Coronavirus, il punto. Nel Lecchese cinquanta nuovi tamponi positivi, 541 decessi in Lombardia

L'assessore Gallera ha aggiornato, come giornalmente avviene, sui dati dei contagiati da Covid-19 sul territorio Regionale: nella nostra provincia sono 51 in più di giovedì

Gli assessori Giulio Gallera e Davide Carlo Caparini in conferenza Facebook LOMBARDIA NOTIZIE

Salgono a 37.298 i positivi in Lombardia (+2.543) al Coronavirus, con 541 decessi giornalieri (5.402 in totale) in Lombardia, con duecento dimessi e altrettanti ricoverati: nel Lecchese i dati sono sostanzialmente in linea con quelli dei quattro giorni preferiti: nella nostra provincia si contano 1.210 infezioni dall'inizio dell'epidemia, con un aumento di 51. Nei giorni precedenti, l'incremento era stato di 81, 61, 81, 62, 54, 142, 146, 64. I dati sono stati snocciolati dall'assessore al Welfare della Regione Lombardia, Giulio Gallera, durante la quotidiana diretta Facebook sulla pagina di LombardiaNotizieOnline per fare il punto sull'emergenza Coronavirus. Le istituzioni invitano ovviamente alla prudenza, ma la tendenza è piuttosto uniforme in tutto il territorio lombardo.

Coronavirus, Fontana: «La linea dei contagi non cresce, sta per iniziare la discesa»

I casi per provincia con l'aggiornamento rispetto agli ultimi giorni

Bergamo: 8.060 (+602)
ieri: ​7.458 (+386)
l'altro ieri: 7.072 (+344)
e nei giorni precedenti: 6.728 (+257), 6.471 (+255), 6.216 (+347), 5.869 (+715), 5.154 (+509),
4.645(+340), 4.305, 3.993, 3.760, 3.416, 2.864, 2.368, 2.136,
1.815, 1.472, 1.245, 997, 761, 623, 537

Brescia: 7.305 (+374)
ieri: 6.931 (+334)
l'altro ieri: 6.597 (+299)
e nei giorni precedenti: 6.298 (+393), 5.905 (+588), 5.317 (+289), 5.028 (+380)
4.648(+401), 4.247(+463), 3.784, 3.300, 2.918, 2.473, 2.122,
1.784, 1.598, 1.351, 790, 739, 501, 413, 182, 155

Como: 816 (+54)
ieri: 762 (+56)
l'altro ieri: 706 (+71)
e nei giorni precedenti: 635 (54), 581 (+69), 512 (+60), 452 (+72), 380(+42),
338(+52)286, 256, 220, 184, 154, 118, 98, 77, 46, 40, 27, 23, 11, 11

Cremona: 3.496 (+126)
ieri: 3.370 (+214)
l'altro ieri: 3.156 (+95)
e nei giorni precedenti: 3.061 (+136), 2.925 (+30), 2.895 (+162), 2.733 (+341), 2.392(+106)
2.286(+119), 2.167, 2.073, 1.881, 1.792, 1.565, 1.344, 1.302,
1.061, 957, 916, 665, 562, 452, 406

Lecco: 1.210 (+51)
ieri: 1.159 (+81) ​
l'altro ieri: 1.076 (+61)
e nei giorni precedenti: 1.015 (+81), 934 (+62), 872 (+54), 818 (+142), 676(+146),
530(+64), 466, 440386, 344, 287, 237, 199, 113, 89, 66, 53, 35,
11, 8

Lodi: 2.006 (+38)
ieri: 1.968 (+84)
l'altro ieri: 1.884 (+24)
e nei giorni precedenti: 1.860 (43), 1.817 (+45), 1.772 (+79), 1.693 (+96), 1.597(+69)
1.528(+83), 1.445, 1.418, 1.362, 1320, 1.276, 1.133, 1.123,
1.035, 963, 928, 853, 811, 739, 658

