Venerdì, 24 Settembre 2021
Attualità Via dell'Eremo, 9-11

Emanuele, primo lecchese vaccinato: «Non voglio essere un pericolo per i miei cari»

Infermiere al Manzoni, ha scelto consapevolmente: «Ho pensato alla mia famiglia e a chi mi sta intorno». Antonella Angioni, dell'impresa di pulizie Dussmann: «Desidero essere da esempio per i colleghi»

È stato il primo in assoluto a ricevere la vaccinazione in provincia di Lecco, e c'è da giurare che il suo volto e il suo nome resteranno nella memoria di tutti. Emanuele Moretti, infermiere, non ha nascosto la sua emozione, domenica all'ospedale Manzoni, per avere scelto (come tutte le persone che si sottoporranno alla campagna, trattandosi di adesione volontaria) di presentarsi all'appello della Asst Lecco e per essere stato scelto come "paziente zero".

La lotta al covid entra nel vivo: somministrati i primi 50 vaccini a Lecco

«Ho scelto di esserci per due motivi - ha spiegato - Lavorando in ospedale non voglio costituire un pericolo per i miei cari, ma lo faccio anche per tutelare le altre persone». Fra i primi cinquanta sottoposti alla vaccinazione nella giornata di domenica, Antonella Angioni in rappresentanza dell'azienda di servizi Dussmann, che a sua volta visibilmente commossa ha dichiarato: «Sono qui perché voglio fungere da esempio per tutti i miei colleghi e le colleghe».

Signorelli e il vaccino: «Primo passo di rinascita dopo un anno tremendo»

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Emanuele, primo lecchese vaccinato: «Non voglio essere un pericolo per i miei cari»

LeccoToday è in caricamento