Coronavirus, il punto. «Lento, ma costante miglioramento»: nel Lecchese +30 tamponi positivi

Nella nostra provincia il totale è giunto a 1.712, su scala regionale si è arrivati a quota 51.534 (+1.079)

Giulio Gallera, assessore regionale al welfare LOMBARDIANOTIZIE

«In Lombardia stiamo assistendo a un lento, ma costante miglioramento, oggi anche su Milano. Complessivamente, dunque, i dati confermano che in Lombardia c'è una costante riduzione, non un crollo, dei contagi. E allora non non bisogna allentare l'attenzione, ma andare avanti si questa strada continuando a rispettare le norme restrittive». Lo ha detto l'assessore al Welfare della Regione Lombardia, Giulio Gallera, durante la quotidiana diretta sulla pagina Facebook di LombardiaNotizieOnline.

I casi per provincia con l'aggiornamento rispetto agli ultimi giorni

Bergamo: 9.815 (+103)
ieri: 9.712 (+124)
l'altro ieri: 9.588 (+273)
e nei giorni precedenti: 9.315 (+144), 9.171 (+132), 9.039
(+236), 8.803 (+139), 8.664 (+137), 8.527 (+178), 8.349 (+289),
8.060 (+602), 7.458 (+386), 7.072 (+344), 6.471, (+255), 6.216
(+347), 5.869 (+715), 5.154 (+509), 4.645(+340), 4.305, 3.993,
3.760, 3.416, 2.864, 2.368, 2.136, 1.815, 1.472, 1.245, 997,
761, 623, 537

Brescia: 9.477 (+137)
ieri: 9.340 (+160)
l'altro ieri: 9.180 (+166)
e nei giorni precedenti: 9.014 (+257), 8.757 (+159), 8.598
(+231), 8.367 (+154), 8.213 (+200), 8.013 (+335), 7.678 (+373),
7.305 (+374), 6.931 (+334), 6.597(+299), 5.905 (+588), 5.317
(+289), 5.028 (+380), 4.648(+401), 4.247 (+463), 3.784, 3.300,
2.918, 2.473, 2.122, 1.784, 1.598, 1.351, 790, 739, 501, 413,
182, 155

Como: 1.473 (+89)
ieri: 1.384 (+65)
l'altro ieri: 1.319 (+63)
l'altro ieri: 1.256 (+51)
e nei giorni precedenti: 1.205 (+48), 1.157 (+56), 1.101 (+40),
1.061 (+47), 1.014 (+111), 903 (+87), 816 (+54), 762 (+56), 706
(+71), 581 (+69), 512 (+60), 452 (+72), 380(+42), 338(+52)286,
256, 220, 184, 154, 118, 98, 77, 46, 40, 27, 23, 11, 11

Cremona: 4.260 (+27)
ieri: 4.233 (+79)
l'altro ieri: 4.154 (+57)
e nei giorni precedenti: 4.097 (+123), 3.974 (+33), 3.941 (+72),
3.869 (+81), 3.788 (+26), 3.762 (+157), 3.605 (+109), 3.496,
(+126), 3.370 (+214), 3.156 (+95), 2.925 (+30), 2.895 (+162),
2.733 (+341), 2.392 (+106), 2.286 (+119), 2.167, 2.073, 1.881,
1.792, 1.565, 1.344, 1.302, 1.061, 957, 916, 665, 562, 452, 406

Lecco: 1.712 (+34)
ieri: 1.678 (+50)
l'altro ieri: 1.628 (+34)
e nei giorni precedenti: 1.594 (+42), 1.552 (+36), 1.470 (+33),
1.437 (+56), 1.381 (+65), 1.316 (+106), 1.210 (+51), 1.159
(+83), 1.076 (+61), 934 (+62), 872 (+54), 818 (+142), 676
(+146),530(+64), 466, 440,386, 344, 287, 237, 199, 113, 89, 66,
53, 35, 11, 8

Lodi: 2.278 (+23)
ieri: 2.255 (+17)
l'altro ieri: 2.238 (+24)
e nei giorni precedenti: 2.214 (+25), 2.189 (+32), 2.157 (+41),
2.116 (+29), 2.087 (+30), 2.057 (+28), 2.029 (+23), 2.006 (+38),
1.968 (+84), 1.884 (+24), 1.817 (+45), 1.772 (+79), 1.693 (+96),
1.597 (+69), 1.528(+83), 1.445, 1.418, 1.362, 1320, 1.276,
1.133, 1.123, 1.035, 963, 928, 853, 811, 739, 658

