rotate-mobile
Le misure / Acquate - Malnago - Falghera - Deviscio / Corso Promessi Sposi

Finisce lo stato di emergenza, si monitorano i trasporti

Nulla cambia per il comparto scuola, mentre tra una decina di giorni si parlerà nuovamente di quello dei trasporti

Giovedì 31 marzo sarà l'ultimo giorno legato allo stato di emergenza. Con l'arrivo di aprile scadrà la fase acuta della pandemia di Covid-19, che consentirà così di avere delle misure meno restrittive anche per quanto riguarda scuola e trasporti. Proprio vista l'imminente cessazione dello stato di emergenza sanitaria, con il conseguente venir meno dei limiti di riempimento dei mezzi di trasporto pubblico locale, durante la mattinata di mercoledì 30 marzo il viceprefetto vicario reggente Laura Motolese ha riunito il Tavolo di Coordinamento dei comparti scuola e trasporti, “anche al fine d'individuare i servizi di trasporto aggiuntivi che è necessario mantenere per evitare criticità per l’utenza”.

Scuola e trasporti: cosa cambia con la fine dello stato di emergenza

Per quanto riguarda il comparto Scuola, il termine dello stato di emergenza non impatta in maniera sostanziale sull'organizzazione provinciale degli ingressi scolastici, sostanzialmente improntata sul turno unico. Rispetto al comparto trasporti, si è invece concordato di procedere ad una fase di rilevazione e monitoraggio per la prima settimana di aprile, al termine della quale saranno individuati i servizi aggiuntivi da mantenere, consentendo anche alle aziende di trasporto di rimodulare gli attuali assetti organizzativi.

Il Tavolo di Coordinamento si riunirà nuovamente entro il prossimo 8 aprile per esaminare i risultati del monitoraggio nel frattempo effettuato, decidendo così le misure da applicare.

Cosa cambia sui treni

Con il termine dello stato di emergenza, da venerdì 1 aprile i posti sui treni Trenord saranno occupabili fino al 100% della capienza complessiva. A bordo i passeggeri saranno tenuti a indossare la mascherina Ffp2 per tutta la durata del viaggio. Per viaggiare non sarà più obbligatorio essere in possesso del Green Pass rafforzato, né del Green Pass base. Il servizio ferroviario è potenziato in modo da garantire la massima composizione dei convogli, in particolare sulle linee e negli orari a maggiore frequentazione. Ogni giorno Trenord effettua 2174 corse, per oltre 1 milione e 30mila posti a sedere complessivi, a fronte di una domanda che attualmente è di circa 550mila viaggiatori.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Finisce lo stato di emergenza, si monitorano i trasporti

LeccoToday è in caricamento