Monza e Brianza: 1.948 (198)
ieri: 1.750 (+163)
l'altro ieri: 1.587 (+133)
e nei giorni precedenti: 1.454 (+324), 1.130 (+22), 1.108 (+24), 1.084 (+268)
816(+321), 495(+94), 401, 376, 346, 339, 224, 143, 130, 85, 65,
64, 59, 61, 20, 19

Milano: 7.469 di cui 3.009 a Milano città
ieri: 6.922 (+848) di cui 2.748 a Milano città (+310)
l'altro ieri: 6.074 (+373) di cui 2.438 a Milano città (+141)
e nei giorni precedenti: 5.701 (+375) di cui 2.297 a Milano città (+121)
5.326 (+230) di cui 2.176 a Milano cità (+137),
5.096 (+424) di cui 2.039 a Milano città (+210), 4.672 (+868) di cui 1.829 a Milano città (+279),
3.804 (+526) di cui 1.550 a Milano città (+172),
3.278 (+634) di cui 1378 a Milano città (+287), 2.644, 2.326,
1.983, 1.750, 1.551, 1.307, 1.146, 925, 592, 506, 406, 361

Mantova: 1.398 (+148)
ieri: 1.250 (+74)
l'altro ieri: 1.176 (83)
e nei giorni precedenti: 1.093 (+108), 985 (+80), 905 (+63), 842 (+119), 723 (+87),
636(+122), 514, 465, 382, 327, 261, 187, 169, 137, 119, 102, 56,
46, 32, 26

Pavia: 1.712 (+27)
ieri: 1.675 (+107)
l'altro ieri: 1.578 (+79)
e nei giorni precedenti: 1.499 (+55), 1.444 (+138), 1.306 (+112), 1.194 (+89), 1.105(+94),
1.011(+33), 978, 884, 801, 722, 622, 482, 468, 403, 324, 296,
243, 221, 180, 151

Sondrio: 362 (+37)
ieri: 325 (+41)
l'altro ieri: 284 (+31)
e nei giorni precedenti: 253 (+45), 208 (+3), 205 (+26), 179 (+16), 163 (+8)
155(+80), 75, 74, 46, 45, 45, 23, 23, 13, 7, 7, 6, 6, 4, 4

Varese: 711 (+209)
ieri: 502 (+34)
l'altro ieri: 468 (+18)
e nei giorni precedenti: 450 (+29), 421 (+35), 386 (+27), 359 (+21), 338(+28), 310,
+45), 265, 232, 202, 184, 158, 125, 98, 75, 50, 44, 32, 27, 23, 17

I dati in Lombardia

Ecco i dati dei contagi odierni e quelli dei giorni precedenti:

- i casi positivi sono: 37.298 (+2.409)
ieri: 34.889 (+2.543)
l'altro ieri: 32.346 (+1.643)
e nei giorni precedenti: 28.761 (+1.555), 27.206 (+1.691),
25.515 (+3.251), 22.264(+2.380), 19.884, 17.713, 16.220, 14.649,
13.2729, 11.685, 9.820, 8.725, 7.280, 5.791, 5.469, 4.189,
3.420, 2.612

- i deceduti: 5.402 (+541)
ieri: 4.861 (+387)
l'altro ieri: 4.474 (+296)
e nei giorni precedenti: 3.776 (+320), 3.456 (+361), 3.095
(+546), 2.549 (+381), 2.168, 1.959, 1.640, 1.420, 1.218, 966,
890, 744, 617, 468, 333, 267, 154

- i dimessi e in isolamento domiciliare 19.467 (+1.356)

- in terapia intensiva: 1.292 (+29)
ieri: 1.263 (+27)
l'altro ieri: 1.236 (+42)
e nei giorni precedenti: 1.183 (+41), 1.142 (+49), 1.093 (+43),
1.050(+44), 1.006, 924, 879, 823, 767, 732, 650, 605, 560, 466,
440, 399, 359