Monza e Brianza: 3.157 (+111)
ieri: 3.046 (+111)
l'altro ieri: 2.935 (+161)
e nei giorni precedenti: 2774 (+141), 2.633 (+90), 2.543 (+81),
2.462 (+100), 2.362 (+97), 2.265 (+179), 2.086 (+138), 1.948
(198), 1.750 (+163), 1.587 (+133), 1.130 (+22), 1.108 (+24),
1.084 (+268), 816(+321), 495 (+94), 401, 376, 346, 339, 224,
143, 130, 85, 65, 64, 59, 61, 20, 19

Milano: 11.538 (+308) di cui 4.645 a Milano citta' (+112)
ieri: 11.230 (+411) di cui 4.533 a Milano citta' (+171)
l'altro ieri: 10.819 (+428) di cui 4.362 a Milano citta' (+178)
e nei giorni precedenti:
10.391 (+387), di cui 4.184 a Milano citta' (+166),
10.004 (+482), di cui 4.018 a Milano citta' (+203),
9522 (+611), di cui 3815 (+159) a Milano citta',
8.911 (+235), di cui 3.656 (+96) a Milano citta',
8.676 (+347), di cui 3.560 a Milano citta' (+154),
8.329 (+546), di cui 3.406 a Milano citta' (+247),
7.783 (+314) di cui 3.159 a Milano citta' (+150),
7.496 (+547) di cui 3.009 a Milano citta' (+261),
6.922 (+848) di cui 2.748 a Milano citta' (+310),
6.074 (+373) di cui 2.438 a Milano citta' (+141),
5.326 (+230) di cui 2.176 a Milano citta' (+137),
5.096 (+424) di cui 2.039 a Milano citta' (+210),
4.672 (+868) di cui 1.829 a Milano citta' (+279),
3.804 (+526) di cui 1.550 a Milano citta' (+172),
3.278 (+634) di cui 1378 a Milano citta' (+287),
2.644, 2.326, 1.983, 1.750, 1.551, 1.307, 1.146, 925, 592, 506,
406, 361

Mantova: 2.084 (+40)
ieri: 2.044 (+63)
l'altro ieri: 1.981 (+97)
e nei giorni precedenti: 1.884 (+102), 1.782 (+46), 1.736 (+48),
1.688 (+71), 1.617 (+67), 1.550 (+66), 1.484 (+86), 1.398
(+148), 1.250 (+74), 1.176 (83), 985 (+80), 905 (+63), 842
(+119), 723 (+87), 636 (+122), 514,465, 382, 327, 261, 187, 169,
137, 119, 102, 56, 46, 32, 26

Pavia: 2.700 (81)
ieri: 2.619 (+120)
l'altro ieri: 2.499 (+168)
e nei giorni precedenti: 2.331 (+46), 2.285 (+105), 2.180 (+47),
2.133 (+97), 2.036 (+62), 1.974 (+97), 1.877 (+165), 1.712
(+27), 1.685 (+107), 1.578 (+134), 1.444 (+138), 1.306, (+112),
1.194 (+89), 1.105(+94), 1.011(+33), 978, 884, 801, 722, 622,
482, 468, 403, 324, 296,243, 221, 180, 151

Sondrio: 614 (+23)
ieri: 591 (+28)
l'altro ieri: 563 (+26)
e nei giorni precedenti: 537 (+20)
517 (+33), 484 (+14), 470 (+24), 446
(+24), 422 (+34), 388 (+26), 362 (+37), 325 (+41), 284 (+31),
208 (+3), 205 (+26), 179 (+16), 163 (+8), 155 (+80), 75, 74, 46,
45, 45, 23, 23, 13, 7, 7, 6, 6, 4

Varese: 1.293 (+102)
ieri: 1.191 (43)
l'altro ieri: 1.148 (+63)
e nei giorni precedenti: 1.085 (+83), 1.002 (+65), 937 (+44),
893 (27), 866 (+54), 812 (+44), 768 (+57), 711 (+209), 502
(+34), 468 (+18), 421 (+35), 386 (+27), 359 (+21), 338(+28),
310, +45), 265, 232, 202, 184, 158, 125, 98, 75, 50, 44, 32, 27,
23, 17

e 1.133 in corso di verifica.

