Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il "Castello del Gaudì": un pezzo di Barcellona a due ore d'auto da Lecco

La spettacolare attrazione sta rendendo celebre Grosio ed è opera di Nicola Di Cesare, che vi lavora da 42 anni. "Non sono un artista: lo faccio perché così salvo il mio matrimonio"

Un giardino roccioso degno di una fiaba, o di un film di avventura alla Indiana Jones. Tutto questo costruito per amore. Anzi, "per salvare il matrimonio".

Anche a Lecco diventa sempre più celebre l'attrazione costruita da Nicola Di Cesare, pensionato abruzzese da mezzo secolo trapiantato a Grosio, in Valtellina. Nel giardino di casa, lungo l'imponente sperone di roccia che sovrasta la sua abitazione, l'uomo ha costruito un vero e proprio castello, mettendo in fila oltre 200 gradini tra muretti a secco, pareti decorate con mosaici, piante e vasi.

Un'opera d'arte maestosa, visibile anche a centinaia di metri di distanza, in grado di richiamare centinaia di visitatori ogni giorno. Tanto che ormai si parla di "castello del Gaudì di Grosio", vista la somiglianza con la casa Batllo del celebre architetto catalano.

Gita fuoriporta: il Castello di Gaudì di Grosio

"Non è arte, solo voglia di fare"

Il Di Cesare, personaggio umile e istrionico, di arte non vuole proprio sentirne parlare. Anche se lavora ininterrottamente al giardino da 42 anni. "Non seguo un disegno o un progetto, viene tutto automatico, è solo voglia di fare. Quando avevo un giorno libero, invece di andare in giro per le osterie o in vacanza, mi dedicavo al giardino - spiega Di Cesare nel video realizzato dal nostro collega Stefano Bolotta, che vi proponiamo - È un 'salvamatrimonio', perché quando arrivo a casa la sera dopo una giornata di lavoro sono stanco e non tormento mia moglie, che così è contenta".

Nicola Di Cesare

Già dipendente dei Visconti Venosta, quindi cuoco e ferroviere, Di Cesare accoglie con il sorriso i numerosi visitatori che varcano la soglia del suo cancello per ammirare "il castello del Gaudì", come fosse a Barcellona e non nel cuore della Valtellina. Il tutto senza chiedere un euro (l'ingresso è gratuito, chi lo desidera può lasciare un'offerta libera).

"Non ho mai fatto pubblicità, credo sia grazie al passaparola via internet - spiega - Io non ci trovo niente di straordinario. Finché c'è vita vado avanti, un pezzettino alla volta. Ci sono tante cose da fare: un po' l'agricoltura, un po' la muratura. Ora, dopo essere arrivato in alto, tornerò indietro a finire quello che avevo iniziato".

Video popolari

LeccoToday è in caricamento