- i ricoverati non in terapia intensiva: 11.137 (+456)
ieri: 10.681 (+655)
l'altro ieri: 10.026 (+315)
e nei giorni precedenti: 9.266 (-173), 9.439 (+1.181), 8.258
(+523), 7.735(+348), 7.387, 7.285, 6.953, 6.171, 5.550, 4.898,
4.435, 4.247, 3.852, 3319, 2.802, 2.217, 1.661

- i tamponi effettuati: 95.860
ieri: 87.713
l'altro ieri: 81.666
e nei giorni precedenti: 73.242, 70.598, 66.730, 57.174, 52.244,
48.983, 46.449, 43.565, 40.369, 37.138, 32.700, 29.534, 25.629,
21.479, 20.135, 18.534, 15.778

Gallera: «Dati ancora alti, ma in linea con giovedì»

«I dati sono ancora un po' alti, ma in linea con quelli di ieri». Lo ha detto l'assessore al Welfare della Regione Lombardia, Giulio Gallera, durante la consueta diretta Facebook sulla pagina di Lombardia Notizie Online per fare il punto sull'emergenza coronavirus. Il collegamento di venerdì si è aperto con la testimonianza del giornalista monzese Carlo Gaeta, ricoverato all'ospedale di Legnano in quanto colpito da Covid-19, che ha raccontato la sua esperienza, ringraziando l'ottimo lavoro svolto da medici e infermieri e ha invitato tutti i cittadini a rispettare le regole per sconfiggere al piu' presto il virus. «Il mio percorso - ha detto Gaeta - è la testimonianza concreta di come il Coronavirus può essere sconfitto».

«C'è però un elemento confortante - ha aggiunto Gallera - continua a ridursi la pressione sui Pronto Soccorso. Al Policlinico San Matteo di Pavia abbiamo registrato addirittura una riduzione degli accessi del 30% e, a Lodi, il numero di pazienti che hanno fatto accessi per problemi non connessi al Covid-19 è più alto del numero dei pazienti Coronavirus». «Gli sforzi che stiamo compiendo oggi - ha detto ancora - stanno danno risultati misurabili, ossia che negli ospedali si comincia lentamente ad allentare la pressione, a partire dai punti di accesso dei malati».

«Sull'altro fronte, stiamo rafforzando in maniera significativa l'attività sul territorio per prenderci cura di quelle persone cosiddette "paucisintomatiche", recependo una direttiva nazionale che ha accolto le richieste dei medici di base di maggiore tutela, affiancando loro dei pool di assistenza domiciliare. Anche in Lombardia - ha puntualizzato - stiamo dunque procedendo a rimodulare l'assistenza domiciliare integrata su un modello di ADI Covid-19».

Su richiesta dei medici di medicina generale, unità speciali di continuità assistenziale (USCA) andranno a visitare i pazienti, li sorveglieranno o stabiliranno, se necessario, collocarli in degenze di sorveglianza quando non possono essere sorvegliati al proprio domicilio. «Da 36 giorni - ha concluso Gallera - con un'intensità pazzesca, insieme ai medici e agli infermieri, lavoriamo senza sosta per sconfiggere il virus. Apriamo posti di terapia intensiva, riconvertiamo ospedali per offrire a tutti i pazienti, come il giornalista Carlo Gaeta, di poter tornare a respirare e a vivere normalmente».

Spostamenti calati al 35%

«Gli spostamenti dei cittadini lombardi sono diminuiti ancora, ora siamo al 35 per cento. Questo dato sottolinea ancora una volta il comportamento virtuoso di chi riduce sempre di più i movimenti all'interno della nostra Regione». Lo ha detto il vicepresidente di Regione Lombardia, Fabrizio Sala, commentando gli ultimi dati aggiornati sugli spostamenti effettuati attraverso il movimento degli smartphone.

spostament-26-marzo-2«Abbiamo chiesto alle compagnie telefoniche - ha spiegato il vicepresidente Sala - di indicarci le rilevazioni dei cambi di celle alle quali si agganciano gli smartphone quando chi ne è utilizzatore si muove e di elaborare un dato aggregato che non intende monitorare nessuno ma analizzare il flusso degli spostamenti all'interno della Regione e per ciascuna provincia».

