Coronavirus, il punto. «La crescita si è arrestata» (+42 nel Lecchese), autorizzato l'utilizzo delle mascherine lombarde

Nella nostra provincia il totale è giunto a 1.594, su scala regionale si è arrivati a quota 47.520 (+1.455)

Giulio Gallera, assessore al welfare di Regione Lombardia LOMBARDIANOTIZIE

«I dati oggi sono confortanti, si è arrestata la crescita, diminuiscono infatti i ricoverati che oggi sono "solo" 40 in più. Crescono in maniera importante anche i dimessi che oggi sono oltre 13.000. Gli ospedali ci dicono la stessa cosa: forse, quindi, anche i nostri straordinari medici e infermieri, iniziano a respirare per qualche momento». Lo ha detto l'assessore al Welfare della Regione Lombardia, Giulio Gallera, nel corso della consueta diretta quotidiana sulla pagina Facebook di LombardiaNotizieOnline. «Lo sforzo compiuto - ha aggiunto - sta producendo dei risultati - ha aggiunto - ma dobbiamo resistere dimostrando la nostra forza». L'assessore ha quindi annunciato che da oggi è fruibile per tutti «la dematerializzazione della ricetta medica. Non sarà più necessario andare dal medico per ritirare la ricetta». Per informazioni è possibile chiamare il numero verde 800.030.606

Coronavirus: scoperte "zone" del virus utili per vaccini, le menti sono dell'Istituto "Medea"

I casi per provincia con l'aggiornamento rispetto agli ultimi giorni

Bergamo: 9.315 (+144)
ieri: 9.171 (+132)
l'altro ieri: 9.039 (+236)
e nei giorni precedenti: 8.803 (+139), 8.664 (+137), 8.527
(+178), 8.349 (+289), 8.060 (+602), 7.458 (+386), 7.072 (+344),
6.471, (+255), 6.216 (+347), 5.869 (+715), 5.154 (+509),
4.645(+340), 4.305, 3.993, 3.760, 3.416, 2.864, 2.368, 2.136,
1.815, 1.472, 1.245, 997, 761, 623, 537

Brescia: 9.014 (+257)
ieri: 8.757 (+159)
l'altro ieri: 8.598 (+231)
e nei giorni precedenti: 8.367 (+154), 8.213 (+200), 8.013
(+335), 7.678 (+373), 7.305 (+374), 6.931 (+334), 6.597(+299),
5.905 (+588), 5.317 (+289), 5.028 (+380), 4.648(+401), 4.247
(+463), 3.784, 3.300, 2.918, 2.473, 2.122, 1.784, 1.598, 1.351,
790, 739, 501, 413, 182, 155

Como: 1.256 (+51)
ieri: 1.205 (+48)
l'altro ieri: 1.157 (+56)
e nei giorni precedenti: 1.101 (+40), 1.061 (+47), 1.014 (+111),
903 (+87), 816 (+54), 762 (+56), 706 (+71), 581 (+69), 512
(+60), 452
(+72), 380(+42), 338(+52)286, 256, 220, 184, 154, 118, 98, 77,
46, 40, 27, 23, 11, 11

Cremona: 4.097 (+123)
ieri: 3.974 (+33)
l'altro ieri: 3.941 (+72)
e nei giorni precedenti: 3.869 (+81)
3.788 (+26), 3.762 (+157), 3.605
(+109), 3.496, (+126), 3.370 (+214), 3.156 (+95), 2.925 (+30),
2.895 (+162), 2.733 (+341), 2.392 (+106), 2.286 (+119), 2.167,
2.073, 1.881, 1.792, 1.565, 1.344, 1.302, 1.061, 957, 916, 665,
562, 452, 406

Lecco: 1.594 (+42)
ieri: 1.552 (+36)
l'altro ieri: 1.516 (+46)
e nei giorni precedenti: 1.470 (+33), 1.437 (+56), 1.381 (+65),
1.316 (+106), 1.210 (+51), 1.159 (+83), 1.076 (+61), 934 (+62),
872 (+54), 818 (+142), 676 (+146),530(+64), 466, 440,386, 344,
287, 237, 199, 113, 89, 66, 53, 35, 11, 8

Lodi: 2.214 (+25)
ieri: 2.189 (+32)
l'altro ieri: 2.157 (+41)
e nei giorni precedenti: 2.116 (+29), 2.087 (+30), 2.057 (+28),
2.029 (+23), 2.006 (+38), 1.968 (+84), 1.884 (+24), 1.817 (+45),
1.772 (+79), 1.693 (+96), 1.597 (+69), 1.528(+83), 1.445, 1.418,
1.362, 1320, 1.276, 1.133, 1.123, 1.035, 963, 928, 853, 811,
739, 658

