menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il lago ad Abbadia (foto di repertorio)

Il lago ad Abbadia (foto di repertorio)

Nuvole e pioggia: scongiurato l'esodo da fuori nei paesi del lago

Per ora il meteo aiuta i sindaci, situazione sotto controllo. Ad Abbadia «persone rispettose delle regole». Mandello, Fasoli: «Il cibo da asporto non va consumato davanti ai locali»

C'era preoccupazione, nei paesi della riviera lacustre, per questa domenica 10 maggio 2020, la prima dopo la parziale riapertura post-4 maggio. Si temeva infatti un esodo non autorizzato dalle province limitrofe, in particolar modo da Milano: un'eventualità che aveva spinto i sindaci, nel corso della settimana, a emanare ordinanze per vietare l'attività motoria (e dunque anche le passeggiate) ai non residenti giunti con mezzi a motore.

I sindaci della provincia di Lecco: «Sport, vietati gli spostamenti con i mezzi a motore»

Una mano agli amministratori, in questo senso, è per ora arrivata dal meteo che ha portato le nuvole e anche qualche goccia di pioggia sul territorio lecchese. Al momento basta per scongiurare situazioni difficili da controllare. Le forze dell'ordine continuano comunque a monitorare.

Nel frattempo sabato ad Abbadia Lariana sono state consegnate le mascherine lavabili a tutti i bambini del paese tra i 6 e i 14 anni. Si tratta di particolari Dpi sui quali è possibile colorare con pennarelli adatti ai tessuti la parte centrale esterna, senza comprometterne le caratteristiche.

«Siamo molto soddisfatti della situazione in paese, nel corso della giornata odierna (sabato, ndr) abbiamo visto persone rispettose delle regole - ha spiegato il sindaco Roberto Azzoni - Continuiamo su questa strada».

"Fase 2", i sindaci lecchesi ribadiscono: «Non è in corso uno scontro istituzionale»

Nella vicina Mandello il sindaco Riccardo Fasoli ha ricordato, con il bollettino del 9 maggio, ai propri concittadini - e dopo numerose segnalazioni di "assembramenti" in paese davanti ai locali - che il cibo da asporto va consumato presso la propria abitazione o il luogo di lavoro, oppure camminando verso gli stessi. «Cerchiamo - ha proseguito Fasoli - di effettuare attività motoria nei luoghi meno affollati. Evitiamo i centri storici e le aree con attività economiche aperte che già comportano presenza di persone».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il futuro dell'ex "Larius"? Guarda a Oriente: a Lecco apre Nima

Attualità

Priscilla cerca casa: «È dolcissima»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento