rotate-mobile
Martedì, 31 Gennaio 2023
Attualità Rancio - Malavedo - Laorca / Via Padre Domenico Mazzucconi, 71

Campioni di domotica: Liceo lecchese premiato a livello nazionale

L'istituto superiore "Leopardi" protagonista agli KNX Italian Awards. Incoronato il lavoro di Giacomo Castelli e Anna Comini quale "Miglior progetto scuole e istituti tecnici"

Si sono conclusi da pochi giorni i KNX Italian Awards e il Liceo Leopardi di Lecco, con il suo laboratorio di domotica, ha vinto il “Miglior progetto scuole e istituti tecnici”. KNX, associazione che promuove lo sviluppo dello “standard unico” per applicazioni di Home & Building Automation e ormai diventata punto di riferimento nel mondo delle costruzioni, ogni anno organizza infatti i suoi “Italian Awards”, competizione che premia i progetti realizzati sul territorio nazionale che si siano distinti in termini di innovazione ed eccellenza realizzativa. I premi sono aperti a progettisti, installatori, system integrator, scuole e altri operatori attivi.

"La partecipazione al progetto nasce da una doppia necessità - ha spiegato Roberto Cariboni, docente responsabile del laboratorio di domotica del Liceo Leopardi - La scuola voleva ristrutturare delle aree dismesse dell’edificio e gli studenti dello Scienze Applicate dovevano lavorare ad un progetto di domotica». E così è nato il sistema di comando a distanza dell’impianto di illuminazione e riscaldamento dei nuovi laboratori, regolabili entrambi a livello di intensità.

Premiato il progetto legato al tema attuale: il risparmio energetico

Un progetto che si è rivelato estremamente proficuo per quanto riguarda un tema molto importante e attuale, quello del risparmio energetico. Un lavoro che, come raccontano i due studenti del Leopardi diplomati a giugno che hanno ritirato il premio nei giorni scorsi a Torino, ha insegnato molto ed è servito anche dopo le scule superiori.

Un'immagine della premiazione che ha visto protagonista anche il Liceo lecchese.

"Abbiamo iniziato questo laboratorio dal primo anno e fino al quarto, due ore a settimana dedicate i primi anni all’architettura e gli ultimi alla domotica insieme agli esperti del settore, che ci hanno introdotto al mondo del lavoro, alla pratica - ha dichiarato Giacomo Castelli, ora studente di Ingegneria della produzione industriale al Politecnico - E questa è la cosa che mi è piaciuta di più: l’applicazione della teoria, un aspetto che ci ha permesso di esplorare in anticipo il mondo del lavoro".

"È stata un’esperienza che mi è piaciuta molto - ha sottolineato Anna Comini, che ora frequenta Produzione industriale al Politecnico a Lecco - Provare a programmare con il software le luci delle lampadine e il riscaldamento, vedere da vicino le dinamiche di un progetto come questo mi ha aiutata poi a capire cosa scegliere all’Università, ho provato in prima persona cose che magari in altre scuole non avrei potuto fare".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Campioni di domotica: Liceo lecchese premiato a livello nazionale

LeccoToday è in caricamento