Monza e Brianza: 2774 (+141)
ieri: 2.633 (+90)
l'altro ieri: 2.543 (+81)
e nei giorni precedenti: 2.462 (+100), 2.362 (+97), 2.265
(+179), 2.086 (+138), 1.948 (198), 1.750 (+163), 1.587 (+133),
1.130 (+22), 1.108 (+24), 1.084 (+268), 816(+321), 495 (+94),
401, 376, 346, 339, 224, 143, 130, 85, 65, 64, 59, 61, 20, 19

Milano: 10.391 (+387), di cui 4.184 a Milano citta' (+166)
ieri: 10.004 (+482), di cui 4.018 a Milano citta' (+203),
l'altro ieri: 9522 (+611), di cui 3815 (+159) a Milano citta',
e nei giorni precedenti:
8.911 (+235), di cui 3.656 (+96) a Milano citta',
8.676 (+347), di cui 3.560 a Milano citta' (+154),
8.329 (+546), di cui 3.406 a Milano citta' (+247),
7.783 (+314) di cui 3.159 a Milano citta' (+150),
7.496 (+547) di cui 3.009 a Milano citta' (+261),
6.922 (+848) di cui 2.748 a Milano citta' (+310),
6.074 (+373) di cui 2.438 a Milano citta' (+141),
5.326 (+230) di cui 2.176 a Milano citta' (+137),
5.096 (+424) di cui 2.039 a Milano citta' (+210),
4.672 (+868) di cui 1.829 a Milano citta' (+279),
3.804 (+526) di cui 1.550 a Milano citta' (+172),
3.278 (+634) di cui 1378 a Milano citta' (+287),
2.644, 2.326, 1.983, 1.750, 1.551, 1.307, 1.146, 925, 592, 506,
406, 361

Mantova: 1.884 (+102)
ieri: 1.782 (+46)
l'altro ieri: 1.736 (+48)
e nei giorni precedenti: 1.688 (+71), 1.617 (+67), 1.550 (+66),
1.484 (+86), 1.398 (+148), 1.250 (+74), 1.176 (83), 985 (+80),
905 (+63), 842 (+119), 723 (+87), 636 (+122), 514, 465, 382,
327, 261, 187, 169, 137, 119, 102, 56, 46, 32, 26

Pavia: 2.331 (+46)
ieri: 2.285 (+105)
l'altro ieri: 2.180 (+47)
e nei giorni precedenti: 2.133 (+97), 2.036 (+62), 1.974 (+97),
1.877 (+165), 1.712 (+27), 1.685 (+107), 1.578 (+134), 1.444
(+138), 1.306, (+112), 1.194 (+89), 1.105(+94), 1.011(+33), 978,
884, 801, 722, 622, 482, 468, 403, 324, 296, 243, 221, 180, 151

Sondrio: 537 (+20)
ieri: 517 (+33)
l'altro ieri: 484 (+14)
e nei giorni precedenti: 470 (+24), 446 (+24), 422 (+34), 388
(+26), 362 (+37), 325 (+41), 284 (+31), 208 (+3), 205 (+26), 179
(+16), 163 (+8), 155 (+80), 75, 74, 46, 45, 45, 23, 23, 13, 7,
7, 6, 6, 4

Varese: 1.085 (+83)
ieri: 1.002 (+65)
l'altro ieri: 937 (+44)
e nei giorni precedenti: 893 (27), 866 (+54), 812 (+44), 768
(+57), 711 (+209), 502 (+34), 468 (+18), 421 (+35), 386 (+27),
359 (+21), 338(+28), 310, +45), 265, 232, 202, 184, 158, 125,
98, 75, 50, 44, 32, 27, 23, 17

e 1.028 in corso di verifica.

grafiche coronavirus 4 aprile 20202-2

I dati dei contagi odierni in Lombardia e quelli dei giorni precedenti

- i casi positivi sono: 47.520 (+1.455)
ieri: 46.065 (+1.292)
l'altro ieri 44.773
e nei giorni precedenti: 43.202 (+1.047), 42.161 (+1.154),
41.007 (+1592), 39.415 (+2.117), 37.298 (+2.409), 34.889
(+2.543), 32.346 (+1.643), 28.761 (+1.555), 27.206 (+1.691),
25.515 (+3.251), 22.264(+2.380), 19.884, 17.713, 16.220, 14.649,
13.2729, 11.685, 9.820, 8.725, 7.280, 5.791, 5.469, 4.189,
3.420, 2.612

- i deceduti: 8.311 (+351)
ieri: 7.960 (+367)
l'altro ieri: 7.593
7.199 (+381)
e nei giorni precedenti: 7.199 (+381), 6.818 (+458), 6.360
(+416), 5.944 (+542), 5.402 (+541), 4.861 (+387), 4.474 (+296),
3.776 (+320), 3.456 (+361), 3.095 (+546), 2.549 (+381), 2.168,
1.959, 1.640, 1.420, 1.218, 966, 890, 744, 617, 468, 333,267,
154

