Dal Governo 15mila euro a Lecco per adeguarsi alla didattica a distanza

Questa la somma destinata agli istituti della nostra provincia per far fronte all'emergenza scolastica. L'onorevole Currò (M5S): «Serviranno a garantire la connessione»

L'onorevole Giovanni Currò

«Nel Decreto Ristori, approvato mercoledì pomeriggio in Consiglio dei Ministri, sono stati stanziati ulteriori 85 milioni di euro per la didattica digitale integrata, che permetteranno a stretto giro l'acquisto di oltre 200mila nuovi dispositivi e oltre 100mila strumenti per le connessioni» fa sapere l'Onorevole Giovanni Currò, vicepresidente della Commissione Finanze della Camera.

Lavori straordinari nelle scuole, a Lecco in arrivo quattro milioni di euro

Inoltre, grazie a un decreto firmato dal ministro Azzolina, sarà possibile concedere alle scuole secondarie di secondo grado ulteriori 3,6 milioni di euro, per garantire la connessione e, quindi, la didattica digitale integrata a studentesse e studenti che ne fossero ancora privi. 

«È pari a 460.740 euro la somma totale che arriverà alle scuole della Lombardia. Nello specifico gli istituti della provincia di Lecco riceveranno un contributo di 15.108 euro. Il quale servirà a garantire la connessione e, quindi, la didattica digitale integrata, a studentesse e studenti che ne fossero ancora privi» ha continuato Currò. «In un momento così difficile la scuola rimane tra le priorità del governo, per poter permettere a tutti gli studenti di accedere al servizio scolastico anche a distanza».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia nel Comando della Polizia Locale: colpo di pistola, muore un giovane agente

  • Tragedia a Valgreghentino: giovane giardiniere muore travolto da un escavatore

  • Emergenza Covid: a San Girolamo chiese chiuse e Padri Somaschi in quarantena

  • Oggi a Villa San Carlo i funerali Ugo Gilardi, «Un ragazzo d'oro»

  • Lecco si sveglia in zona arancione: ecco cosa cambia dalla "rossa"

  • Regione Lombardia, Fontana conferma: «Da domenica saremo in "zona arancione". No al "liberi tutti"»

Torna su
LeccoToday è in caricamento