gian Battista e Andrea Beri-2

Marco Piazza, Gian Battista e Andrea Beri alla presentazione del progetto.

Il progetto interessa un'area di circa 25.000 metri quadrati ed è stato presentato oggi in azienda dai dirigenti di Ita Spa, dall'associazione di categoria Api Lecco-Sondrio di cui l'impresa calolziese fa parte, e di altri soggetti coinvolti. «Vogliamo mettere a disposizione del pubblico alcune aree verdi‌ di nostra proprietà per avvicinare ancora di più l'azienda all'ambiente e al territorio, nonchè incentivare le persone, in particolare i più giovani, a un ritorno alla natura e alla scoperta del Parco Adda Nord» - hanno precisato innanzitutto i promotori del progetto che conta su cinque punti cardine.

Il progetto in cinque punti

Ita foto progetto-2

Innanzitutto la sistemazione e il mantenimento del tratto di sentiero ciclo-pedonale-agricolo che da via alla Stanga costeggia le proprietà di Ita SpA fino a ricongiungersi con via Lago Vecchio e all’imboccatura del Sic Palude Di Brivio per arrivare all’osservatorio ornitologico dell’isola della Torre e dell’Isolone del Serraglio. Prolungando di fatto la ciclabile che dalla località Lavello termina con via Alzaia.

Il progetto prevede inoltre il recupero di un vecchio appezzamento dedicato alla coltivazione ortofrutticola ad uso amatoriale da destinare alle famiglie dei dipendenti dell’azienda e agli studenti delle scuole di Calolziocorte e Brivio per scopi didattici e naturalistici.

Roberto Tavola Enci-2-2

Roberto Tavola, Enci Lecco.

In collaborazione con Enci e il Gruppo Cinofilo Lecchese si prevede di destinare un’area, adeguatamente attrezzata, per scopi educativi, formativi, ludici e ricreativi dedicata agli amici a quattro zampe, nonché per attività di Pet Therapy verso gli anziani e i più bisognosi. Alla presentazione è infatti intervenuto anche Roberto Tavola, presidente della delegazione provinciale lecchese di Enci, che ha lodato il progetto.

Un quarto punto del progetto firmato Ita Spa prevede inoltre la piantumazione di alberi con essenze autoctone e compatibili con l’habitat circostante, ma con funzioni di auto-sostenibilità a sostegno del progetto stesso.

visita azienda 2-2

Risolte le questioni burocratiche e amministrative relative alla ristrutturazione dell’immobile in oggetto, una quinta azione sarà poi quella mirata a destinare la sala corsi, in uso gratuito, agli enti preposti per la divulgazione del patrimonio naturalistico del Parco Adda Nord, nonché alle scuole. Si prevede inoltre di concederne l’uso al Corpo di vigilanza e alle associazioni naturalistiche per la promozione e la didattica inerenti alla tutela del territorio e di adibire parte della zona verde ad area ricreativa attrezzata per i bambini e le loro famiglie. Ma non finisce qui: l’immobile potrebbe essere inoltre in parte dedicato a “nido aziendale” per le famiglie dei dipendenti oltre comprendere una area giochi esterna, con una stazione di ricarica per E-bike di pubblico utilizzo, a servizio della ciclabile che costeggia il fiume.

Azienda e verde-2

L'amministratore delegato Andrea Beri: «Così l'economia circolare  guarda al territorio e al sociale»

Andrea Beri, amministratore delegato di Ita Spa e consigliere di Api Lecco Sondrio, ha sottolineato: «Con questo progetto vogliamo raggiungere una sostenibilità circolare che possa coadiuvare nel territorio ambiente, economia e sociale, dove il piano di investimenti e lo sviluppo tecnologico operino in sintonia per far fronte ai bisogni e alle aspirazioni dell’uomo e in particolare delle generazioni future».

Firmato l'accordo: in arrivo due aree attrezzate sul Lungoadda a Calolzio e Olginate

Insieme al padre Giovanni Battista, presidente di Ita, Andrea Beri ha quindi aggiunto: «Abbiamo già incontrato le istituzioni nei giorni scorsi, gli abbiamo illustrato il progetto e abbiamo ottenuto riscontro favorevole da parte di tutti. Noi come Ita Spa mettiamo a disposizione i capitali economici per realizzare il progetto, quindi speriamo che la macchina si possa mettere in moto quanto prima». 

Il direttore Api, Marco Piazza: «Un esempio per il Lecchese»

Un progetto, quello presentato oggi, molto apprezzato da Api Lecco-Sondrio, come emerge dalle parole del direttore Marco Piazza: «Si tratta di un progetto molto valido e importante, crediamo possa essere preso come modello nel Lecchese per investire su una forma di welfare territoriale, allargato e partecipato. In quest'ottica si inserisce la sensbilità dimostrata dalla famiglia Beri che che prima di essere qui oggi, ha voluto condividere la proposta con i sindacati e tutti gli enti e le associazioni interessati».

Visita azienda-2

I numeri e la storia dell'azienda della famiglia Beri

L’azienda I.T.A. Spa viene fondata nel 1956 a Calolziocorte, fa parte del brand Steelgroup, come le altre aziende MAB (Metallurgica Alta Brianza), CB trafilati acciaio e F.A.R. SpA, industrie specializzate nella lavorazione di fili in acciaio, barre e trefoli.  I.TA. SpA occupa più di centoventi persone a Calolziocorte. Lo spirito imprenditoriale della famiglia Beri è l’essenza stessa dell’azienda che si distingue per l’orientamento alla “qualità totale” che rappresenta la base della sua strategia aziendale.

Parte dell'area davanti alla Ita che verrà riqualificata-2

Oggi I.T.A. SpA è una realtà tra le più dinamiche del settore, con costanti investimenti in ricerca e sviluppo volti alla massima soddisfazione del cliente per la fornitura di fili d’acciaio trafilati lucidi e zincati per armatura di cavi energia e telecomunicazioni, funi di sollevamento, funi per trasporto persone, funi pesca, applicazioni off-shore Oil & Gas, mining, armatura di rinforzo tubi, trasmissioni e produzione di molle e particolari piegati per il settore automobilistico e per la meccanica in generale.

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Riqualificare una vasta area naturale sull'Adda, il progetto green dell'azienda Ita

LeccoToday è in caricamento