infrografiche dati coronavirus lombardia 6 aprile 20201-2

I dati dei contagi odierni in Lombardia e quelli dei giorni precedenti

- i casi positivi sono: 51.534 (+1.079)
ieri: 50.455 (+1.337)
l'altro ieri: 49.118 (+1.598)
e nei giorni precedenti: 47.520 (+1.455), 46.065 (+1.292),
44.773, 43.202 (+1.047), 42.161 (+1.154), 41.007 (+1592), 39.415
(+2.117), 37.298 (+2.409), 34.889 (+2.543), 32.346 (+1.643),
28.761 (+1.555), 27.206 (+1.691), 25.515 (+3.251),
22.264(+2.380),19.884, 17.713, 16.220, 14.649, 13.2729, 11.685,
9.820, 8.725, 7.280, 5.791, 5.469, 4.189, 3.420, 2.612

- i decessi: 9.202 (+297)
ieri: 8.905 (+249)
l'altro ieri: 8.656 (+345)
e nei giorni precedenti: 8.311 (+351), 7.960 (+367), 7.593,
7.199 (+381), 6.818 (+458), 6.360 (+416), 5.944 (+542), 5.402
(+541), 4.861 (+387), 4.474 (+296), 3.776 (+320), 3.456 (+361),
3.095 (+546), 2.549 (+381), 2.168, 1.959, 1.640, 1.420, 1.218,
966, 890, 744, 617, 468, 333,267, 154

- i dimessi e in isolamento domiciliare 29.075, di cui con
almeno un passaggio in ospedale e quindi in
isolamento domiciliare 13.863 (+437) e 15.212 (+851)  per cui
non si rileva alcun passaggio in ospedale

- in terapia intensiva: 1.343 (+26)
ieri: 1.317 (-9)
l'altro ieri: 1.326 (-55)
e nei giorni precedenti: 1.381 (+30), 1.351 (+9), 1342 (+18),
1.324 (-6), 1.330 (+2), 1.328 (+9), 1.319 (+27), 1.292 (+29),
1.263 (+27), 1.236 (+42), 1.183 (+41), 1.142 (+49), 1.093 (+43),
1.050(+44), 1.006, 924, 879, 823, 767, 732, 650, 605, 560, 466,
440, 399, 359

- i ricoverati non in terapia intensiva: 11.914 (-95)
ieri: 12.009 (+7)
l'altro ieri: 12.002 (+200)
e nei giorni precedenti: 11.802 (+40), 11.762 (-165), 11.927
(+44), 11.883 (+68), 11.815 (+202), 11.613 (+461), 11.152 (+15),
11.137 (+456), 10.681 (+655), 10.026 (+315), 9.266 (-173),
9.439, (+1.181), 8.258 (+523), 7.735(+348), 7.387, 7.285, 6.953,
6.171, 5.550, 4.898, 4.435, 4.247, 3.852, 3319, 2.802, 2.217,
1.661

- i tamponi effettuati: 154.989 (+5.005)
ieri: 149.984 (+8.107)
l'altro ieri: 141.877 (+6.826)
e nei giorni precedenti: 135.051 (+6.765), 128.286, 121.449,
114.640, 111.057, 107.398, 102.503, 95.860, 87.713, 81.666,
73.242, 70.598, 66.730, 57.174, 52.244, 48.983, 46.449, 43.565,
40.369, 37.138, 32.700, 29.534, 25.629, 21.479, 20.135, 18.534,
15.778

infrografiche dati coronavirus lombardia 6 aprile 20202-2

«Distribuzione mascherine sarà terminata mercoledì»

«Le mascherine destinate alla popolazione lombarda sono state ritirate dal magazzino regionale già da domenica sera e sono a disposizione delle Province. Regione Lombardia, con la collaborazione del volontariato di Protezione Civile e in coordinamento con le Prefetture, le Province ed Anci, ne ha avviato da lunedì mattina una distribuzione massiccia».

Lo comunica in una nota l'assessore di Regione Lombardia alla Protezione Civile, Pietro Foroni, che spiega di aver altresì inoltrato alle Province nella prima mattinata «una lettera esplicativa con i dettagli per la distribuzione per quanto riguarda la suddivisione dei pezzi da destinare ai singoli Comuni».

«La distribuzione delle mascherine alle singole realtà locali è iniziata e verrà conclusa entro mercoledì sera al massimo. Dopodichè Regione Lombardia lascia la flessibilità ai sindaci, che meglio di tutti conoscono il loro territorio, di stabilire a chi destinare i dispositivi di protezione individuale in questione e quali modalità di distribuzione attuare - prosegue la nota -. Si ricorda comunque che in Lombardia vige semplicemente l'obbligo di coprirsi naso e bocca quando si esce di casa, e che le mascherine sono essenzialmente un aiuto in più per le fasce più deboli della popolazione. Si ricorda altresì che i dispositivi in distribuzione sono strumenti protettivi di prevenzione non adatti per un uso in ambito sanitario. La fornitura dei dispositivi necessari a personale sanitario viene, infatti, garantita dalla Direzione Welfare di Regione Lombardia».

