Coronavirus, l'appello di sindaci e Usuelli: «Non mandiamo in crisi il sistema sanitario»

Nota unanime dei primi cittadini: «Nei prossimi giorni insieme alla Prefettura di Lecco daremo indicazioni più precise»

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di LeccoToday

Il Presidente della Provincia di Lecco Claudio Usuelli e i Sindaci dei Comuni del territorio provinciale lanciano un appello a tutti i loro cittadini:

«Alla luce delle disposizioni del decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri dell’8 marzo 2020 invitiamo i nostri cittadini ad adottare tutte le misure necessarie a contenere il rischio di diffusione del Coronavirus.

In particolare chiediamo di ridurre gli spostamenti, limitandoli a esigenze lavorative, a situazioni di necessità o a motivi di salute, ed evitare qualsiasi assembramento, anche informale, in luoghi come centri commerciali, negozi, parchi, prati, piazze, che possa facilitare la diffusione del virus.

Tutto ciò è necessario per non mandare in crisi il sistema sanitario che da subito ha reagito bene a questa situazione di emergenza senza precedenti, ma che ha dei limiti oggettivi dal punto di vista strutturale che non devono essere assolutamente superati.

Occorre evitare di mandare in sovraccarico e in crisi le terapie intensive delle strutture sanitarie, altrimenti si rischia di non avere più posti letti e personale medico e infermieristico da impiegare in questa situazione d’emergenza.

Nei prossimi giorni insieme alla Prefettura di Lecco daremo indicazioni più precise, nel frattempo richiamiamo tutti i cittadini a un senso di responsabilità per affrontare in modo efficace questa seria emergenza».

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccoToday è in caricamento