- i dimessi e in isolamento domiciliare 26.026, di cui 13.020
con almeno un passaggio in ospedale e quindi in
isolamento domiciliare e 13.006 per cui non si rileva alcun
passaggio in ospedale

- in terapia intensiva: 1.381 (+30)
ieri: 1.351 (+9)
l'altro ieri: 1342 (+18)
e nei giorni precedenti: 1.324 (-6), 1.330 (+2), 1.328 (+9),
1.319 (+27), 1.292 (+29), 1.263 (+27), 1.236 (+42), 1.183 (+41),
1.142 (+49), 1.093 (+43), 1.050(+44), 1.006, 924, 879, 823, 767,
732, 650, 605, 560, 466, 440, 399, 359

- i ricoverati non in terapia intensiva: 11.802 (+40)
ieri: 11.762 (-165)
l'altro ieri: 11.927 (+44)
e nei giorni precedenti: 11.883 (+68), 11.815 (+202), 11.613
(+461), 11.152 (+15), 11.137 (+456), 10.681 (+655), 10.026
(+315), 9.266 (-173), 9.439, (+1.181), 8.258 (+523),7.735(+348),
7.387, 7.285, 6.953, 6.171, 5.550, 4.898, 4.435, 4.247, 3.852,
3319, 2.802, 2.217, 1.661

- i tamponi effettuati: 135.051 (+6.765)
ieri: 128.286
l'altro ieri: 121.449
e nei giorni precedenti: 114.640, 111.057, 107.398, 102.503,
95.860, 87.713, 81.666, 73.242, 70.598, 66.730, 57.174, 52.244,
48.983, 46.449, 43.565, 40.369, 37.138, 32.700, 29.534, 25.629,
21.479, 20.135, 18.534, 15.778

grafiche coronavirus 4 aprile 20201-2

«Via libera alle mascherine lombarde»

«Davvero una bella notizia. Un responso che attendevamo da giorni. E' infatti arrivato oggi pomeriggio il parere favorevole da parte dell'Istituto Superiore della Sanità (ISS) alla produzione, all'utilizzo e alla commercializzazione delle mascherine prodotte in Lombardia dall'azienda Fippi di Rho in provincia di Milano». Lo ha comunicato il presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana intervenuto alla diretta Facebook trasmessa dalla pagina di Lombardia Notizie Online.

ISS, infatti, ha confermato la rispondenza del prodotto alla normativa tecnica e ai requisiti "Mascherine facciali ad uso medico - requisiti e metodi di prova", a quelli di biocompatibilitaà e di produzione implementata gestita secondo un sistema di gestione di qualità e ha dichiarato la rispondenza del prodotto alla normativa tecnica ed ai requisiti richiesti. Fino al termine dell'emergenza (datata dalla delibera del Consiglio dei Ministri al 31 dicembre 2020) Fippi potrà dunque produrre e commercializzare le mascherine.

L'assessore all'Ambiente e Clima Raffaele Cattaneo che ha coordinato i lavori della task force da giorni impegnata su questo fronte ha espresso soddisfazione per questo risultato: «Siamo molto contenti dell'approvazione da parte di ISS alle mascherine prodotte da Fippi. Il lavoro svolto da Regione Lombardia, Politecnico di Milano e dall'azienda è stato finalmente riconosciuto e le mascherine potranno essere utilizzate dai nostri sanitari all'interno degli ospedali e delle Rsa, categorie che più ne hanno bisogno. Con questa autorizzazione infatti le mascherine prodotte dalla Fippi sono equiparate alle mascherine chirurgiche certificate».

«La nostra perseveranza - ha concluso l'assessore al Bilancio Davide Caparini - è stata premiata. Un pressing a tutto campo che ci consente di dotare la Lombardia, ma non solo la nostra regione, di una nuova e importante produzione di dispositivi di prevenzione individuale quanto mai importanti e necessari».

Diciannovemila mascherine ai volontari lecchesi

Sono 440.000 le mascherine in corso di distribuzione alle varie Province lombarde e ai volontari di Protezione civile che operano sul territorio regionale. In particolare, 360.000 mascherine e altrettante paia di guanti monouso sono destinate alle Province - e da queste ai Centri Operativi Comunali - mentre ai volontari andranno complessivamente 80.000 mascherine e altrettante paia di guanti.