A Lecco la prima fornitura destinata ai Comuni è stata distribuita ai singoli Comuni lunedì stesso. La fornitura per la popolazione è distribuita su 3 hub provinciali ed è stata data indicazione ai Comuni di recarsi a prendere le mascherine entro le 18 di oggi.

«Ancora troppi spostamenti, rialzo nel fine settimana»

Anche nella giornata di ieri, domenica, sono aumentati gli spostamenti in Lombardia: «I dati ci dicono che abbiamo avuto un +1% rispetto a domenica scorsa» e «mediamente» l'ultima settimana lavorativa segna «l'1-1,5% in più di movimenti rispetto sempre alla settimana scorsa». Lo ha detto il vicepresidente di Regione Lombardia, Fabrizio Sala commentando i dati relativi ai cambi di celle alle quali si agganciano gli smartphone rilevati dalle compagnie che gestiscono i sistemi di telefonia mobile. Il vicepresidente ha ribadito, osservando i grafici, che «è chiaro come migliaia di persone in più si siano spostate ieri, giornata festiva, generando una mobilità che non è imputabile a necessità di carattere lavorativo».

I movimenti maggiori di ieri si sono verificati «alle 12, alle 18 e cosa strana anche alle 23: un picco di movimenti anomalo che stiamo cercando di analizzare e ci ha sorpreso - ha aggiunto Sala -. Complice il bel tempo in questo weekend, i lombardi sono usciti di più rispetto al precedente fine settimana». L'appello del vicepresidente Sala è quello «di non vanificare gli sforzi uscendo in maniera sconsiderata per corsette o passeggiate che si possono evitare. Capisco che con il bel tempo si faccia fatica a restare in casa, ma è troppo importante limitare qualsiasi contatto con altre persone. I dati ci dimostrano che le misure fin qui adottate stanno portando i frutti sperati».

Gli spostamenti dei cittadini lombardi sono aumentati anche nelle giornate di giovedì 2 aprile e venerdì 3 aprile come si evince dai dati che quotidianamente Regione Lombardia rileva. «Nei giorni feriali, soprattutto giovedì e venerdì, la mobilità è cresciuta in media del 2% rispetto agli stessi giorni della settimana precedente. Non va bene - ha rimarcato il vicepresidente Sala - dobbiamo fare appello al senso di responsabilità dei cittadini lombardi affinchè capiscano l'importanza di non uscire, se non per stretta necessità».

«Lo ripetiamo: non bisogna uscire e, se si deve andare a fare la spesa, è opportuno sia uno solo per famiglia e si approvvigioni di quel che serve per più giorni, evitando così di uscire quotidianamente. Più persone si recano nei negozi o nei supermercati per piccole spese - ha concluso Fabrizio Sala - più si producono code eccessive».

spostamenti lombardia 5 aprile 2020-2

«Nomadi hanno occupato le case popolari»

«Sono sempre più numerose le segnalazioni di nomadi che alloggiano abusivamente nelle case degli anziani ricoverati per Covid-19 a Milano. I cittadini onesti non meritano tutto ciò». Lo dichiara l'assessore regionale alla Sicurezza, Immigrazione e Polizia locale, Riccardo De Corato. «Ho apprezzato l'impegno del Prefetto di Milano Renato Saccone - aggiunge l'assessore - a far sgomberare le case non appena gli anziani usciranno dall'ospedale. Adesso bisogna presidiare questi luoghi per impedire nuove occupazioni».

«La Polizia locale promessa dal Sindaco di Milano il 23 marzo non si è ancora vista - conclude De Corato -. Chiedo pertanto di utilizzare i 62 agenti, rientrati oggi in servizio, nei quartieri popolari. Dopo aver occupato abusivamente le case i nomadi continuano a rimanere all'aperto creando veri e propri assembramenti, come testimoniano le foto che continuo a ricevere via mail o che vediamo pubblicate sui social».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia nel Comando della Polizia Locale: colpo di pistola, muore un giovane agente

  • Tragedia a Valgreghentino: giovane giardiniere muore travolto da un escavatore

  • Emergenza Covid: a San Girolamo chiese chiuse e Padri Somaschi in quarantena

  • Oggi a Villa San Carlo i funerali Ugo Gilardi, «Un ragazzo d'oro»

  • Lecco si sveglia in zona arancione: ecco cosa cambia dalla "rossa"

  • Regione Lombardia, Fontana conferma: «Da domenica saremo in "zona arancione". No al "liberi tutti"»

Torna su
LeccoToday è in caricamento