rotate-mobile
Lunedì, 24 Gennaio 2022
Le novità

Contatto con positivo, quarantena, isolamento: come sono cambiate le regole anti Covid-19

Con l'arrivo di gennaio sono entrate in vigore varie novità: il riassunto

Il mese di gennaio è e sarà particolare per la gestione della pandemia di Covid-19. Ci sono diversi giorni da segnale sul calendario: sono quelli in cui scattano le nuove regole decise dal Governo per cercare di arginare il dilagare della variante Omicron. A partire da lunedì 3 gennaio, quando mezza Italia è entrata in zona gialla. Poi ci sono le nuove regole per gli stadi, una sorta di semi lockdown per i non immunizzati e poi un incentivo per la terza dose.

  • Cambia la quarantena;
  • Italia in giallo;
  • Super green pass per i lavoratori;
  • riaprono gli stadi;
  • nuove regole a scuola. 

È già sparita dal primo gennaio la quarantena per i soggetti asintomatici, cioè per chi è stato a contatto un con positivo, ma non ha i sintomi del Covid. Però bisogna avere la dose booster del vaccino o aver finito il primo ciclo vaccinale (prima e seconda dose) nei quattro mesi precedenti al contatto. Si può anche aver avuto il Covid ed essere guariti da meno di 120 giorni. Invece della quarantena c’è un regime di auto sorveglianza ( ci si monitora nello stato di salute) per cinque giorni, con l’obbligo di girare con la mascherina Ffp2 per almeno altri dieci. Chi è vaccinato da oltre quattro mesi, se asintomatico, deve invece fare una quarantena di cinque giorni, dunque non può uscire di casa. Non cambia niente per i non vaccinati: la quarantena resta di dieci giorni. 

Quarantena e isolamento: cosa fare

Tornano decisamente utili le infografiche diffuse dalla Croce Rossa Italiana, oltre alla tabella sinottica diffusa da Regione Lombardia:regole quarantena isolamento 5 gennaio 20211-2

Zona gialla, Super green pass, sport, scuola e mascherine

Da lunedì 3 gennaio sono in zona gialla Lombardia, Piemonte, Lazio, Sicilia Calabria, Friuli Venezia Giulia, Liguria, Marche, Veneto e le Province autonome di Bolzano e Trento. In queste regioni mascherina obbligatoria all'aperto e nessun limite agli spostamenti, mentre tutte le attività restano aperte. 

Il 5 gennaio il Consiglio dei Ministri potrebbe dare il via ad un'ulteriore spinta alla vaccinazione con il Super green pass obbligatorio per i lavoratori. Cosa significa? Che se si vuole lavorare non basterà più anche solo tampone, ma si dovrà essere vaccinati. Se l’obbligo vaccinale è già previsto per sanitari, forze dell'ordine e insegnanti. Ora si potrebbe passare all'obbligo del certificato verde rafforzato partendo dai dipendenti pubblici che fanno lavoro di contatto con il pubblico. Poi si vedrà andando avanti. Anche perchè è tutto da decidere.

Il 6 gennaio sarà il giorno degli stadi, che riaprono in presenza al 50%. Dunque gli stadi torneranno a riempirsi a metà, come per tutte le strutture all’aperto e i palazzetti dello sport. Per tute le altre strutture al chiuso, il massimo della presenza è il 35%.

Il 7 gennaio è il girono della scuola. In Italia tra il 7 e il 10 gennaio si torna a scuola con gli insegnanti obbligati a portare la mascherina ffp2. Poi bisognerà vedere cosa deciderà il Governo, che potrebbe prevedere, nel caso di due studenti positivi in una classe, solo l’auto sorveglianza (cinque giorni) per i ragazzi vaccinati e la quarantena di dieci con Dad e test al termine dell'isolamento per i non vaccinati. Nelle scuole dell'infanzia resterebbe la quarantena di dieci giorni per tutti con tampone con un solo caso positivo.   

Da segnare anche la data del 10 gennaio, quando cambieranno le cose per terza dose e non vaccinati. Sarà un giorno in cui si farà un ulteriore giro di vite nei confronti di chi non si è vaccinato da una parte; verrà incentivato invece chi il vaccino se lo vuole fare. Per i non vaccinati diventeranno off limits mezzi di trasporto, fiere, alberghi dove sarà obbligatorio il super green pass, dunque la certificazione verde per vaccino. Solo chi ha fatto la dose potrà salire su treni, bus, metrò e tutti gli altri mezzi di trasporto, mangiare nei locali sia all’aperto che al chiuso, entrare in alberghi, andare a fiere, sugli impianti sciistici. Dall’altro al via con la dose booster dopo quattro mesi dalla dose precedente.

Novità in arrivo anche a febbraio e marzo. Dal primo febbraio si accorcia la durata del Super green pass rafforzato, che scade a sei mesi dall'ultima somministrazione e non più a nove. A gennaio il commissario Figliuolo ha firmato un protocollo con farmacie e rivenditori per calmierare il prezzo delle mascherine ffp2: il prezzo sarà di 0,75 euro.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Contatto con positivo, quarantena, isolamento: come sono cambiate le regole anti Covid-19

LeccoToday è in caricamento