«I dati indicano che il trend è positivo e ci fa ben sperare. I lombardi si muovono sempre meno - ha aggiunto il vicepresidente - e le nostre misure stanno dando risultati confortanti -. Anche grazie al comportamento delle persone - ha concluso Fabrizio Sala - che hanno capito l'importanza di non avere contatti sociali per ridurre il pericolo dei contagi».

300 medici arrivati ad aiutare in Lombardia

Il vicepresidente di Regione Lombardia Fabrizio Sala ha accolto i a Bergamo i primi medici volontari della "task force" permanente voluta dal Governo, coordinata dalla Protezione civile, con il compito di intervenire negli ospedali in condizioni critiche. I medici sono giunti in Lombardia accompagnati dal ministro per gli Affari regionali, Francesco Boccia e dal Commissario per l'emergenza Domenico Arcuri. I primi professionisti arrivati in Lombardia provengono da Roma, Latina, Bari, Firenze, Cosenza, Potenza, Napoli, Vasto, Messina, Udine, Caserta e Perugia. Saranno 300 i medici dislocati fra la Bergamasca e le altre province lombarde.

medici lombardia 26 marzo 2020-2

«Ringraziamo a nome di Regione Lombardia - ha detto il vicepresidente Sala - i medici che sono arrivati nei nostri ospedali da tutte le parti d'Italia per aiutare le strutture e dare un importante contributo in un momento così drammatico. Un segnale forte di solidarietà umana e di grande spirito di sacrificio al servizio di chi ha bisogno». Il vicepresidente Sala ha consegnato ai medici, arrivati ieri sera a Bergamo, le lettere d'incarico presso gli Ospedali di Esine, Sondalo, Desenzano, Seriate, Treviglio, Chiari. «I medici hanno accolto l'appello con grande senso del dovere e si sono spostati dalle loro zone di lavoro per aiutare gli ospedali lombardi» ha aggiunto Sala.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Noi abbiamo bisogno di loro - ha rimarcato il vicepresidente - e loro hanno risposto presente senza esitazioni. La Lombardia ringrazia tutta Italia per questo sforzo e se dovesse essere necessario siamo pronti a dare lo stesso contributo anche per le altre Regioni». Accompagnati dalle Asst nei rispettivi ospedali a cui sono stati destinati, i medici si sono subito resi operativi in soccorso dei colleghi lombardi. «Ho visto nei loro occhi - ha sottolineato il vicepresidente Sala - l'entusiasmo e la voglia di aiutare facendo tutto il possibile e oltre per affrontare questa terribile emergenza. Ho accompagnato in prima persona un medico di Roma che non vedeva l'ora di iniziare a lavorare per dare il suo ». «Questi sono uomini e donne - ha concluso - che ci rendono orgogliosi e ci danno la forza per non mollare in questa estenuante battaglia».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giornata flagellata dal maltempo: una quarantina di interventi nel territorio

  • Olginate: trovato in fin di vita, ciclista muore lungo l'alzaia

  • «La vostra sanità funziona e ci ha aiutati», ristoratori egiziani devolvono nuovamente il loro incasso all'ospedale

  • Bimba ha fretta di nascere, donna partorisce nel tunnel del Monte Barro

  • Elezioni 2020, rese note le preferenze: Antonio Rossi il più votato, Bonacina ancora "top" tra le donne

  • Un panino di due metri e un "bollicine" di 9 litri, festa a San Giovanni per il barista Willy

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccoToday è in caricamento