rotate-mobile
Attualità Calolziocorte

Rossino al buio: "Servono soluzioni vere, anche per la sicurezza"

Sonia Mazzoleni, Consigliere di opposizione a Calolzio, torna a segnalare un problema già verificatosi in passato nella frazione: "Lampioni ancora spenti da giorni"

Un'altra notte con i lampioni spenti nella frazione Rossino di Calolzio: l'opposizione va all'attacco. "Ennesima notte al buio nella frazione di Rossino - segnala agli organi di informazione Sonia Mazzoleni, consigliere comunale di Cittadini Uniti per Calolzio" - È da ormai una decina di giorni che l’illuminazione pubblica in zona chiesa, oratorio, farmacia, cimitero e vie limitrofi è assente. Si tratta di una zona e un tratto di strada percorso da un numero notevole di veicoli, che si trovano a fare i conti anche con 'due assurdi ostacoli' posti al centro della carreggiata in prossimità della farmacia e della chiesa".

Frazione da 20 giorni al buio: "Urgono interventi"

"Non solo - incalza Sonia Mazzoleni - oltre ai disagi, non essendoci alcuna illuminazione i residenti sono preoccupati per la loro sicurezza in quanto, soprattutto per chi vive solo, considerato che il caldo costringe a dormire con le finestre aperte, vi è la paura che qualche malintenzionato possa entrare nelle loro abitazioni. Cosa, peraltro, già accaduta ccesso in passato".

La minoranza, che aveva già segnalato in passato il problema, ha infine lanciato una frecciata alla Giunta Ghezzi: "Speriamo che non arrivi la solita risposta da parte del sindaco e dagli amministratori: 'tocca al cittadino chiamare il numero verde'. L’unica certezza è che da una decina di giorni i residenti della zona sono completamente al buio. Fortunatamente, in nostro aiuto, abbiamo avuto in queste serate, una luna splendente". 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rossino al buio: "Servono soluzioni vere, anche per la sicurezza"

LeccoToday è in caricamento