Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Quattro capretti, la madre e un asinello salvati dai volontari lecchesi

Grazie a Freccia 45 e alla raccolta fondi promossa durante il lockdown, gli animali sono stati strappati dalla macellazione e affidati al Rifugio "La casa nel bosco" in provincia di Genova

 

Quattro caprette e la madre salvate da morte certa e trasferite in un luogo sicuro dopo l'epidemia da covid.

Nel mese di aprile, l'Associazione Freccia 45 aveva lanciato un appello e una raccolta fondi per salvare dalla macellazione alcuni cuccioli di capretto. L'iniziativa era andata straordinariamente bene. Avevano aderito sia singoli volontari da tutta italia, sia altre realtà quali La Cortevilla Società Agricola Biologica e l'associazione "Il Rifugio" di Genova.

«Aiutateci a salvare quattro cuccioli di capretto destinati a finire sui piatti»

I cuccioli, però, erano rimasti bloccati a causa dei divieti agli spostamenti causati dal Covid-19, pandemia che, spiegano i volontari dell'associazione, «ironia della sorte, trae la sua origine e si è sviluppata proprio a causa dell'uccisione di animali a scopo alimentare umano».

animali salvati Freccia 45 (1)-2

I volontari di Freccia 45 hanno temuto per il peggio per alcune settimane sino alla notizia di riapertura dei confini regionali, che ha permesso non solo di organizzare il salvataggio e il trasporto presso il rifugio ospitante in Liguria, ma che ha pure permesso di trarre in salvo più vite del previsto. Oltre ai cuccioli capretti e alla loro mamma (visibilmente provata), un asinello (nella foto sopra) è stato salvato in un'operazione di difficile organizzazione logistica.

Chiesa: «Non abbandonate gli animali»

Così Susanna Chiesa, presidente dell'associazione Freccia 45, lancia un appello: «Essendo in periodo estivo, ricordiamo che l'abbandono degli animali è un reato penale - spiega - Se non puoi più prenderti cura del tuo animale, chiama un'associazione a te vicina. I volontari per i diritti animali non saranno mai sordi a richieste di aiuto. Il ringraziamento più grande va però al Rifugio di Genova "La casa nel bosco" che ha accolto queste vite».

Potrebbe Interessarti

Torna su
LeccoToday è in caricamento