rotate-mobile
Sabato, 22 Gennaio 2022
Tempi infiniti / Viale Giacomo Brodolini

Vaccinarsi contro il Covid sta diventando un'impresa: due ore (e passa) di attesa al PalaTaurus

Non bastano le otto linee aperte tra "Manzoni" e "Mandic": le quindici di viale Brodolini faticano a smaltire l'alto numero di accessi

Richiami dopo il monodose Johnson&Johnson, terze dosi, per qualcuno ancora il ciclo primario (prima e seconda dose). La sommatoria di questi eventi, unita alla chiusura dei centri di prossimità di Barzio e della Technoprobe di Cernusco Lombardone, sta creando gravi disagi al PalaTaurus di Lecco, unico centro vaccinale massivo della provincia. E non bastano le otto linee aperte tra gli ospedali "Manzoni" (sei) e "Mandic" di Merate: la coda, in viale Brodolini, si allunga per centinaia di metri e viene percorsa in circa due ore di tempo.

Covid: da venerdì nuove linee vaccinali all'ospedale Manzoni

Il problema degli anziani

Sabato mattina il problema si è riproposto: a subirne le conseguenze sono soprattutto le persone anziane, obbligate ad aspettare al freddo. Per porre rimedio al problema, infatti, in un secondo momento è stata data precedenza proprio alle persone più avanti con l'età, mentre tante persone hanno scelto di lasciare la fila e fare ritorno a casa; a qualcuno è stata data la possibilità di tornare un altro giorno con la stessa prenotazione.

Da venerdì 3 dicembre sono attive per l’Asst di Lecco:

  • n. 15 linee vaccinali presso il Centro Vaccinale Massivo Palataurus di Lecco;
  • n. 6 linee vaccinali presso l’Ospedale “Alessandro Manzoni” di Lecco;
  • n. 2 linee vaccinali presso il Distretto Merate – Ospedale “San Leopoldo Mandic” di Merate.
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vaccinarsi contro il Covid sta diventando un'impresa: due ore (e passa) di attesa al PalaTaurus

LeccoToday è in caricamento