Soddisfatto l'assessore regionale al Territorio e Protezione civile, Pietro Foroni, che dichiara: «Siamo riusciti a rispondere alle richieste di Dispositivi individuali di protezione provenienti dal territorio, mentre continuiamo a battere tutte le strade praticabili perchè nella nostra regione l'approvvigionamento di mascherine e guanti prosegua senza soluzione di continuità fino alla scomparsa definitiva della pandemia».

Il ritiro del materiale avviene dal magazzino di Rho/MI gestito da Areu (Azienda Regionale Emergenza Urgenza). Ogni provincia ritira presso il magazzino la dotazione assegnata. I volontari di Protezione civile supporteranno le Agenzie di Tutela della Salute (ATS) ritirando anche il loro materiale e consegnandolo direttamente ai loro magazzini.

In dettaglio il numero di mascherine destinate ai volontari Protezione Civile: Bergamo, 10.000; Brescia, 10.000; Como, 5.000; Cremona, 6.000; Lecco, 4.000; Lodi, 5.000; Mantova, 6.000; Milano, 10.000; Monza e Brianza, 5.000; Pavia, 5.000; Sondrio, 4.000; Varese, 5.000; Colonna Mobile Regionale, 5.000. In totale 80.000 pezzi. Destinate alla Province (Centri Operativi Comunali) - Bergamo, 50.000; Brescia, 50.000; Milano, 10.000; Como, 18.000; Cremona, 25.000; Lecco, 15.000; Lodi, 20.000; Mantova, 15.000; Milano (Città Metropolitana), 80.000; Monza-Brianza, 25.000; Pavia, 20.000; Sondrio, 12.000; Varese, 20.000. In totale 360.000 pezzi.

Qualità dell'aria e Covid-19: «Pronti i risultati»

Sono stati pubblicati oggi i risultati di un'indagine svolta da Regione Lombardia e da Arpa Lombardia sulla variazione dei fattori di pressione e sull'andamento dati di qualità dell'aria generato dalle misure di restrizione introdotte per contrastare la diffusione del virus. L'assessore lombardo all'Ambiente e Clima Raffaele Cattaneo ha commentato: «L'emergenza e la progressiva adozione delle misure di contenimento del virus ha determinato una situazione straordinaria e irripetibile in condizioni ordinarie. Dai dati analizzati è possibile osservare come sul particolato la variabile meteorologica rimanga predominate nel determinare gli andamenti, nonostante una ovvia riduzione collegata alle minori emissioni; si conferma dunque ancora una volta la specificità del bacino padano, anche in relazione alla formazione di particolato secondario. Ad esempio, osservando i dati, dal 18 al 20 marzo si è riscontrato un incremento significativo del PM10 che in alcune stazioni ha superato il valore limite di 50 ตg/m3 ed è cresciuto in gran parte della regione, nonostante la riduzione dei flussi di traffico e di parte delle attivita' industriali».

«Questa situazione si è verificata in una fase stagionale che registra da sempre una situazione più favorevole alla dispersione degli inquinanti rispetto ai mesi invernali - ha proseguito Cattaneo - e si riscontra che nel corso del mese di marzo i valori di particolato (PM10 e PM2.5) si sono attestati in prossimità dei valori minimi riscontrati in media nel decennio precedente, ma il concorso della drastica riduzione della circolazione veicolare e delle altre fonti emissive non ha determinato effetti tali da scendere al di sotto di valori in parte già riscontrati negli anni precedenti nel medesimo periodo. Diminuzioni più consistenti sono invece rilevate per gli ossidi di azoto e per il benzene, essendo legati più direttamente al traffico veicolare».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Regione Lombardia, anche grazie all'aiuto di Move-In ha avuto i dati elaborati in forma aggregata e anonima, in tempo reale per conoscere la situazione della mobilità: «A seguito dell'adozione del DPCM dell'8 marzo 2020, che ha introdotto misure di limitazione degli spostamenti - ha concluso l'assessore Cattaneo - si osserva una progressiva e significativa riduzione delle percorrenze di tutti i veicoli. In particolare, nei giorni feriali della settimana 23-29 marzo, si stima una riduzione di circa il 75%. Durante il fine settimana le percorrenze subiscono riduzioni ancora maggiori, arrivando fino a circa il 90% nella giornata di domenica».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni Comunali di Lecco: si va al ballottaggio, a inizio ottobre il nuovo sindaco della città

  • Elezioni, Amministrative di Lecco: iniziato lo spoglio. Exit poll: Ciresa tra il 49 e il 53%

  • Omicidio di Olginate: dopo otto giorni, Stefano Valsecchi si è costituito

  • Entrano in una scuola, interrompono la lezione e sbeffeggiano l'insegnante: denunciati due diciottenni

  • Giornata flagellata dal maltempo: una quarantina di interventi nel territorio

  • Elezioni Comunali di Mandello: Riccardo Fasoli si conferma sindaco

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccoToday è in caricamento