menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Telecamere sponsorizzate dai cittadini per avere più sicurezza, Calolzio ci pensa

Il Comune sta vagliando l'ipotesi di potenziare la videosorveglianza coinvolgendo aziende e privati: i residenti di una via pagano il proprio impianto collegandolo alle centrali delle forze dell'ordine

Una sorta di colletta tra privati per avere più sicurezza sotto casa. Consiste in questo l'ipotesi di "sponsorizzazione" mirata al potenziamento della videosorveglianza in città al vaglio dell'Amministrazione di Calolziocorte guidata dal sindaco Marco Ghezzi. Il progetto è stato anticipato dall'assessore Luca Caremi durante la presentazione dei dati relativi all'attività della Polizia locale. 

I dati di un anno di attività della Polizia locale: multe in calo del 23%, ma presto arriverà l'ausiliario

I residenti di un quartiere, condomìni piuttosto che titolari di aziende o negozi, si accordano con il Comune e finanziano la collocazione di telecamere rivolte sulla pubblica via. Il "Grande Fratello" a richiesta farebbe da deterrente ai malintenzionati e servirebbe a individuare i responsabili di eventuali furti e reati.

Come spiegato da Caremi, i privati avrebbero così una maggiore sicurezza, con il vantaggio di collegarsi direttamente alle centrali delle forze dell'ordine - in primis a quella della Polizia locale - per facilitare il contrasto alla criminalità da parte delle autorità preposte. Il tutto rispettando le leggi in materia, partendo dalle delicate e complesse normative legate alla privacy. Le immagini riprese sulla pubblica via sarebbero infatti al vaglio esclusivo delle forze dell'ordine in caso di necessità.

Accese 40 telecamere tra Olginate e Valgreghentino: un "Grande Fratello" per la sicurezza

Come detto si tratta ancora di una semplice proposta. Il momento della verità sarà a fine estate quando verrà completato il tasloco dei vigili di Calolzio nella nuova sede in zona interscambio. In quel caso ci saranno novità sul potenziamento delle telecamere in città e l'Amministrazione valuterà se attuare questa inedita sponsorizzazione della videosorveglianza pubblico/privata.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Cos'è il lasciapassare per uscire dalla Lombardia e spostarsi tra regioni

Attualità

Le 10 meraviglie architettoniche da scoprire nel Lecchese

Attualità

Si prenota per il vaccino anti-Covid, poi rinuncia: «Ho paura»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento